È probabile che l’economia britannica subirà un ulteriore calo rispetto all’Eurozona il prossimo anno

È probabile che l’economia britannica subirà un ulteriore calo rispetto all’Eurozona il prossimo anno

La crescita economica della Gran Bretagna diminuirà più della zona euro il prossimo anno e l’inflazione rimarrà elevata, secondo nuove proiezioni che dipingono uno sfondo cupo per le imminenti elezioni generali.

Il prodotto interno lordo dovrebbe crescere dello 0,6% nel 2024, ben al di sotto del previsto aumento dell’1% nella zona euro, secondo un sondaggio mensile di economisti di Bloomberg.

La cifra britannica è stata rivista al ribasso di 0,3 punti percentuali rispetto all’ultima lettura, il più grande cambiamento nel sondaggio. Quest’anno potrebbe raggiungere una magra crescita dello 0,2%.

Mentre alcuni economisti, inclusi gli analisti di Bloomberg, hanno sollevato lo spettro di una possibile recessione quest’anno, la maggior parte degli intervistati si aspetta ancora che il Regno Unito eviti una recessione prolungata.

Tuttavia, vedono una prospettiva in peggioramento e una recessione fino al 2024, che farà ben poco per sostenere l’offerta del primo ministro Rishi Sunak di vincere le elezioni che devono tenersi entro l’inizio del 2025.

La fiducia è diminuita drasticamente tra i direttori finanziari di alcune delle più grandi società quotate del Regno Unito. Un netto 10% dei CFO intervistati da Deloitte era meno ottimista sulle prospettive finanziarie della propria attività rispetto a tre mesi fa, in calo rispetto a un saldo del 25% che era più ottimista nel primo trimestre.

Sia il governo conservatore che l’opposizione laburista metteranno l’economia al centro della loro campagna elettorale nel tentativo di conquistare le famiglie e le imprese assediate. I conservatori hanno attualmente solo il 25% dei voti rispetto al 43% dei laburisti, secondo l’ultimo sondaggio YouGov/Times.

La Confederation of British Industry è entrata nella controversia in un rapporto pubblicato lunedì suggerendo che la crescita verde – progetti per allontanare il Regno Unito dai combustibili fossili e verso l’energia pulita – potrebbe generare un aumento di 57 miliardi di sterline (66 miliardi di euro) del prodotto interno lordo entro il 2030. , che equivale tra l’1,6% e il 2,4% del PIL.

READ  Il Ruanda cerca collaborazione con la società italiana di energia verde | nuovi tempi

Mentre il Regno Unito fa fatica a trovare uno slancio, la zona euro dovrebbe crescere dello 0,5% quest’anno e dell’1% il prossimo, poiché i forti rimbalzi di Francia, Italia e Spagna – e della Germania nel 2024 – contribuiranno a migliorare le prestazioni della regione, secondo un Sondaggio Bloomberg.

Le aspettative di inflazione nel Regno Unito sono state riviste al rialzo più di qualsiasi altra grande economia europea. Gli economisti si aspettano che Sunak raggiunga il suo obiettivo di dimezzare l’inflazione entro la fine dell’anno, ma ora si aspettano che il tasso per il quarto trimestre sia del 4,8%, rispetto al 4,6% precedente.

•Bloomberg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *