L’Unione europea e la Tunisia hanno annunciato progressi nella costruzione di relazioni economiche e commerciali e nel campo della migrazione

I leader europei e il presidente tunisino hanno annunciato progressi nella costruzione di legami economici e commerciali sperati e misure per combattere il traffico spesso mortale di migranti attraverso il Mediterraneo.

I vertici di Italia, Olanda e Commissione Europea hanno compiuto la loro seconda visita a Tunisi in poco più di un mese. Speravano che il memorandum appena firmato con la Tunisia durante il viaggio avrebbe aperto la strada a un partenariato globale.

Durante la loro ultima visita a giugno, i leader hanno promesso più di 1 miliardo di euro (1,1 miliardi di dollari) in aiuti finanziari per salvare l’economia in difficoltà della Tunisia e migliorare il controllo delle frontiere, nel tentativo di ripristinare la stabilità nel paese nordafricano. Fermare l’emigrazione dalle sue coste verso l’Europa.

Questa volta, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, il primo ministro italiano Giorgia Meloni e il primo ministro olandese Mark Rutte non hanno specificato l’intero valore monetario degli aiuti dell’UE offerti alla Tunisia, nelle dichiarazioni rilasciate dopo i colloqui con il presidente tunisino Kais Saied.

Ma von der Leyen ha affermato che l’ultimo viaggio ha assicurato un accordo su un “pacchetto completo di misure che ora metteremo in atto rapidamente”.

Said, parlando attraverso un interprete, ha affermato di aspettarsi che il memorandum sia seguito da “una serie di accordi vincolanti”, indicando che ci sarà più lavoro negoziale in arrivo.

Ha detto che la Tunisia intende attuare il memorandum “il prima possibile”.

Gli aiuti specifici annunciati da von der Leyen includevano un programma da 10 milioni di euro (11 milioni di dollari) per promuovere gli scambi di studenti e 65 milioni di euro (73 milioni di dollari) di finanziamenti dell’UE per modernizzare le scuole tunisine.

Sull’immigrazione, von der Leyen ha affermato: “Più che mai, abbiamo bisogno di una cooperazione efficace”.

Ha affermato che l’Unione europea lavorerà con la Tunisia su un partenariato per combattere il contrabbando e migliorerà il coordinamento nelle operazioni di ricerca e salvataggio, e le due parti hanno anche concordato di cooperare nella gestione delle frontiere. Von der Leyen ha promesso 100 milioni di euro (112 milioni di dollari) allo sforzo, una cifra che aveva già annunciato durante la precedente visita dei due leader.

La Tunisia ha affrontato una protesta internazionale per la difficile situazione di centinaia di migranti che sono stati deportati in aree desertiche inospitali ai confini libico e algerino. Sul confine tunisino-algerino, rapporti locali dicono che sono morti fino a 30 migranti.

Ma Said ha insistito perché gli immigrati fossero trattati bene.

“Il popolo tunisino ha dato a questi immigrati tutto ciò che poteva, con una generosità illimitata, mentre molte organizzazioni che dovrebbero svolgere il loro ruolo umanitario, erano evidenti solo nei comunicati stampa”, ha detto.

Rutte ha descritto il nuovo memorandum come “il promettente inizio di un partenariato strategico globale” tra l’UE e la Tunisia volto a stimolare la crescita economica.

Ha detto che gli Stati membri dell’UE devono ora accettare l’accordo, aggiungendo: “Sono molto fiducioso che ci sarà un ampio sostegno”.

___

Bouazza Ben Bouazza dalla Tunisia ha contribuito a questo rapporto.

___

Segui la copertura AP dei problemi di immigrazione su https://apnews.com/hub/migration

READ  ETHISPHERE NOMINA ILLYCAFF UNA DELLE AZIENDE PIÙ ETICHE AL MONDO PER IL 2023® PER L'UNDICESIMA VOLTA

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *