L’Italia arresta il boss mafioso “Van Gogh” dopo anni di corsa

Uno dei criminali più ricercati d’Europa, un importante spacciatore di cocaina mafioso italiano noto come “il capo di Van Gogh” è stato arrestato per possesso di due dipinti rubati del maestro olandese, dopo anni di latitanza.

Rafael Imperial, di La polizia italiana ha detto Era “un importante sostenitore del traffico internazionale di droga e del riciclaggio di denaro”, è stato arrestato a Dubai il 4 agosto. Le autorità italiane hanno confermato l’arresto solo questa settimana e Imperial è attualmente trattenuto negli Emirati Arabi Uniti prima di essere estradato in Italia.

Il 46enne Imperial, che aveva forti legami con le potenti famiglie della camorra napoletana, è diventato famoso dopo che la polizia ha trovato due dipinti di Vincent van Gogh, rubati da un museo di Amsterdam nel 2002, in una casa di sua proprietà vicino a Napoli.

I dipinti scoperti dalla polizia a Villa Imperial nella cittadina di Castellammare di Stabia erano “Spiaggia a Scheveningen in tempesta”, dipinto nel 1882, e “Congregazione della chiesa riformata a Nuenen” dipinto nel 1885. La polizia italiana ha detto che i dipinti erano i restaurato ” Valore inestimabile.

La polizia ha detto che una foto non datata di Rafael Imperial, arrestato a Dubai, è un importante sostenitore del traffico internazionale di droga e del riciclaggio di denaro. © Polizia Italiana / AP

Il ministero dell’Interno ha affermato che Imperial era “nella lista dei latitanti più pericolosi” in Italia ed è riuscito a sfuggire alla cattura nonostante diverse importanti operazioni di traffico di droga negli ultimi dieci anni.

Nel 2013, la polizia francese ha sequestrato 1,3 tonnellate di cocaina che il governo italiano ha dichiarato appartenere all’Imperial e sono state inviate su un volo Air France da Caracas, in Venezuela.

Luciana Lamorgese, ministro dell’Interno italiano, ha affermato che l’arresto di Imperial, coordinato con Interpol ed Europol, “dimostra ancora una volta la capacità delle nostre forze di polizia di combattere i fenomeni criminali, compresi quelli di natura transfrontaliera”.

READ  Conversazioni sul Soccorso UniCredit del Crollo del Monte Dei Paschi

Imperial aveva lasciato l’Italia e si era trasferito ad Amsterdam negli anni ’90, dove gestiva un caffè e iniziò a costruire relazioni nel mercato internazionale della droga. Poi negli anni 2000 iniziano a fiorire i suoi rapporti d’affari con le famiglie della criminalità organizzata napoletana, dopo aver stabilito contatti con il clan Sindigliano di Lauro.

Mentre il gruppo criminale organizzato più noto in Italia è ancora Cosa Nostra siciliana, il suo potere è diminuito in modo significativo negli ultimi due decenni mentre i criminali di Camorra e ‘ndrangheta calabrese Sono diventato più forte.

famiglie criminali da ‘ndrangheta Si sono dimostrati particolarmente abili nello stabilire un contatto diretto con i cartelli della droga in America Latina, il che ha permesso loro di assicurarsi forniture economiche e costanti di cocaina in grandi quantità.

A marzo, Giuseppe Romeo, uno dei massimi spacciatori della ‘ndrangheta, è stato arrestato dopo anni di latitanza a Barcellona, ​​in Spagna. All’inizio di questo mese, Domenico Pavilianetti, un veterano della criminalità calabrese che era in fuga dopo essere stato scarcerato per errore nel 2019, è stato arrestato a Madrid.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Il cantautore muore a 85 anni – The Hollywood Reporter
Next Post Il primo fuoricampo di Yoshi Chutsuko per i Pirates riceve un caloroso benvenuto dai giocatori