Keyshia Cole affronta il dramma di Antonio Brown su Instagram

Non sembra esserci alcun amore perso tra Antonio Brown e la cantante R&B Keyshia Cole.

L’artista nominata ai Grammy si è recata su Instagram per discutere della sua apparente relazione con il wide receiver del free agent, giorni dopo aver condiviso un video su Instagram che dovrebbe mostrare Cole che mostra un tatuaggio nella parte bassa della schiena con le sue iniziali.

Cole si è opposto al commento sul video di Brown, che recita: “Non sei un magnaccia finché non colpisci il cantante della RNB. #FreeAgent #KeepPimpin”.

“E’ stata un po’ dura”, ha detto Cole. Instagram in diretta Con lo stilista famoso EJ King, secondo The Shade Room. “Forse non sa che è stato difficile per lui dirlo. Anche io gli stavo parlando, era tipo, ‘Vuoi che cambi la didascalia?’ E ho detto di no, non ti voglio per cambiare la didascalia.”

King ha descritto la didascalia come “un po’ insensibile”, aggiungendo che se Cole parla a Brown di quest’ultimo, “comincerete a risentirvi se non è in un posto per ricevere quello che stai cercando di fare”. [to say]. “

Cole è intervenuto con una risata e ha detto: “Penso che abbia chiarito che non voleva averlo. Penso che l’abbia reso molto chiaro. Era tipo, sai, ‘Baby, all’inizio mi piacevi, ma ora lei non mi piace”—è come no. Quindi immagino che probabilmente sia proprio quello che è… Sto cercando di capirlo. ”

Nei commenti al video post di Brown, Libri fantastici“Questa è la seconda volta che @AB pubblica questo, ma le didascalie sono cambiate. Non arrabbiarti più con me piccola, ho detto che mi scuso”.

Tuttavia, il contesto del suo commento non è chiaro.

Secondo lo schermo Condiviso martedì da The Shade RoomCole avrebbe pubblicato e cancellato il seguente messaggio sulla sua storia di Instagram: “Sì, ero una grande viaggiatrice.. smh la vedo ora. Ho 12 anni. Un tale tipo di mancanza di rispetto per ciò che.. Niente merita questo livello di mancanza di rispetto, soprattutto quando Non te lo meriti. Hai avuto così tanto amore, rispetto e ammirazione. Immagino che questo non sia stato ricambiato”.

Brown e Cole hanno collaborato a “Don’t Leave”, il primo singolo dal suo album rap recentemente pubblicato, “Paradigm”. Il cantante ha cantato a fine aprile, TMZ dice Crede che l’All-Pro wideout potrebbe vincere un Grammy un giorno.

Keyshia Cole ha recentemente parlato di un post su Instagram di Antonio Brown
Getty Images

“Penso che abbia davvero talento, di sicuro”, ha detto in quel momento. “Adoro il corpo di lavoro che crea. Penso che sarebbe bello. Lo faccio. Non avrei collaborato se non avessi pensato che sarebbe stato bello. “

Brown ha iniziato a concentrarsi sulla sua carriera rap dopo essere stato rilasciato dai Buccaneers a gennaio dopo un’esplosione in campo al MetLife Stadium nella settimana 18 quando Tampa ha giocato con i Jets.

Nel terzo quarto, Brown ha lanciato la sua attrezzatura tra la folla e ha corso a torso nudo attraverso la end zone, senza mai rientrare in gioco.

Antonio Brown gioca per i Tampa Bay Buccaneers nel novembre 2020
Antonio Brown gioca per i Tampa Bay Buccaneers nel novembre 2020
Getty Images
Antonio Brown è uscito a torso nudo dai Buccaneers-Jets nel gennaio 2022
Antonio Brown è uscito a torso nudo dai Buccaneers-Jets nel gennaio 2022
AP

Il giorno successivo, Lo ha riferito la rete NFL Che l’hacker volesse che Brown cercasse cure e cure per la salute mentale prima di tagliare completamente i legami, ma l’ampio destinatario pensava che l’idea fosse “ridicola”.

Brown in seguito ha affrontato la questione e ha detto: “Non c’è niente di sbagliato nella mia salute mentale” e che gli è stato chiesto di “portare la persona ferita fuori di qui” durante l’incidente.

READ  Brahmastra Trailer: la chimica di Ranbir Kapoor Alia Bhatt, il profilo SRK e il festival CGI
Abelie Lombardi

"Pioniere del caffè. Pensatore appassionato. Creatore. Appassionato di Internet a misura di hipster".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post La nuova legge rompe le restrizioni sull’integrazione
Next Post Una corsa senza traguardo