Sequel romantico di Cookie Cutter – Varie

Sequel romantico di Cookie Cutter – Varie

La posta in gioco sembra un po’ più bassa perché le nostre eroine si stanno prendendo una vacanza di addio al nubilato. Ma gli attori lo indossano.

Chiaramente, le donne meritano un film che le ritragga e le celebri sessantenni e settantenni mentre si godono le gioie dell’avventura romantica e del sesso disinibito. Non è chiaro che si meritassero “Book Club”, la commedia del 2018 su quattro potenti, affettuosi e prosperosi amici che leggono “Cinquanta sfumature di grigio” nel loro mensile letterario di vino bianco klatsch, solo per scoprire che inizia la fantasia della principessa S&M di EL James con una libido saltellante Hanno un periodo di ibernazione e/o il loro desiderio di impegnarsi con gli uomini che stanno corteggiando. Potresti usare un paragrafo del thesaurus pieno di descrizioni mortali per evocare il tipo di film che era “Book Club”. Era pronto, era uno stampino per biscotti, era colorato per numero, era abbastanza ampio da suonare alla Fiera dei Peanuts, erano quattro sitcom glorificate raggruppate in un pacchetto molto artificiale.

Eppure … il film, nelle sue parti della storia – che cadono da qualche parte molto lontano – è molto preciso “Guarda come siamo osceni!” Il modo in cui ha permesso all’iconico quartetto di star di iniettare una sceneggiatura molto carina che è stata intonacata con personalità e anima appena sufficienti. Le quattro donne, interpretate da Jane Fonda (un’albergatrice edonista ma emotivamente distante), Diane Keaton (recentemente vedova e timida nei rapporti, con figlie adulte che vogliono portarla in giro per il paese), Mary Steenburgen (una ristoratrice felicemente sposata, ma il cui marito è una maglietta imbottita) Non fa che peggiorare), e Candice Bergen (un giudice federale che non ha un appuntamento da 18 anni), erano come personaggi in cerca di una vita migliore, e forse di un film migliore. “Book Club” non era esattamente una buona commedia romantica; Era quasi progettato per essere un piacere colpevole. Eppure, come tutti i piaceri colpevoli che vengono offerti, trasudava un bagliore di rilassato divertimento, e alla fine ero contento che esistesse. Ha dato voce ai pensieri e ai sentimenti di cui abbiamo bisogno di vedere di più.

READ  Perché la guerra in Ucraina è un punto di svolta per il futuro del GNL

Ne vedremo molto di più in “Book Club: The Next Chapter”, anche se se stai chiedendo dove potrebbe andare questo sequel, dato il lieto fine che ha salutato tutti e quattro i personaggi nel primo film, hai ragione a Meraviglia. Vivian di Fonda, con i suoi capelli lisci e arruffati e l’arguzia appuntita, ha trovato l’amore con il suo amante di lunga data, interpretato dal vincente Don Johnson; I due ora sono pronti a sposarsi. Keaton Diane (sì, questo è il nome del personaggio), con la sua angoscia pulsante e il guardaroba di Annie Hall a 70 anni, ha trovato l’amore con il sorridente pilota di linea Andy Garcia Mitchell, e se sembra troppo bello per essere vero, stranamente pittoresca tenuta dell’Arizona, ecco il breve film Il mio racconto di un’equazione: è comunque bello!

Carol Steenbergen, sempre la più stabile e contenta delle quattro, ha perso il suo ristorante nella recessione economica della pandemia, ma sta bene con questo cambio di vita. Il vero conflitto che la circonda riguarda suo marito, il vecchio orso croccante di Craig T. Nelson, Bruce, che ha un attacco di cuore. Se la cava bene, ma lei ha così tanta paura di perderlo che lo mette a dieta priva di piacere e una generale esuberanza di intensità iperprotetta che rovina il loro matrimonio per lo più idilliaco. E Sharon Bergen? Dopo essersi riconnessa con il suo lato emotivo, ora si è ritirata dalla panchina, che alla fine l’ha lasciata.

Non sono situazioni e conflitti destinati a esplodere in una commedia drammatica esplosiva. La premessa di The Next Chapter è che le nostre eroine, dopo molte discussioni e calunnie, decidono di perseguire la loro felicità, vivere un po’ pericolosamente e fare un grande viaggio di addio al nubilato in Italia, tutto per celebrare le imminenti nozze di Vivian. Data la lussureggiante cornice continentale, puoi facilmente immaginare Eat, Pray, Love x 4 + 16 aggiungendo decenni di esperienza di vita. Una sorta di romanzo da diario di viaggio per anziani incontra Katharine Hepburn in “Summer”.

READ  Acrow offre la sostituzione standard dell'acciaio per un ponte danneggiato

Ma una volta che gli amici arrivano in Italia, il “capitolo successivo” si trasforma in una serie di avventure serie e insignificanti. Il film originale celebrava il porno immobiliare. Questo sito contiene porno (gli splendori architettonici di Roma, la maestosità mistica di Venezia, la tranquillità dell’Eden della Toscana), porno alcolico (giri notturni di Prosecco e grappa) e, in una sequenza di shopping, porno in abito da sposa. Va tutto bene, anche se niente di tutto ciò si aggiunge a un film.

Al bar di un hotel, Sharon incontra un professore di filosofia espatriato in pensione (Hugh Quarshie), e mentre sfrutta la sua identità interiore di “club del libro” facendo sesso nel retro della sua macchina, qui i due vanno nel retro della macchina. taxi acqueo. Ma è solo un’avventura temporanea (che sembra disgustosa; Hugh Quarshie è un attore abbastanza attraente da sembrare degno di una collocazione più permanente). A una cena organizzata in un lussureggiante ristorante con giardino a Venezia, Carol scopre che lo chef (Vincent Ryota) non è altro che il suo vecchio insegnante di cucina. C’è una scintilla tra loro? Per un momento, il film ci porta a credere che potrebbe allontanarsi, ma è tutto schiacciato da una versione elaborata di una di quelle battute a doppio senso (questa parla di “tirare la pasta”) che i film del “Club del libro” non possono t ottenere abbastanza di.

È tutto snello e aneddotico, il che non sarebbe male se Bill Holderman, il regista di questi film, ed Erin Sims, la sua sceneggiatrice e co-produttrice, mettessero un po’ più di consistenza nelle storie. Ricordi quando scrittori e registi passavano da una serie TV di rete al grande schermo? Holderman e The Sims sembrano cineasti che desiderano ardentemente il giorno in cui potranno realizzare una serie in rete. Tuttavia, la prima regola del “Club del libro” è: mai sottovalutare l’irresistibilità del potere da vecchietta dolce e passionale del “Club del libro”. Quando “The Next Chapter” arriva al matrimonio, rivela una scena che vale l’intero film. Vivian si sposa di corsa ma in modo ostinatamente indipendente, che è il modo in cui Fonda strizza l’occhio alla propria esperienza. La scena è più di una dolce risoluzione: riguarda la longevità, l’identità, l’ansia e la generosità. E in realtà l’amore.

READ  Il numero di casi di COVID-19 in tutto il mondo ha superato i 162,1 milioni; I decessi salgono a oltre 3,35 milioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *