La Casa Bianca e l’Unione Europea hanno annunciato l’espulsione di “banche russe selezionate” dal sistema SWIFT

Scritto da Kaitlan Collins, Phil Mattingly, Kevin Liptak e Donald Judd, CNN

La Casa Bianca, insieme a Francia, Germania, Italia, Regno Unito e Canada, ha annunciato sabato sera che avrebbe deciso di espellere russo banche da Velocela rete di alta sicurezza che collega migliaia di istituzioni finanziarie in tutto il mondo, giurando di “assicurare collettivamente che questa guerra sia un fallimento strategico del (presidente russo Vladimir) Putin”.

“Ciò assicurerà che queste banche siano disconnesse dal sistema finanziario internazionale e danneggino la loro capacità di operare a livello globale”, hanno scritto in una dichiarazione congiunta rilasciata dalla Casa Bianca, e hanno anche promesso “misure restrittive che impediranno alla Banca centrale russa di dispiegare i suoi Servizi.” riserve internazionali in modi che minano l’impatto delle nostre sanzioni” e limitano la vendita di “passaporti d’oro” che consentono agli oligarchi russi di evitare il peso delle sanzioni già in vigore.

Funzionari statunitensi ed europei hanno anche discusso di prendere di mira la Banca centrale russa con sanzioni, secondo due persone che hanno familiarità con i colloqui, una mossa senza precedenti per un’economia delle dimensioni della Russia.

La gente ha detto che non sono state prese decisioni finali e la struttura delle sanzioni in discussione rimane poco chiara.

Ma queste mosse hanno portato a una drammatica escalation dei tentativi dell’Occidente di isolare e punire Putin, e sembravano convergere rapidamente nelle ultime ore e giorni. In una conferenza stampa giovedì, Biden è stato pressato sul motivo per cui avrebbe evitato di far uscire la Russia dal sistema Swift o di punire Putin personalmente. Meno di 48 ore dopo, ha fatto entrambe le cose.

Prendere di mira la banca centrale colpirebbe il cuore dello sforzo durato anni di Putin per isolare la sua economia dalle sanzioni.

La Russia ha accumulato la quarta riserva valutaria più grande del mondo con oltre 630 miliardi di dollari, allontanandosi dalle sue riserve di dollari USA. Entrambe le mosse forniscono una zona cuscinetto dalle sanzioni statunitensi, anche se il pacchetto completo lanciato questa settimana ha già causato gravi perturbazioni all’economia russa.

Sebbene le discussioni sulla Banca centrale russa siano state descritte come ancora in fase iniziale, il suo studio sottolinea la portata della volontà di intensificare significativamente le sanzioni a Washington e Bruxelles.

Gli Stati Uniti e i loro alleati hanno già imposto sanzioni significative contro il settore finanziario russo, comprese pesanti sanzioni contro il più grande prestatore russo.

Sabato scorso, la CNN ha riferito che Biden aveva preso in considerazione l’idea di espellere la Russia da SWIFT, ma non aveva ancora preso una decisione definitiva. L’espulsione della Russia interamente da SWIFT, o Society for Worldwide Interbank Financial Telecommunication, è stata presentata come una “opzione nucleare-fiscale”, con il presidente e i suoi collaboratori che hanno evidenziato la complessità del blocco e hanno notato che gli Stati Uniti non potevano agire unilateralmente.

“Questa non è la posizione che il resto d’Europa vorrebbe prendere”, ha detto Biden ai giornalisti giovedì.

Sabato gli Stati Uniti e altri paesi hanno anche annunciato il lancio di una “Task Force transatlantica” la prossima settimana “per garantire l’effettiva attuazione delle nostre sanzioni finanziarie identificando e congelando i beni delle persone e delle società sanzionate nelle nostre giurisdizioni”.

Come parte dell’annuncio, hanno anche promesso di intensificare gli sforzi per combattere la disinformazione.

“Siamo con il popolo ucraino in quest’ora buia. Anche al di là delle misure che annunciamo oggi, siamo pronti a intraprendere ulteriori azioni per ritenere la Russia responsabile del suo attacco all’Ucraina”.

La dichiarazione lascia ancora i dettagli tecnici effettivi – e quali specifici istituti di credito russi saranno esclusi da SWIFT – poco chiari e i funzionari statunitensi e dell’UE stanno ancora preparando i dettagli finali della misura.

Ma l’impegno ad agire che solo pochi giorni fa sembrava essere fuori discussione a causa delle obiezioni europee, rappresenta un’escalation mirata ma colpita dal terremoto in risposta all’invasione russa dell’Ucraina. Biden ei suoi collaboratori hanno evidenziato la complessità del divieto russo al regime di Swift, osservando che gli Stati Uniti non possono agire unilateralmente. “Questa non è la posizione che il resto d’Europa vorrebbe prendere”, ha detto Biden ai giornalisti giovedì.

Ma da quando la conferenza stampa di Biden ha annunciato nuove sanzioni alla Russia per il suo attacco non provocato, l’amministrazione sembra avvicinarsi a quella posizione poiché altri alleati europei hanno iniziato a darle il loro sostegno.

L’amministrazione ha discusso la questione con la Federal Reserve, che avrà interesse a qualsiasi decisione, secondo un funzionario.

La Casa Bianca ha affrontato le richieste dell’Ucraina e dei legislatori statunitensi al Congresso di rimuovere la Russia dal regime di Swift dopo che Putin ha ordinato un’invasione dell’Ucraina giovedì. Regno Unito, Lituania, Estonia e Lettonia sono stati tra i primi paesi a sostenere gli appelli di Kiev per separare la Russia dalla rete.

Sabato, la Germania, che in precedenza aveva avvertito di un “impatto tremendo” sugli affari tedeschi se la Russia dovesse essere bandita da SWIFT, ha segnalato in qualche modo il suo sostegno alle restrizioni.

Il ministro degli Esteri tedesco Annalena Barbock e il ministro dell’Economia tedesco Robert Habeck hanno affermato in un tweet congiunto di essere “estremamente sotto pressione per evitare danni collaterali quando si separa la (Russia) da SWIFT in modo che colpisca le persone giuste. Ciò di cui abbiamo bisogno è una limitazione mirata e pratica di VELOCE.”

All’inizio della giornata, l’Italia ha indicato che sosterrà anche le misure per espellere la Russia dal sistema Swift dopo che il primo ministro Mario Draghi ha dichiarato al presidente ucraino Volodymyr Zelensky che “l’Italia sostiene pienamente la posizione dell’UE sulle sanzioni contro la Russia, comprese quelle relative al sistema Swift .” E devi continuare a farlo.”

I commenti di Draghi sono stati particolarmente notevoli data l’esposizione dell’economia italiana all’energia.

Un funzionario dell’amministrazione ha affermato in precedenza che sarebbero probabili ulteriori sanzioni se Kiev, la capitale ucraina assediata, fosse caduta.

Un funzionario della Casa Bianca ha detto alla Galileus Web che “come il presidente e i funzionari dell’amministrazione hanno chiarito, siamo concentrati sul coordinamento con alleati e partner per imporre maggiori costi al presidente russo Vladimir Putin per la sua guerra preferita”, ma ha rifiutato di commentare ulteriormente.

Rimuovere la Russia dal sistema SWIFT danneggerebbe la Russia così come le principali economie europee e influenzerebbe le esportazioni di energia verso il continente.

Renderebbe più difficili le transazioni finanziarie internazionali, scioccando le società russe ei loro clienti stranieri, in particolare gli acquirenti di esportazioni di petrolio e gas denominate in dollari USA.

Nel frattempo, gli Stati Uniti hanno Imporre ulteriori sanzioni alla Russia, rivolto ai settori bancario, tecnologico e aerospaziale a Mosca. Venerdì, gli Stati Uniti hanno annunciato che lo avrebbero fatto Imporre sanzioni Direttamente su Putin e sul ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov.

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori sviluppi e informazioni di base.

Filo della CNN
™ & © 2022 Cable News Network, Inc. , una società WarnerMedia. Tutti i diritti riservati.

Charles Riley, Veronica Straqualorsi e Inki Cappeller della CNN hanno contribuito a questo rapporto.

READ  La crisi bancaria è ancora recente e si sta preparando per una lunga e calda estate di disavventure finanziarie

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *