Lo studio mostra che i punti critici del clima “apocalittico” hanno margini di manovra

I residenti vengono evacuati su una barca di salvataggio dalle loro case inondate dopo il ciclone Famco, a Rizal, il 12 novembre 2020. Lisa Marie David / Reuters / File

I ricercatori hanno scoperto che i limiti del riscaldamento globale che possono ribaltare enormi lastre di ghiaccio in uno scioglimento irreversibile o vedere la foresta pluviale amazzonica svanire in savane hanno “periodi di grazia”, ​​dando all’umanità più tempo per ridurre le emissioni di carbonio che stanno riscaldando il pianeta.

Più di una dozzina di punti critici, principalmente causati dall’aumento delle temperature, potrebbero scatenare cambiamenti catastrofici nel sistema climatico terrestre.

Gli scienziati hanno affermato che l’obiettivo dell’accordo di Parigi di porre un limite superiore di 1,5 ° C al di sopra dei livelli preindustriali è inverosimile, è probabile che questa sia un’ottima notizia – anche se non c’è motivo di rilassarsi -.

Le calotte glaciali sopra la Groenlandia e l’Antartide occidentale contengono abbastanza acqua ghiacciata da sollevare gli oceani di 12 metri, inondando le città e ridisegnando le coste del pianeta.

I gas serra del permafrost in Siberia potrebbero sopraffare gli sforzi già compiuti per ridurre l’inquinamento da carbonio prodotto dall’uomo.

I monsoni dell’Asia meridionale, le calotte polari, gli ecosistemi delle barriere coralline, la corrente a getto, il bacino amazzonico – sono tutti vulnerabili ai cambiamenti del punto di ritorno che cambieranno radicalmente il mondo come lo conosciamo.

Finora, gli scienziati si sono concentrati principalmente sulla temperatura e sulle soglie temporali: quanto riscaldamento ci vuole per innescare ogni punto di svolta?

– ‘Il periodo di grazia’ –

Gli esperti dicono che la soglia per le due calotte di ghiaccio potrebbe essere inferiore a 2 ° C e potrebbe essere già stata superata. Ma lo scongelamento del permafrost richiederà probabilmente un altro grado o due di riscaldamento.

READ  Colors of Sonic: Ultimate Trailer mostra un sacco di grandi cambiamenti

Ma una nuova ricerca condotta da Paul Richie e Peter Cox della School of Engineering, Mathematics and Physical Sciences dell’Università di Exeter pone una domanda diversa.

Una volta che abbiamo eseguito il cavo di viaggio fino al punto di non ritorno, possiamo remare abbassando le temperature, assorbendo l’anidride carbonica dall’aria o iniettando la protezione solare nella stratosfera?

“La nostra analisi mostra che è possibile superare le soglie del punto di svolta senza portare a cambiamenti climatici improvvisi e permanenti, purché il trabocco sia per un breve periodo di tempo”, Cox, autore principale di uno studio pubblicato mercoledì sulla rivista Nature, ha detto all’AFP.

“C’è un ‘periodo di grazia’ una volta superata la soglia in cui è possibile evitare un’inversione.”

Nello studio, Cox e colleghi hanno esaminato quattro parti del sistema climatico: le calotte glaciali, i monsoni, il bacino amazzonico e il nastro trasportatore oceanico di correnti che guidano le acque calde e fredde in tutto il mondo, noto come Circolazione dei meridiani atlantici ( AMOC). ).

Attraverso la modellazione hanno scoperto che le calotte glaciali e le correnti oceaniche hanno punti di svolta che emergono lentamente che si svolgono su una scala temporale secolare.

– forti cambiamenti climatici –

Ciò indica che anche se le temperature salgono al di sopra della soglia del punto di non ritorno e iniziano a produrre profondi cambiamenti, c’è ancora tempo per ritirarsi dal bordo della scogliera abbassando il termometro globale.

“La lenta sequenza temporale di alcuni dei punti critici più preoccupanti ci dà una migliore possibilità di invertire il riscaldamento globale prima di dirigerci verso un mondo meno favorevole”, ha detto Cox.

READ  Lucy, cacciatrice di asteroidi della NASA, vola nel cielo: NPR

I ricercatori hanno scoperto che la stessa tempistica non si applicava alla morte dell’Amazzonia e ai monsoni interrotti, che potrebbero trasformarsi in un nuovo stato entro decenni.

Per la regione amazzonica, questo cambiamento è accelerato a causa della diffusa deforestazione.

“Lo studio mostra che se le temperature superano i punti critici per troppo tempo, potremmo indurre cambiamenti irreversibili nel sistema climatico, come la morte della foresta pluviale amazzonica”, ha commentato William Collins, professore di meteorologia presso l’Università di Reading.

Altri scienziati non coinvolti nella ricerca concordano con i risultati, ma mettono in guardia contro l’autocompiacimento.

Grant Allen, professore di fisica dell’atmosfera all’Università di Manchester, ha dichiarato al quotidiano londinese: “Ciò potrebbe fornire pochissimo spazio di manovra nelle nostre previsioni quando tali cambiamenti climatici estremi diventeranno permanenti e molto distruttivi con il perdurare del riscaldamento globale”. Media Science Center.

Ma il breve ritardo di alcune delle conseguenze disastrose del riscaldamento globale non significa che ora sia meno pericoloso.

ANC, clima apocalittico, riscaldamento globale, emissioni di carbonio, cambiamento climatico, gas serra, inquinamento da carbonio

Agapeto Vecoli

"Imprenditore. Freelance introverso. Creatore. Lettore appassionato. Ninja della birra certificato. Nerd del cibo."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Vertice sul clima: il primo ministro Modi e Joe Biden lanciano l’iniziativa indiana per l’energia pulita degli Stati Uniti
Next Post Comiso, proprietario della Fiorentina, dice che ho lasciato gli Stati Uniti per evitare un sistema simile alla Premier League