Gli scienziati affermano che i lupi grigi infettati da questo parassita hanno maggiori probabilità di diventare capibranco

I ricercatori che studiano le popolazioni di lupi grigi nel Parco Nazionale di Yellowstone hanno scoperto un motivo intrigante per cui è più probabile che alcuni lupi diventino capibranco.

I lupi grigi esposti al Toxoplasma gondii – il parassita che causa la toxoplasmosi – hanno 46 volte più probabilità di diventare capibranco rispetto ai lupi non infetti, secondo uno studio pubblicato giovedì sulla rivista Nature. Biologia della comunicazione.

I ricercatori hanno analizzato i dati comportamentali e distributivi dal 1995 al 2020, nonché i campioni di sangue di 229 lupi anestetizzati per studiare la relazione tra comportamenti a rischio e infezione da Toxoplasma gondii. Hanno identificato associazioni tra infezione da parassiti e comportamenti ad alto rischio sia nei maschi che nelle femmine.

Membri del branco di Junction Butte Wolf passano davanti a una telecamera nel Parco Nazionale di Yellowstone il 12 marzo 2019.

Progetto Yellowstone Cougar

I risultati hanno mostrato che i lupi risultati positivi al T. gondii avevano 11 volte più probabilità di essere dispersi dal loro branco e più di 46 volte più probabilità di diventare capibranco rispetto ai lupi non infetti. I maschi avevano il 50% di probabilità in più di lasciare il loro gregge entro sei mesi se fossero stati infettati dal parassita, ma questo periodo di tempo è passato a 21 mesi se non erano stati colpiti. Le femmine hanno mostrato una probabilità del 25% di lasciare il branco entro 30 mesi se infette e fino a 48 mesi se non infette.

Secondo i ricercatori, l’infezione da T. gondii spesso non ha effetti negativi sulla forma fisica di individui sani, ma può essere fatale per i giovani lupi o per i lupi immunocompromessi. Non sanno ancora come questo parassita influenzi cose come i tassi di sopravvivenza, secondo Connor Meyer, PhD, un biologo della fauna selvatica. Studente presso l’Università del Montana e uno degli autori dello studio.

READ  L'Australia inizia a lanciare il vaccino di richiamo mentre Sydney allenta ulteriori restrizioni

I ricercatori hanno affermato che i risultati sono i primi a dimostrare che l’infezione da parassiti influisce sul processo decisionale e sul comportamento in questa specie.

Precedenti ricerche hanno identificato associazioni tra l’infezione da T. gondii e una maggiore audacia nelle iene, nonché una maggiore produzione di testosterone nei topi, e gli autori ipotizzano che meccanismi simili potrebbero guidare i comportamenti rischiosi osservati nei lupi risultati positivi al parassita.

I lupi che occupavano aree di nidificazione con densità di popolazione più elevate rispetto ai puma avevano maggiori probabilità di essere infettati da T. gondii rispetto a quelli che non vivevano vicino ai puma, suggerendo che i lupi potrebbero essere infettati dal parassita a seguito del contatto diretto con i puma e i loro ambienti, i ricercatori fondare. È noto che i puma nel Parco Nazionale di Yellowstone ospitano il parassita.

FOTO: Un lupo alfa maschio del Canyon Buck nel Parco nazionale di Yellowstone, il 25 novembre 2019.

Un lupo alfa maschio dal Back Canyon nel Parco Nazionale di Yellowstone, il 25 novembre 2019.

Neil Herbert/NPS

I risultati “raccontano la storia di questo intero ecosistema e di come le specie interagiscono tra loro”, ha affermato Kira Cassidy, uno degli autori e ricercatore associato al Parco nazionale di Yellowstone e Yellowstone Forever, un’organizzazione senza scopo di lucro associata al parco nazionale.

I ricercatori hanno ipotizzato che l’infezione avrebbe avuto ramificazioni più ampie per il numero di lupi, poiché i capi branco infetti potrebbero condurre i loro branchi in aree più pericolose che si sovrapporrebbero ai puma, aumentando potenzialmente il rischio di ulteriori infezioni per i lupi non infetti.

“Quindi è probabile che questo sia il collegamento con l’effettivo meccanismo dietro il parassita e l’infezione”, ha detto Meyer.

FOTO: Nove lupi interagiscono sulla neve croccante nel Parco Nazionale di Yellowstone il 21 novembre 2019.

Nove lupi interagiscono sul ghiaccio crostale nel Parco Nazionale di Yellowstone il 21 novembre 2019.

Doug Smith/NPS

Meyer ha osservato che lo studio, solo il secondo nel suo genere a esaminare come l’infezione da toxoplasmosi colpisce una specie di predatore, è “un solido tipo di prova di ciò a cui la ricerca a lungo termine può rispondere”.

Cassidy ha aggiunto: “Adottare un approccio ecosistemico a una domanda di ricerca può essere davvero impegnativo in molti luoghi, ma Yellowstone è uno di quei luoghi in cui vediamo tutte le specie che sono state qui per centinaia di anni”.

I lupi grigi sono stati massicciamente sradicati negli Stati Uniti occidentali negli anni ’40, ma le popolazioni hanno iniziato a riprendersi negli ultimi decenni. Alcuni dicono l’aumento Nocivo per l’uomo a causa della capacità dei lupi di percorrere lunghe distanze e quindi diffondere malattie. I lupi possono anche essere un fattore importante nel declino delle mandrie di selvaggina grossa e nell’uccisione del bestiame.

All’inizio di questo mese, un giudice federale nel Montana temporaneamente A caccia di lupi legati e intrappolati vicino a lui Parchi nazionali di Yellowstone e Glacier.

Un primo piano della faccia di un lupo grigio nel Parco Nazionale di Yellowstone il 7 novembre 2017.

Jacob W. Frank/NPS

Tuttavia, i lupi di solito sono diffidenti nei confronti delle persone. A Yellowstone, ha detto Cassidy, sono i “più timidi e diffidenti” di tutti i grandi mammiferi.

“Se ne vedi uno, sei incredibilmente fortunato”, ha detto. “Direi che in generale non rappresentano un pericolo per le persone”.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Lo chef Julio Kacamu fa sentire l’USMNT come a casa ai Mondiali
Next Post Episodio 239: Lo stendardo de Gli hanno protetto l’Australia ogni 100 anni, ma come Sonu Fati?