Cruciverba e computer: i compiti dell’acutezza mentale prevalgono sulla socializzazione per evitare la demenza

Cruciverba e computer: i compiti dell’acutezza mentale prevalgono sulla socializzazione per evitare la demenza

riepilogo: Uno studio recente suggerisce che impegnarsi in compiti di acuità mentale può ridurre il rischio di demenza più delle attività sociali o degli hobby creativi.

Analizzando i dati di 10.318 adulti australiani di età pari o superiore a 70 anni, i ricercatori hanno scoperto che coloro che partecipavano regolarmente ad attività di alfabetizzazione e compiti impegnativi per la mente avevano il 9-11% in meno di probabilità di sviluppare la demenza. Gli hobby creativi e le attività più passive, come la lettura, hanno ridotto il rischio di demenza solo del 7%.

Lo studio sottolinea l’importanza della stimolazione mentale attiva nel ridurre il rischio di demenza negli anziani.

Aspetti principali:

  1. Lo studio ha utilizzato i dati di oltre 10.000 adulti australiani di età pari o superiore a 70 anni.
  2. Coloro che si impegnavano regolarmente in attività di consapevolezza avevano il 9-11% in meno di probabilità di sviluppare la demenza.
  3. Le attività sociali e gli hobby creativi hanno avuto un effetto minore sulla riduzione del rischio di demenza.

fonte: Università di Monash

Uno studio della Monash University ha rilevato che l’uso del computer, i cruciverba e giochi come gli scacchi erano più strettamente associati agli anziani che evitano la demenza rispetto al lavoro a maglia, al disegno o alla socializzazione.

pubblicato in La rete JAMA è apertaI risultati – alcuni dei più forti sull’argomento fino ad oggi – possono aiutare le persone anziane e i professionisti dell’assistenza ospedaliera a pianificare un approccio più mirato per ridurre il rischio di demenza.

Nel 2022, 55 milioni di persone in tutto il mondo soffriranno di demenza, con 10 milioni di nuovi casi ogni anno. Credito: notizie di neuroscienze

I ricercatori hanno estratto i dati da 10.318 australiani di età pari o superiore a 70 anni che hanno partecipato al progetto ASPREE e al sottostudio ALSOP (ASPREE Longitudinal Study of Older Adults).

Hanno scoperto che i partecipanti che partecipavano abitualmente ad attività di alfabetizzazione e acutezza mentale per adulti come lezioni di tutoraggio, tenere un diario e cruciverba avevano il 9-11% in meno di probabilità di sviluppare la demenza rispetto ai loro coetanei.

Hobby creativi come lavorare a maglia, lavorare a maglia e dipingere e attività più passive come la lettura hanno ridotto il rischio del 7%. Al contrario, la dimensione della rete sociale di una persona e la frequenza delle uscite all’aperto al cinema o al ristorante non erano associate a un ridotto rischio di demenza.

READ  Coronavirus: infezione da fungo nero

I risultati sono rimasti statisticamente significativi anche se aggiustati per il livello di istruzione precedente e lo stato socioeconomico. Non sono state riscontrate differenze significative tra uomini e donne.

Nel 2022, 55 milioni di persone in tutto il mondo soffriranno di demenza, con 10 milioni di nuovi casi ogni anno.

L’autrice principale, la professoressa Joanne Ryan, della School of Public Health and Preventive Medicine, ha affermato che l’identificazione di strategie per prevenire o ritardare la demenza è una delle principali priorità globali.

Il Professore Associato Ryan ha dichiarato: “Abbiamo avuto un’opportunità unica di colmare una lacuna di conoscenza, indagando sull’ampia gamma di attività che arricchiscono lo stile di vita spesso intraprese dalle persone anziane e valutando quali di esse sono più strettamente allineate con la prevenzione della demenza”.

“Penso che ciò che i nostri risultati ci dicano è che la manipolazione attiva della conoscenza precedentemente immagazzinata può svolgere un ruolo maggiore nella riduzione del rischio di demenza rispetto ad attività ricreative più passive. Mantenere la mente attiva e confrontarsi può essere particolarmente importante”.

Le attività ricreative valutate includevano:

  • Attività di alfabetizzazione degli adulti come corsi di educazione degli adulti, uso del computer e tenuta del diario
  • Attività di acutezza mentale come completare quiz, cruciverba e giocare a carte/scacchi
  • Hobby creativi come falegnameria, lavoro a maglia o pittura
  • Attività più passive come tenere il passo con le notizie, leggere o ascoltare musica
  • Attività di social networking come incontrare e interagire con gli amici
  • Viaggi programmati come andare al ristorante, al museo o al cinema.

Il professor Ryan ha affermato che i risultati non escludono che coloro che sono naturalmente attratti dai tipi di attività ricreative associate alla salute cognitiva avessero anche tratti di personalità specifici che sarebbero altrimenti utili, o che potrebbero aver generalmente avuto comportamenti di salute migliori.

“Anche se impegnarsi in attività per l’alfabetizzazione e l’acutezza mentale potrebbe non essere una panacea per evitare la demenza, se questo è il tuo obiettivo e devi fare una scelta, la nostra ricerca suggerisce certamente che queste sono le attività che più probabilmente supportano una buona salute cognitiva per lungo tempo periodi”, ha detto. . .

READ  Ganimede proietta un'enorme ombra su Giove in una nuova straordinaria immagine della navicella spaziale Juno della NASA

Il professor Ryan ha affermato che anche il contatto sociale può essere molto importante per la salute cognitiva e mentale, sebbene nello studio non abbia mostrato un chiaro legame con il rischio di demenza.

“I partecipanti erano cognitivamente sani e probabilmente conducevano già una vita socialmente attiva, in modo tale che i benefici cognitivi di forti reti sociali potrebbero essere meno pronunciati in questo gruppo che nella popolazione generale”, ha detto.

A proposito di questa ricerca sulle notizie sulla cognizione e sulla demenza

autore: Giovanna Ryan
fonte: Università di Monash
comunicazione: Joanne Ryan – Università di Monash
immagine: Immagine accreditata a Neuroscience News

Ricerca originale: accesso libero.
Arricchimento dello stile di vita in età avanzata e sua associazione con il rischio di demenzaScritto da Joanne Ryan et al. La rete JAMA è aperta


un sommario

Arricchimento dello stile di vita in età avanzata e sua associazione con il rischio di demenza

Importanza

Stili di vita arricchiti con attività socialmente e mentalmente stimolanti negli anziani possono aiutare a costruire una riserva cognitiva e ridurre il rischio di demenza.

obbiettivo

Indagare l’associazione di attività ricreative e social networking con il rischio di demenza tra gli anziani.

Progettazione, preparazione e partecipanti

Questo studio di coorte longitudinale prospettico ha utilizzato i dati derivati ​​dalla popolazione dell’ASPREE Longitudinal Study of Older Adults (ALSOP) dal 1 marzo 2010 al 30 novembre 2020. Individui che vivono nella comunità in Australia di età pari o superiore a 70 anni che erano generalmente in buona salute e senza significativo deterioramento cognitivo sono stati reclutati al momento dell’arruolamento nello studio ALSOP tra il 1° marzo 2010 e il 31 dicembre 2014. I dati sono stati analizzati dal 1° dicembre 2022 al 31 marzo 2023.

esposizioni

Un totale di 19 misure di attività ricreative e social networking che sono state valutate al basale sono state classificate utilizzando l’analisi del fattore di esplorazione.

READ  Le cose sono letteralmente tese per il James Webb Space Telescope della NASA

Principali risultati e misure

La demenza è stata decisa da un gruppo di esperti internazionali secondo Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (Quarta ed.) Standard. La regressione del rischio proporzionale di Cox ha esaminato il rischio di demenza nell’arco di 10 anni, aggiustando per l’istruzione, lo stato socioeconomico e una serie di fattori relativi alla salute.

risultati

Questo studio ha incluso 10 318 partecipanti. Avevano un’età media di 73,8 (QI, 71,6-77,2) anni al basale e più della metà (52,6%) erano donne, la maggior parte delle quali erano bianche (98,0%). Nelle analisi approfondite, le più frequenti sono state l’impegno in attività di alfabetizzazione degli adulti (ad esempio, scrivere lettere o scrivere diari, usare un computer, seguire tutorial) e in attività mentali attive (ad esempio, giocare, giocare con la carta o a scacchi, cruciverba o puzzle ) associato a un 11,0% (rapporto di rischio aggiustato [AHR]0,89 [95% CI, 0.85-0.93]) e 9,0% (AHR, 0,91 [95% CI, 0.87-0.95]) hanno ridotto il rischio di demenza, rispettivamente. In misura minore, la partecipazione ad attività artistiche creative (artigianato, lavorazione del legno o lavorazione dei metalli e pittura o disegno) (AHR, 0,93 [95% CI, 0.88-0.99]) e in attività mentali passive (leggere libri, giornali o riviste; guardare la televisione; ascoltare musica o radio) (AHR, 0,93 [95% CI, 0.86-0.99]) era anche associato a un ridotto rischio di demenza. Al contrario, le reti personali, le attività sociali e le uscite all’aria aperta non erano associate al rischio di demenza in questo campione.

Conclusioni e rilevanza

Questi risultati suggeriscono che impegnarsi nell’alfabetizzazione degli adulti, nelle arti creative e nelle attività mentali attive e passive può aiutare a ridurre il rischio di demenza in età avanzata. Inoltre, questi risultati possono guidare le politiche e gli interventi di assistenza in hospice mirati alla prevenzione della demenza per gli anziani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *