Sulla censura di Twitter in Turchia, Elon Musk ha ricevuto una risposta tagliente dal fondatore di Wikipedia

Sulla censura di Twitter in Turchia, Elon Musk ha ricevuto una risposta tagliente dal fondatore di Wikipedia

Musk si è difeso mentre twittava Matthew Iglesias

Il fondatore di Wikipedia Jimmy Wales ha dato un’occhiata al CEO di Twitter Elon Musk sabato per censurare i critici del presidente turco Recep Tayyip Erdogan in Turchia, un giorno prima delle controverse elezioni presidenziali del paese.

In un post su Twitter, Wells ha criticato Musk per non aver sostenuto la libertà di parola quando si è inchinato alle richieste della Turchia di limitare i contenuti. Wells ha menzionato nel suo post che quando ha affrontato una situazione simile, Wikipedia ha fatto marcia indietro.

In risposta al tweet di Musk, “Cosa ha fatto Wikipedia: ci siamo battuti per i nostri principi e abbiamo combattuto davanti alla Corte Suprema turca e abbiamo vinto. Questo è ciò che significa trattare la libertà di espressione come un principio, non come uno slogan”.

Vale la pena notare che Wells non è stato l’unico ad applaudire Musk per la sua risposta alla richiesta di un tribunale turco.

In un post, Musk si è difeso mentre twittava a Matthew Iglesias che lo criticava:

“Il tuo cervello è andato fuori di testa, Iglesias? La scelta è limitare completamente Twitter o limitare l’accesso a pochi tweet. Quale vuoi?”

Il signor Wells è andato su Twitter e ha citato la storia del suo sito web come esempio.

Wikipedia è bloccata in Turchia da più di due anni quando l’autorità di vigilanza sulle comunicazioni ha citato una legge che consente di bloccare l’accesso a siti ritenuti osceni o una minaccia per la sicurezza nazionale.

READ  Come Facebook, Twitter e YouTube stanno lottando per tenere a bada i talebani | notizie dal mondo

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *