I medici suggeriscono nuovi nomi per il cancro alla prostata di basso grado

La diagnosi di cancro fa paura. Alcuni medici dicono che è ora di rinominare il cancro alla prostata di basso grado per eliminare la fastidiosa parola C.

Le cellule tumorali si sviluppano in quasi tutte le prostate con l’età degli uomini e la maggior parte dei tumori della prostata sono innocui. Circa 34.000 americani muoiono ogni anno di cancro alla prostata, ma il trattamento della malattia può portare a disfunzione erettile e incontinenza.

Il cambio di nome potrebbe indurre un numero maggiore di pazienti a basso rischio a saltare interventi chirurgici e radiazioni non necessari.

Il dottor Scott Aigner dell’Università di Chicago Medicine, che sta ravvivando il dibattito su come spiegare la minaccia ai pazienti ansiosi, ha affermato.

Eigner ha scritto lunedì sul Journal of Clinical Oncology che la frase “hai il cancro” ha un profondo effetto sui pazienti. Lui e i suoi colleghi affermano che la paura della malattia può indurre alcuni pazienti a reagire in modo eccessivo e scegliere un intervento chirurgico o una radioterapia non necessari.

Altri sono d’accordo. “Se riduci l’ansia, ridurrai il trattamento eccessivo”, ha affermato il dottor David Benson della Vanderbilt University. La parola ‘cancro’ mette un’idea nella loro testa: ‘Devo sistemare questo. “

La diagnosi a volte inizia con un esame del sangue del PSAche cerca alti livelli di una proteina che potrebbe significare il cancro ma potrebbe anche essere causata da problemi alla prostata meno gravi o persino da un esercizio fisico intenso.

Quando un paziente ha un risultato sospetto del test, il medico può raccomandare una biopsia, che comporta il prelievo di campioni di tessuto dalla ghiandola prostatica. Successivamente, il patologo osserva al microscopio e identifica i campioni per vedere l’aspetto anormale delle cellule.

READ  Hubble cattura l'incredibile "anello di Einstein" per ingrandire le profondità dell'universo

Spesso i medici offrono ai pazienti con il punteggio più basso – Gleason 6 – un modo per evitare interventi chirurgici e radiazioni: il monitoraggio attivo, che include un monitoraggio ravvicinato ma nessun trattamento immediato.

Negli Stati Uniti, circa il 60% dei pazienti a basso rischio sceglie la sorveglianza attiva. Ma potrebbero essere ancora preoccupati.

“Sarei al settimo cielo se le persone inventassero un nuovo nome per la malattia di Gleason 6”, ha detto Benson. “Permetterà a molti uomini di dormire meglio la notte.”

Ma il dottor Joel Nelson della School of Medicine dell’Università di Pittsburgh ha detto che abbandonare la parola “cancro” avrebbe “fuorviante i pazienti dicendo loro che non c’è niente di sbagliato. Non c’è niente di sbagliato oggi, ma ciò non significa che non dobbiamo farlo. tieni traccia di ciò che abbiamo scoperto”.

I cambiamenti di nome si sono verificati in precedenza nei tumori a basso rischio della vescica, della cervice e della tiroide. Nel cancro al seno, è in corso un dibattito sull’eliminazione del “cancro” DCISo carcinoma duttale in situ.

Nel cancro alla prostata, il sistema di classificazione di Gleason si è evoluto a partire dagli anni ’60, e quindi il grado VI è diventato il grado più basso. I pazienti possono presumere che si tratti di un punteggio medio su una scala da 1 a 10. In effetti, è il più basso su una scala da 6 a 10.

Come lo chiamiamo invece di cancro? I suggerimenti includono IDLE per lesione indolente di origine epiteliale o INERRT per tumori indolenti che raramente richiedono un trattamento.

“Non grido come si chiama finché non si chiama cancro”, ha detto Igner.

READ  A Los Angeles, questa ondata di Covid-19 è diversa dalle precedenti epidemie

A Steve Renks, un ingegnere civile di 72 anni a Naperville, Illinois, è stato diagnosticato un cancro alla prostata Gleason 6 nel 2014. Ha scelto la sorveglianza attiva e le biopsie di follow-up nel 2017 e nel 2021 non hanno trovato prove di cancro.

Rinks ha affermato che prescriverlo come qualcos’altro aiuterà i pazienti a prendere decisioni informate, ma che non è abbastanza: i pazienti devono porre domande per sentirsi sicuri.

“Si tratta di comprendere i rischi”, ha detto Rincks. “Incoraggerei i miei colleghi maschi a istruirsi e ottenere ulteriori opinioni mediche”.

___

Il Dipartimento della Salute e della Scienza dell’Associated Press riceve il sostegno della Divisione di Educazione Scientifica dell’Howard Hughes Medical Institute. AP è l’unico responsabile di tutti i contenuti.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Indagine Haas FIA, accuse di copia Ferrari, relazione, eventuali squadre coinvolte, VF-22, F1-75
Next Post Vettore