Il Presidente del Consiglio italiano chiede di approfondire le relazioni e il commercio equilibrato con i Paesi del Mediterraneo

Il primo ministro italiano Mario Draghi ha dichiarato di voler approfondire le relazioni con i paesi mediterranei e aiutare a bilanciare il commercio tra 22 paesi ai confini del Mediterraneo.

Intervenendo all’incontro “Verso Sub” (verso sud) del Forum Ambrosetti a Sorrento, parte della città meridionale italiana di Napoli, la maggior parte delle osservazioni di Draghi erano mirate a modi per aiutare a sviluppare le regioni meridionali economicamente meno avanzate d’Italia.



Ma il presidente del Consiglio ha discusso anche della necessità di rafforzare le relazioni nella regione mediterranea. Draghi ha detto che l’Italia spenderà circa 1,5 miliardi di euro (1,6 miliardi di dollari) per modernizzare i porti marittimi nelle parti meridionali dell’Italia per incoraggiare più scambi attraverso il Mediterraneo.

Ha discusso del miglioramento dell’accesso al cibo, frenato durante il conflitto russo-ucraino e che minacciava “la stabilità in Africa e in Medio Oriente”.

Si è anche concentrato sull’energia sulla scia della firma da parte dell’Italia di nuovi accordi di fornitura di energia con Algeria ed Egitto mentre il paese cercava di svezzarsi dalle forniture di gas russe.

“Dobbiamo rafforzare la cooperazione energetica tra i paesi mediterranei”, ha affermato Draghi. “Vogliamo essere parte della transizione energetica nell’intera regione”.

“Dobbiamo anche accelerare lo sviluppo delle energie rinnovabili per migliorare la sostenibilità del nostro modello di produzione”, ha aggiunto.

Draghi ha affermato che circa il 90 per cento degli scambi nel Mediterraneo avveniva tra i membri dell’Unione Europea, mentre solo il 9 per cento era tra i paesi europei e quelli della sponda meridionale del Mediterraneo e solo l’uno per cento era tra i paesi della sponda meridionale. . Mare. Ha detto che gli investimenti nella regione aiuteranno questi numeri a diventare meno equilibrati.

READ  Squilibri commerciali, poi la pandemia: perché il governo Modi ha cambiato la strategia degli ALS

– gen

int / shs

(Il titolo e l’immagine di questo rapporto potrebbero essere stati riformulati solo dallo staff di Business Standard; il resto del contenuto viene generato automaticamente da un feed condiviso.)

Caro lettore,

Business Standard si è sempre impegnata a fornire le informazioni e i commenti più recenti sugli sviluppi importanti per te e che hanno implicazioni politiche ed economiche più ampie per il paese e il mondo. Il tuo continuo incoraggiamento e feedback su come possiamo migliorare le nostre offerte ha reso la nostra determinazione e il nostro impegno per questi ideali ancora più forti. Anche durante questi tempi difficili causati da Covid-19, continuiamo il nostro impegno per tenervi aggiornati con notizie affidabili, opinioni autorevoli e commenti perspicaci su questioni di attualità rilevanti.
Tuttavia, abbiamo una richiesta.

Mentre combattiamo l’impatto economico della pandemia, abbiamo ancora più bisogno del tuo supporto, in modo da poter continuare a offrirti contenuti di qualità più elevati. Il nostro modulo di iscrizione ha ricevuto una risposta incoraggiante da molti di voi, che si sono iscritti ai nostri contenuti online. Un’ulteriore iscrizione ai nostri contenuti online può solo aiutarci a raggiungere i nostri obiettivi di fornire contenuti migliori e più pertinenti. Crediamo in un giornalismo libero, giusto e credibile. Il tuo supporto con più abbonamenti può aiutarci a praticare il giornalismo in cui ci impegniamo.

Supporta la stampa di qualità e Iscriviti a Business Standard.

editore digitale

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Perché Neil Patrick Harris ha causato una reazione negativa venerdì 13
Next Post Prigioniero palestinese Awta 70° giorno di sciopero della fame | Notizie del conflitto israelo-palestinese