I progetti minerari più importanti nella regione MSGBC

I progetti minerari più importanti nella regione MSGBC

Mauritania

Teress Uranio Progetto

Il Tiris Uranium Project è una miniera a cielo aperto in Mauritania, di proprietà e sviluppata da Ora Energy. Le stime iniziali delle riserve sono state misurate a 10,9 milioni di tonnellate, tuttavia, dopo il completamento di uno studio di fattibilità finale migliorato – che ha confermato forti ritorni finanziari e potenziale di produzione a breve termine – è stato rilevato un aumento del 150% nella produzione media annua stabile di 800.000 libbre di uranio. 2 milioni di sterline, consentendo ad Aura Energy di fornire una vita di produzione in miniera di 25,5 milioni di libbre di uranio. Aura Energy prevede di prendere una decisione definitiva sull’investimento già nel quarto trimestre del 2023 e la produzione commerciale dovrebbe iniziare all’inizio del 2025.

Miniera d’oro taziasta

La miniera d’oro Taziast in Mauritania è un’impresa a tempo indeterminato di proprietà e gestita da Kinross Gold. Le riserve minerarie sono stimate a 179,5 tonnellate, con produzione a partire dal 2010. Nel 2020, la produzione era stimata a 406.500 once, ma nel 2022 i livelli sono saliti a circa 538.591. L’oro è uno dei principali prodotti minerari per l’esportazione in Mauritania, insieme al ferro.

Senegal

Saboudala – Massaua

Sabodala-Massawa è una miniera a cielo aperto di proprietà e sviluppata da Endeavor in Senegal. Le riserve sono stimate in 62,8 tonnellate. È la più grande miniera d’oro che produce oro in Senegal ed è in funzione da più di un decennio. È attualmente in corso uno studio di fattibilità per il piano di espansione della seconda fase della miniera, che dovrebbe aumentare la produzione a più di 400.000 once all’anno.

READ  Puoi aprirti a un terapista di chatbot?

Makò

Situata nel Senegal orientale, la miniera d’oro Mako è una miniera a cielo aperto di proprietà e gestita dalla filiale senegalese di Resolute, Petowal Mining Company SA Resolute ha una partecipazione del 90% in Petowal e il governo del Senegal detiene il restante 10%. La miniera d’oro di Mako ha estratto il suo primo oro nel gennaio 2018 e ha riserve di 19,3 tonnellate.

Diamba Soud

Il progetto Diamba Sud è una miniera sotterranea di proprietà e sviluppata da Chesser Resources e situata nella regione del Mali Cher in Senegal, direttamente al confine con le miniere di Barrick Lolo e Jonkoto in Mali. Chesser Resources ha acquisito il progetto nel 2017 e sono state effettuate importanti scoperte di oro di alta qualità attraverso la perforazione. Le risorse minerarie totali del progetto sono stimate a 14,7 tonnellate.

Guinea Conakry

Leva

Liva è una miniera d’oro a cielo aperto con riserve stimate di 243 tonnellate. La miniera è precedentemente di proprietà Société Minière de Dinguiraye SA. (SMD) – uno dei maggiori produttori di oro in Guinea – situato a 700 km a nord-est di Conakry. Nordgold detiene una partecipazione di controllo dell’85% in SMD, mentre il governo guineano detiene il restante 15%. Nel 2023, Nordgold prevede di iniziare a sviluppare una miniera d’oro sotterranea nella miniera di Lefa.

Corona

La miniera d’oro a cielo aperto di Korossa è un progetto situato nel prolifico bacino di Sigiri in Guinea, attualmente gestito da HummingBird Resources, con riserve stimate di 129 tonnellate. Corosa è attualmente in costruzione e sta rapidamente procedendo verso la sua prima fusione d’oro entro la fine del secondo trimestre del 2023. Il personale dedicato di Hummingbird e l’appaltatore di ingegneria Soutex lavorano insieme durante la fase di messa in servizio.

READ  L'Italia ospita il G20 incentrato sul clima mentre la geopolitica cambia

incolpare e dire

Lindian Resources ha due progetti di estrazione di bauxite in Guinea: il Lelouma Project e il Gaoual Bauxite Project. Le risorse minerarie di bauxite nel progetto Lilumah sono stimate in circa 900 milioni di tonnellate, mentre le risorse minerarie del progetto Jawal sono stimate in 102 milioni di tonnellate. Entrambi i progetti si trovano in prossimità dell’infrastruttura ferroviaria esistente che può trasportare la bauxite al porto di Kamsar per l’esportazione. Insieme, i due progetti offrono un’opportunità per uno sviluppo accelerato, moderati investimenti di capitale e la consegna di minerale di alta qualità al mercato globale della bauxite.

Semandu

Il giacimento di minerale di ferro di Simandu si trova nel sud-est della Guinea e si stima che contenga circa due miliardi di tonnellate di riserve recuperabili di minerale di ferro di alta qualità. È ampiamente considerato il più grande deposito non sfruttato di minerale di ferro di alta qualità al mondo. Il giacimento è suddiviso in due blocchi Nord, di proprietà del 90% del Consorzio SMB-Winning e 10% del Governo della Guinea, e Simandou Sud, di proprietà di una joint venture, Simfer. La prima fase del progetto dovrebbe produrre 60 milioni di tonnellate di minerale di ferro all’anno entro il 2026.

Energy Capital & Power si prepara a ospitare la conferenza ed esposizione MSGBC Oil, Gas & Power 2023 dal 21 al 22 novembre a Nouakchott, evidenziando le prospettive di investimento e la potenziale partnership nel settore minerario. non perdere l’occasione, Iscriviti ora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *