Un frustrato Charles Leclerc organizza un incontro con il capo della Ferrari per discutere del suo futuro nel campo italiano

La prima gara della stagione 2023 si è conclusa una settimana fa in Bahrain. È iniziato con il campione in carica Max Verstappen davanti per passare comodamente la bandiera a scacchi con la prima vittoria del 2023. Nel frattempo, Charles Leclerc della Ferrari non è riuscito nemmeno a finire la sua gara.

A pochi giorni dal Gran Premio del Bahrain, il capo tecnico della Ferrari David Sanchez si è dimesso dalla squadra di Maranello. Come indicano altri rapporti, Ci sono più che lasceranno la squadra.

In mezzo a questo, La Gazzetta dello Sport ha anche riferito che al suo ritorno a Maranello, Leclerc ha tenuto un incontro con il presidente della Ferrari John Elkann per discutere del futuro del consiglio di amministrazione della Scuderia.

Leggi anche: I drastici aggiornamenti di James Allison e l’eliminazione degli Zero Sidepod non sarebbero trasformativi per Mercedes; Esperto di reclami F1

Forse Charles Leclerc stava diventando impaziente

Il monegasco corre alla sua quinta stagione in F1 con la Ferrari nella speranza di vincere il campionato. Ogni anno quel sogno viene interrotto da una cosa o dall’altra, quindi è chiaro che Leclerc è coinvolto.

Soprattutto nella stagione 2023, con Mattia Binotto sostituito da Fred Vasseur, il distacco dalla Red Bull dovrebbe essere diminuito. Ma semmai, la prima gara della stagione ha dimostrato proprio questo L’SF-23 è meno competitivo dell’F1-75.

Il 25enne doveva essere un po’ impaziente E con il suo contratto in scadenza nel 2024, il campo italiano potrebbe affrontare presto un altro problema.

Sebbene si sia ipotizzato che la Mercedes sia una possibile destinazione per Leclerc in questo scenario, la sua partenza dalla Ferrari sembra improbabile. Vincere un titolo con la Ferrari era il suo sogno d’infanzia.

Fattori che impediscono a Leclerc di sfidare Max Verstappen

La Ferrari ha ideato un’auto competitiva nella stagione 2023. Con l’inizio della stagione 2022, i giorni di gloria per la Ferrari non sono lontani.

Ma è rapidamente svanito quando il team ha commesso molti errori in termini di strategia e aggiornamenti alle proprie auto.

Non sono riusciti a battere la Red Bull e hanno chiuso in seconda posizione sperando di tornare più forti nella stagione 2023. Durante la pausa invernale, l’intera dinamica del team è cambiata.

Vasseur ha preso il testimone da Binotto, il capo stratega Inaki Rueda è stato retrocesso e sostituito da Raven Jain. Tutte queste modifiche sono state apportate per garantire una forte rimonta, ma la stagione è iniziata con un ritiro che ha portato al dito puntato.

Car-Wise, due fattori principali sono stati a Il grosso problema nel 2022 è stato il degrado e l’affidabilità degli pneumatici. Con il ritiro in Bahrain, chiaramente il team non è ancora riuscito a trovare una soluzione.

Per il resto, il campo italiano appare in una situazione travagliata. Con le dimissioni di Sanchez, Voci su Rueda che esplora altre opzioni sono state diffuse anche dai media italiani.

Gli osservatori della cultura Gino Rosato e Jonathan Giacobazzi hanno già lasciato la porta. Resta da vedere se questi numerosi cambiamenti di personale siano fattori diretti.

Del resto, lo riportano anche i media italiani C’è un clima di paura tra gli altri ingegneri per rilevare l’attività di Binotto. O in parole semplici, nessuno osa assumersi la responsabilità di scelte azzardate con la Ferrari.

quindi, il Si dice che lo sviluppo dell’SF-23 sia terminato presto. Anche alcune delle idee sul tavolo non sono mai state vagliate.

Leggi anche: Guenter Steiner classifica Mick Schumacher con suo padre Michael Schumacher in mezzo al suo sproloquio sull’ex campione di F2

READ  Calvin Phillips si prepara a disprezzare il Manchester United e si unisce al Liverpool

Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *