L’Italia e l’ILO sostengono lo sviluppo del settore privato nel sud dell’Iraq per una green economy [EN/AR] – Iraq

allegati

Baghdad, Iraq (MD News) Un nuovo accordo tra l’Italia e l’Organizzazione internazionale del lavoro (OIL) rafforzerà il sostegno allo sviluppo del settore privato e alla creazione di posti di lavoro dignitosi nel sud dell’Iraq, con particolare attenzione alla promozione di imprese verdi sostenibili.

In base all’accordo, centinaia di giovani donne e uomini che desiderano far crescere o sviluppare le loro micro, piccole e medie imprese (PMI) riceveranno corsi di formazione professionale in gestione aziendale e alfabetizzazione finanziaria, nonché l’accesso ai servizi finanziari di cui hanno tanto bisogno . Servizi.

Allo stesso tempo, gli imprenditori e le PMI – per liberare il loro pieno potenziale – saranno meglio supportati dallo sviluppo delle capacità del personale delle istituzioni finanziarie e non finanziarie, comprese le banche partner, le IFM e i fornitori di servizi.

L’accordo tra l’Italia e l’ILO è stato lanciato ufficialmente giovedì (9 marzo), presso il Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali, uno dei partner principali che lavorerà a stretto contatto con i due partner per l’attuazione del progetto. Il sostegno sarà fornito dall’Italia attraverso l’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS). Alla cerimonia della firma hanno partecipato il Ministro del Lavoro e degli Affari Sociali Ahmed Al-Asadi, l’Ambasciatore d’Italia in Iraq Maurizio Griganti e Maha Qatta, country coordinator dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro in Iraq.

“Accogliamo con favore questa nuova iniziativa dell’Italia e dell’Organizzazione internazionale del lavoro, che è in linea con le strategie del nostro governo per promuovere la crescita economica, lo sviluppo del settore privato, l’occupazione e un’economia verde”, ha affermato il ministro Al-Asadi. La scorsa settimana, il Primo Ministro ha lanciato un’iniziativa di Riyada per sostenere l’imprenditorialità e creare lavoro dignitoso tra studenti e giovani in Iraq, consentendo ai giovani di liberare il loro potenziale e incoraggiando la creazione di piccole e medie imprese. Ciò è in linea con l’approccio del governo alla riduzione della disoccupazione e al miglioramento della realtà degli investimenti, che contribuisce al progresso del settore privato”.

Verrà condotta una valutazione completa dell’ambiente imprenditoriale, utilizzando lo strumento di valutazione dell’ILO “Ambiente favorevole per le imprese sostenibili”, che fornisce raccomandazioni basate su prove su come migliorare l’ambiente favorevole all’attività commerciale. La valutazione, che sarà sviluppata in consultazione con i costituenti tripartiti dell’ILO e i partner nazionali, contribuirà a dare la priorità a un ambiente imprenditoriale più favorevole alla creazione di imprese sostenibili, in particolare per quanto riguarda lo sviluppo dell’economia verde.

“Siamo orgogliosi della nostra partnership con l’Organizzazione internazionale del lavoro per migliorare il sostegno allo sviluppo del settore privato e alla creazione di posti di lavoro nel sud dell’Iraq, con particolare attenzione alla promozione di un business verde sostenibile. L’Ambasciatore Griganti ha dichiarato che la partnership fornirà agli imprenditori formazione delle competenze di base e accesso ai servizi finanziari, nonché rafforzerà la capacità delle istituzioni finanziarie di sostenere meglio le MPMI, con particolare attenzione alla resilienza di fronte al cambiamento climatico.

“Il sostegno al settore privato e posti di lavoro migliori è da molti anni una delle principali priorità della cooperazione italiana in Iraq e siamo desiderosi di collaborare con l’ILO per sostenere la priorità della green economy”, ha dichiarato Emilio Capacino, Head of Office in AICS Giordania e Iraq.

L’ILO formerà e certificherà i formatori di tutto lo spettro sui suoi consolidati strumenti di gestione aziendale e di alfabetizzazione finanziaria, in modo che in cambio possano offrire la formazione ai potenziali imprenditori.

Lavorerà a stretto contatto con la Banca centrale dell’Iraq, suo partner nell’ambito delle iniziative di inclusione finanziaria, per fornire un maggiore accesso a prestiti a prezzi accessibili e sviluppare la capacità delle banche partner di personalizzare prodotti e servizi per soddisfare le esigenze dei loro clienti.

“Il generoso contributo del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale italiano, insieme alla partecipazione di AICS, sosterrà gli sforzi per incoraggiare più giovani donne e uomini a creare imprese verdi e creare posti di lavoro verdi dignitosi che promuoveranno lo sviluppo sostenibile e la crescita inclusiva, disse Katta.

Inoltre, il progetto collaborerà con un gruppo di partner per identificare i colli di bottiglia nella registrazione ufficiale delle società e cercare soluzioni pratiche per ridurre tali barriere, conducendo allo stesso tempo campagne di sensibilizzazione per incoraggiare la registrazione e la formalizzazione delle società.

Il progetto fa parte di uno sforzo più ampio nell’ambito dell’Iraq Decent Work Country Program firmato dal governo, dalle organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori e dall’Organizzazione internazionale del lavoro per promuovere l’occupazione e le opportunità di lavoro dignitoso. Ciò è in linea con la nuova iniziativa del governo di Riyada per lo sviluppo e l’occupazione, lanciata dal primo ministro Mohammed bin Saud Al Sudani all’inizio di questa settimana.

Per ulteriori informazioni, si prega di contattare:

Nisreen Bathish

Consulente per la comunicazione

Organizzazione internazionale del lavoro (ILO)

E-mail: [email protected]

READ  Il settore marittimo soffre di una carenza di navi portacontainer

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *