La crisi economica in Afghanistan si aggrava con la fine del ponte aereo

Kabul, 28 agosto (AFP) – Centinaia di afgani hanno protestato sabato davanti a una banca a Kabul, e altri hanno formato lunghe code agli sportelli automatici quando un’agenzia delle Nazioni Unite ha avvertito che un peggioramento della siccità potrebbe lasciare milioni di persone bisognose di aiuti umanitari.
All’aeroporto di Kabul, migliaia di persone si stanno ancora radunando nella speranza di fuggire dal Paese, anche dopo che l’attacco suicida di giovedì ha ucciso 169 afgani e 13 membri del servizio degli Stati Uniti e tra gli avvertimenti di ulteriori attacchi.
Il massiccio ponte aereo guidato dagli Stati Uniti è in fase di completamento, con diversi paesi occidentali che stanno completando i propri sforzi di evacuazione prima della scadenza di martedì.
La crisi economica, che ha preceduto la presa del potere da parte dei talebani all’inizio di questo mese, potrebbe dare influenza ai paesi occidentali poiché esorta i nuovi governanti dell’Afghanistan a formare un governo moderato e inclusivo e consentire alle persone di andarsene dopo il ritiro programmato delle forze statunitensi il 31 agosto.
L’Afghanistan dipende molto dagli aiuti internazionali, che hanno coperto circa il 75% del budget del governo sostenuto dall’Occidente. I talebani hanno affermato di volere buone relazioni con la comunità internazionale e hanno promesso una forma di governo islamico più moderata rispetto all’ultima volta che avevano governato il Paese, ma molti afghani sono profondamente scettici.
Tra i manifestanti presso la nuova Kabul Bank c’erano diversi dipendenti pubblici che chiedevano i loro stipendi, che secondo loro non erano stati pagati da tre a sei mesi. Hanno detto che sebbene le banche abbiano riaperto tre giorni fa, nessuno è stato in grado di prelevare i soldi.
Gli sportelli automatici sono ancora in funzione, ma i prelievi sono limitati a circa $ 200 ogni 24 ore, il che contribuisce alle lunghe code.
Nel frattempo, un’agenzia delle Nazioni Unite ha avvertito che l’aggravarsi della siccità minaccia i mezzi di sussistenza di oltre 7 milioni di persone. L’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura con sede a Roma ha affermato che anche gli afgani stanno soffrendo per la pandemia di coronavirus e per lo sfollamento dovuto ai recenti combattimenti.
All’inizio di questo mese, il Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite ha stimato che circa 14 milioni di persone – circa un afghano su tre – hanno urgente bisogno di aiuti alimentari.
La FAO ha affermato che è necessaria un’assistenza fondamentale prima della stagione invernale della semina del grano, che inizia un mese dopo in molte regioni. Finora, il finanziamento coprirà aiutare solo 110.000 famiglie di agricoltori, mentre 1,5 milioni hanno bisogno di assistenza, ha detto l’agenzia, aggiungendo che il raccolto attuale dovrebbe essere inferiore del 20% lo scorso anno.
Il presidente Joe Biden ha detto che rispetterà la scadenza del 31 agosto per il ritiro di tutte le forze statunitensi. I talebani, che controllano quasi tutto il Paese fuori dall’aeroporto di Kabul, hanno rifiutato ogni proroga.
L’Italia ha affermato che il suo ultimo volo di evacuazione è atterrato a Roma, ma che collaborerà con le Nazioni Unite e i vicini dell’Afghanistan per continuare ad aiutare gli afgani che hanno lavorato con il suo contingente militare a lasciare il paese.
“Il nostro dovere deve essere quello di non abbandonare il popolo afghano”, ha detto sabato il ministro degli Esteri italiano Luigi Di Maio, in particolare donne e bambini. Ha detto che l’Aeronautica Militare italiana ha evacuato 4.890 afgani in 87 voli, ma non ha detto quanti altri erano ancora ammissibili.
I talebani hanno incoraggiato gli afgani a rimanere nel paese e hanno promesso l’amnistia anche a coloro che hanno combattuto contro di loro. Hanno detto che i voli commerciali sarebbero ripresi dopo il ritiro degli Stati Uniti, ma non era chiaro se le compagnie aeree fossero pronte a fornire il servizio.
Gli Stati Uniti e i loro alleati hanno affermato che continueranno a fornire aiuti umanitari attraverso le Nazioni Unite e altri partner, ma qualsiasi impegno più ampio, compresa l’assistenza allo sviluppo, dipenderà probabilmente dal fatto che i talebani mantengano le loro promesse di un governo più moderato.
Quando i talebani hanno governato l’Afghanistan per l’ultima volta, dal 1996 fino all’invasione guidata dagli Stati Uniti nel 2001, hanno imposto un’interpretazione rigorosa della legge islamica. Le donne sono state in gran parte confinate nelle loro case, la televisione e la musica sono state vietate e i sospetti criminali sono stati mutilati o giustiziati in pubblico.
Questa volta, i talebani affermano che le donne potranno andare a scuola e lavorare fuori casa. Hanno negoziato con alti funzionari afgani dei precedenti governi e affermano di volere un “governo islamico inclusivo”. Ma anche se i vertici del gruppo hanno usato un tono più moderato, ci sono state segnalazioni di violazioni dei diritti umani nelle aree controllate dai talebani. Non è chiaro se i combattenti agissero secondo ordini o da soli.
I combattenti talebani hanno picchiato un cameraman per il canale televisivo privato Tolo all’inizio di questa settimana a Kabul. Saad Mohseni, amministratore delegato del gruppo proprietario del canale, ha affermato che i talebani sono in contatto con la direzione della stazione per l’incidente. Ha detto che il combattente era stato identificato, ma non era chiaro se avesse dovuto affrontare azioni disciplinari. Nessun commento da parte dei talebani. (AFP)
L’Agenzia per la sicurezza nazionale

READ  Le ripercussioni economiche del crollo del turismo causato dal Corona virus nell'eurozona

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Adrian Grenier vorrebbe riportare “Entourage”
Next Post Prima delle vacanze estive, Perez sapeva che il futuro della Red Bull F1 era sicuro