Un esperimento intelligente rivela come i nostri antenati usavano le fonti di luce nelle caverne

Decine di migliaia di anni fa, gli umani vivevano ed esploravano le grotte in modi molto diversi da come facciamo oggi. Potrebbero non aver avuto lampadine moderne, ma questo non significa che abitassero nella completa oscurità.

Per cercare di saperne di più sull’antica vita nelle caverne – dalla pittura di arte rupestre alla socializzazione – un team di ricercatori ha ora ricreato tre tipi comuni di antiche tecniche di illuminazione: torce, lampade a grasso e caminetti.

Tutti e tre furono utilizzati nel Paleolitico superiore a partire da circa 50.000 anni fa; Il team ha quindi messo in azione le luci, esplorando gli effetti di queste sorgenti luminose all’interno della grotta Isuntza 1 in Spagna.

“Umani [..] Hanno bisogno di luce per entrare nelle parti più profonde delle grotte e le loro visite a quei luoghi dipendono dalle proprietà fisiche dei loro sistemi di illuminazione”. carta.

Bruciatore, lampada a grasso e riscaldatore. (Inaki Libano et al., Plus One 2021)

“L’intensità dell’illuminazione, il raggio di movimento, il tipo di radiazione e la temperatura di colore della luce determinano la percezione dell’ambiente e l’uso umano all’interno (come la realizzazione di opere d’arte, attività funerarie ed esplorazione di grotte) .”

I ricercatori si sono dotati di otto diverse lampade in stile artefatto: cinque torce realizzate con resine di edera, ginepro, quercia, betulla e pino, due lampade in pietra che bruciavano grasso animale (midollo osseo di vacca e cervo) e una piccola stufa fissa in quercia e ginepro.

Sono state effettuate misurazioni all’interno della rete della grotta – due spazi aperti e ampi e un tunnel – compresa la luminosità di ciascuna fonte di luce, la durata di ciascuna e le temperature che producono.

READ  La palla di fuoco illumina il cielo della Carolina :: WRAL.com

Le torce a bastoncino di legno sembravano fare meglio nell’esplorazione e nello spostamento: erano ragionevolmente durature (in media 41 minuti), brillavano di luce in tutte le direzioni (quasi sei metri o 20 piedi) ed erano facilmente referenziabili. Li agitano da un lato all’altro. Tuttavia, hanno anche prodotto molto fumo.

Le lampade a grasso funzionavano meglio per mantenere piccoli spazi illuminati per un periodo di tempo più lungo, bruciando per più di un’ora senza molto fumo, anche se la loro luce irradiava solo circa la metà della luce delle lampade.

Per quanto riguarda la stufa, doveva essere spenta dopo 30 minuti a causa della quantità di fumo che generava, sebbene si accendesse per 6,6 metri (21,7 piedi). I ricercatori affermano che il fuoco deve trovarsi in un’area ben ventilata o essere abbastanza grande da prodursi da solo correnti termiche.

Queste esperienze ci danno una buona idea del tipo di limitazioni che gli umani del Paleolitico superiore avrebbero potuto avere in termini di esplorazione di tunnel, vita in parti più profonde delle caverne e produzione di arte rupestre.

Ad esempio Ars Tecnica Secondo i rapporti, alcuni esperti hanno suggerito che l’antica arte rupestre fosse specificamente progettata per una fonte di luce oscillante e instabile – e potrebbe essere stata dipinta per creare l’illusione del movimento mentre la luce oscilla.

luce grotta 3Modellazione di grotte. (Inaki Libanu et al., PIÙ UNO 2021)

Non è un dettaglio toccato da questo nuovo studio, ma il team ha eseguito una simulazione utilizzando le misurazioni dell’illuminazione per vedere come queste torce, lampade e riscaldatori funzionerebbero nella grotta di Atxora in Spagna, ben nota per le sue opere d’arte paleolitiche.

READ  Reddit r/HermanCainAward pubblica storie su anti-vaccinatori che muoiono di Covid

Sembra che fossero necessari caminetti fissi per illuminare tutte le opere d’arte sulle pareti della grotta, poiché la luce delle torce e delle lampade non sarebbe uscita abbastanza lontano.

Il team dietro il nuovo studio vede questo come solo l’inizio di questo tipo di indagine: più tipi di luce e fonti di carburante possono essere testati e simulati in più tipi di impostazioni, per capire meglio come i nostri antenati trascorrevano il loro tempo nelle caverne.

“I nostri esperimenti di illuminazione del Paleolitico indicano la pianificazione dell’uso umano delle grotte in questo periodo e l’importanza degli studi sull’illuminazione per rivelare le attività dei nostri antenati nelle regioni delle grotte profonde”, scrivi ricercatori.

La ricerca è stata pubblicata in PIÙ UNO.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Paula Ferrari risponde alla richiesta di Basic Instinct di Sharon Stone, Italia vs Galles, notizie di calcio ار
Next Post Amici L’attore James Michael Tyler parla della sua diagnosi di cancro