Il James Webb Telescope cattura antiche galassie che teoricamente non dovrebbero esistere

Il James Webb Telescope ci ha fornito viste più chiare dei corpi celesti e ha rivelato caratteristiche nascoste da quando ha iniziato a funzionare lo scorso anno. Ora, secondo Stabile Realizzato da un team internazionale di astrofisici, potrebbe anche cambiare completamente la nostra comprensione dell’universo.

Guardando le immagini scattate da un telescopio vicino all’Orsa Maggiore, gli scienziati è stato trovato Sei possibili galassie si sono formate solo da 500 a 700 milioni di anni dopo il Big Bang. Il fatto che potessero avere quasi 13 miliardi di anni non li rendeva strani, anche se secondo i calcoli del team potevano avere tante stelle quante la Via Lattea. Gli scienziati hanno spiegato che non dovrebbe esistere secondo l’attuale teoria cosmologica, perché a quel tempo non c’era abbastanza materia perché le galassie formassero tante stelle come la nostra.

Ciò che gli scienziati hanno visto nelle immagini erano alcuni punti di luce sfocati ma molto luminosi che apparivano rossi sui nostri strumenti, indicando che erano antichi. ha affermato Joel Lega, uno degli autori dello studio spazio Gli scienziati in genere si aspettano di vedere galassie giovani e giovani che brillano di blu quando guardano nell’universo antico, perché ci appaiono come “cose ​​che si sono formate di recente dal brodo cosmico primordiale”. (Non dimenticare che ci vuole tempo prima che la luce raggiunga la Terra, quindi stiamo essenzialmente guardando indietro nel tempo quando guardiamo le immagini telescopiche.)

Immagini di puntini rossi luminosi che potrebbero essere antiche galassie delle dimensioni della Via Lattea, riprese dal James Webb Space Telescope.

NASA, ESA, CSA, I. Labbe (Swinburne University of Technology). Elaborazione delle immagini: G. Brammer (Center for Cosmic Dawn of the Niels Bohr Institute, University of Copenhagen)

“Abbiamo esaminato l’universo primordiale per la prima volta e non avevamo idea di cosa avremmo trovato. E si scopre che abbiamo trovato qualcosa di così inaspettato da creare problemi per la scienza. Mette in discussione l’intero quadro della formazione delle prime galassie, “Legga ha detto. James Webb ha precedentemente scattato foto di galassie più vecchie che si sono formate circa 350 milioni di anni dopo il Big Bang. Ma sono piccoli e non sfidano la nostra conoscenza dell’astrofisica.

Il fatto che queste sei galassie appaiano vecchie ed enormi significa che stavano formando centinaia di stelle un anno dopo il Big Bang. In confronto, la Via Lattea forma circa una o due nuove stelle ogni anno. Inoltre, queste potenziali galassie sono circa 30 volte più piccole della nostra nonostante contengano un numero simile di stelle.

Gli scienziati riconoscono la possibilità che i puntini rossi sfocati che hanno visto possano essere qualcos’altro, come deboli quasar o buchi neri supermassicci. Potrebbe anche essere effettivamente più piccolo rispetto alle dimensioni previste che gli scienziati hanno ottenuto dai loro calcoli. Il team ha bisogno di più dati e di verificare le proprie scoperte con la spettroscopia, ma pensa di farcela Conferma ufficiale l’anno prossimo.

Tutti i prodotti consigliati da Engadget sono selezionati dalla nostra redazione, indipendentemente dalla nostra casa madre. Alcune delle nostre storie includono link di affiliazione. Se acquisti qualcosa tramite uno di questi link, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Tutti i prezzi sono corretti al momento della pubblicazione.

READ  La luna diventerà rossa durante l'eclissi lunare totale di domenica notte

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *