I banchieri centrali dovrebbero dare priorità alla crescita rispetto al loro orgoglio

Sospensione

Fermare. uno sguardo. Lui ascolta. Quindi procedere con cautela. Questo era il consiglio che ci veniva dato da bambini di attraversare la strada, ed è rilevante oggi per i banchieri centrali. Non essendo riusciti a impedire l’accelerazione dei prezzi al consumo, il pericolo ora è che il loro orgoglio sia diminuito e tutti si sforzino eccessivamente per dimostrare il loro coraggio nella lotta contro l’inflazione, spingendoci in una recessione più profonda. Avendo interpretato male l’economia globale per la maggior parte degli ultimi tre anni, dovrebbero prendere in considerazione la possibilità di interrompere i loro aumenti dei tassi per evitare di esacerbare il reato.

Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell è frustrato dal fatto che le condizioni finanziarie siano più resilienti di quanto potrebbe desiderare, nonostante la più rapida stretta monetaria dagli anni ’80. Se solo i rendimenti obbligazionari giocassero a palla rimanendo più alti. Ripristinare la credibilità antinflazionistica, dopo un periodo di grave inerzia, è molto importante per i banchieri centrali. Il loro scenario da incubo è se l’inflazione riprende improvvisamente e un mercato del lavoro ristretto li fa impazzire. Forse è meglio stringere troppo per preservare la credibilità Qualunque sia il rischio di crescita, l’opinione attuale è: l’apparente calo dei rendimenti obbligazionari dall’inizio dell’anno è in contrasto con ciò che i politici vogliono vedere e sta stimolando una retorica più dura sulla necessità di tassi di interesse sempre più alti. “In questo momento, il rischio che dobbiamo gestire è il rischio che facciamo troppo poco, non troppo”, ha detto il capo della banca centrale olandese Claas Nott in un’intervista al quotidiano italiano La Stampa questo fine settimana. Qualcosa deve succedere: o i mercati obbligazionari sono molto più avanti di se stessi, o le banche centrali saranno persuase a smettere di aumentare i costi ufficiali di indebitamento. Molti si sono già allontanati dai freni sugli aumenti dei prezzi, come la Norvegia e l’Australia.

READ  Il mondo dovrà affrontare più dolore poiché i problemi economici persistono

La curva dei rendimenti USA si è invertita da luglio e l’inversione si sta accentuando. Questo è un indicatore affidabile a lungo termine dell’imminente recessione che abbiamo. Non è infallibile, ma il segnale sta crescendo se regge, come è evidente, con rendimenti del Tesoro a tre mesi superiori di 110 punti base rispetto ai livelli decennali.

Nonostante i crescenti segnali che l’inflazione primaria stia scendendo rapidamente, il dibattito della banca centrale si è spostato agevolmente sul peso dell’inflazione core, gran parte della quale deriva dai costi delle abitazioni. C’è un chiaro rischio di passi falsi della politica man mano che i dati economici statunitensi peggiorano, recuperando il ritardo della recessione in Europa e Cina. La produzione industriale e le vendite al dettaglio degli Stati Uniti per dicembre (10 settori su 13 per il secondo mese) sono diminuite drasticamente. Gli aumenti dei prezzi alla produzione sono scesi a quasi la metà del loro picco. Tutto ciò può contribuire a frenare l’aumento dei prezzi al consumo e consentire a tutti di mantenere il proprio lavoro?

Il tasso sui fondi federali è sceso da quasi zero a marzo al 4,5% in breve tempo, insieme a un apparente spostamento per ridurre il bilancio di $ 9 trilioni. Alzare i tassi di interesse per un lungo periodo di tempo non è più credibile, a meno che la Federal Reserve non sia disposta a scambiare la sua notorietà di controllo dell’inflazione con una di devastazione economica. Ma la Fed non può frenare per sempre i flussi e riflussi del ciclo ei mercati stanno reagendo a quella che sembra essere una grave flessione dell’attività economica. Le aspettative nel mercato dei futures sono saldamente incentrate su un guadagno di soli 25 punti base il 1° febbraio, con un movimento di un quarto di punto al 5% il 22 marzo. La cosa davvero fastidiosa per la Fed è che i tagli dei tassi di interesse sono ora prezzati entro la fine dell’anno.

La Banca centrale europea è nel bel mezzo della sua esperienza alla Canute. Non è certo un caso che i recenti interventi verbali di Knot e del presidente della BCE Christine Lagarde avvengano mentre i rendimenti dei decennali tedeschi sono scesi costantemente dall’inizio dell’anno a circa il 2,2% da oltre il 2,5%. Allo stesso modo, il premio di rendimento dell’Italia sulla Germania, leader nella stabilità europea, si è ridotto a 180 punti base dagli oltre 250 punti base di ottobre.

READ  Le emissioni globali hanno raggiunto il record con la spesa pubblica per l'energia pulita marginale

C’è qualcosa che non sta comunicando qui, poiché i mercati degli eurobond semplicemente non credono a ciò che viene loro detto dai responsabili politici. È ampiamente previsto un altro aumento di 50 punti base del tasso sui depositi della BCE al 2,5% il 2 febbraio, ma non sono stati programmati ulteriori aumenti di questa portata. L’inflazione primaria non è diminuita tanto nell’UE quanto negli Stati Uniti, ma certamente lo farà, poiché gli operatori obbligazionari potrebbero vedere il calo dei prezzi dei futures sul gas naturale che dovrebbe allentare la pressione sui prezzi dell’energia.

Dall’essere in prima linea negli aumenti dei tassi e nell’inasprimento quantitativo, negli ultimi tempi la Banca d’Inghilterra è diventata più sfumata nel suo approccio, poiché l’economia britannica è rimasta piatta per la maggior parte dell’anno passato. Il capo economista Huo Bell ha esitato un po’ sulle sue previsioni di inflazione. In un discorso alla New York University la scorsa settimana, ha sottolineato che le sue misure di inflazione persistente stavano lampeggiando in rosso. Tuttavia, il governatore Andrew Bailey ha detto giovedì che è stato girato un angolo sull’inflazione. La crisi del costo della vita ha colpito duramente l’economia del Regno Unito, anche se i volumi delle vendite al dettaglio nell’ultimo trimestre sono diminuiti del 5,4% rispetto all’anno precedente.

Un altro aumento di 50 punti base del tasso di interesse della BoE al 4% il 2 febbraio sembra più probabile che no. L’inflazione dei prezzi al consumo nel Regno Unito per dicembre è scesa al 10,5% dal 10,7%, ma il tasso core è rimasto stabile al 6,3%. La domanda più grande è se il MPC manterrà viva la fiamma anti-inflazionistica, nonostante l’economia vacilli in recessione. Bailey ha lasciato intendere che il 4,5% è il tetto preferito, ma i votanti hanno votato invariato all’ultima riunione dal 3,5%. È complicato e peggiora con la divisione MPC.

READ  Take Five: Il trucco sul filo del rasoio

Il motivo per cui i mandati di inflazione della banca centrale fissano un obiettivo del 2% su due o tre anni è che si possono prendere in considerazione le fluttuazioni a breve termine. L’inflazione complessiva al ribasso e, naturalmente, i tassi di interesse più elevati alla fine alimenteranno voci in ritardo più stabili come i costi delle abitazioni, anche se forse non così rapidamente come potrebbero desiderare i banchieri centrali. Con la crescita soffocata da prelievi di contanti molto rapidi. Il Fondo Monetario Internazionale pensa che quest’anno un terzo del mondo cadrà in recessione. Se l’economia statunitense subisce un declino significativo, sicuramente trascinerà altri con sé, in particolare le economie in via di sviluppo più povere. dilemma che combattono da 15 anni. Lo shock per il sistema monetario dell’iperinflazione è iniziato dalla reazione eccessiva alla pandemia. La spesa dei consumatori, che rappresenta i due terzi delle economie degli Stati Uniti e del Regno Unito, sta rallentando rapidamente. La prudenza, non l’entusiasmo, è il regime quotidiano per i custodi della stabilità monetaria.

Altro dall’opinione di Bloomberg:

• Non lasciarti confondere dallo stress e dalla lentezza nel parlare: Jonathan Levine

• Come la Fed dovrebbe parlare di inflazione: editoriale

• Pagherai per aspettare per rifinanziare il mutuo: Marcus Ashworth

Questa colonna non riflette necessariamente l’opinione del comitato editoriale o di Bloomberg LP e dei suoi proprietari.

Marcus Ashworth è editorialista per Bloomberg Opinion che copre i mercati europei. In precedenza, è stato chief market strategist per Haitong Securities a Londra.

Altre storie come questa sono disponibili su bloomberg.com/opinion

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Questi farmaci dimagranti possono influire sul viso
Next Post 5 Indiani d’America sono tra i finalisti della più prestigiosa competizione per le scuole superiori degli Stati Uniti