Suggerimenti passati: la mia depressione non è così grande

Il male più grande del nostro tempo non sono le tensioni tra la provincia cattolica e quella ortodossa dell’Ucraina, la rivalità territoriale tra gli amici dell’Occidente e la Russia, o la caduta di una delle grandi potenze del nostro tempo.

Storia e ipocrisia

Non si tratta nemmeno della psicologia di Vladimir Putin: perché e come il bambino abbandonato è diventato un adolescente solitario, e poi un funzionario “non identificato” nel KGB, prima di diventare il sovrano supremo della Russia.

Vorremmo sapere perché il conflitto locale è anche apparentemente una proiezione di colossali tensioni planetarie: la minaccia nucleare, i colossali interessi criminali, l’esistenza di una sinistra oligarchia e le faide tra potenze in regresso e in ascesa.

Sui campi di battaglia dei giganti.

Gli Stati Uniti hanno giustamente denunciato una superpotenza per aver schiacciato un vicino debole, sebbene siano inevitabilmente costretti a parlare del clamore delle loro incursioni militari in Vietnam, Iraq o Afghanistan. Nel frattempo, anche l’Europa ha ragione a condannare i famigerati attentati, ma è anche attenta a non attirare l’attenzione sui suoi interventi in Medio Oriente e in Libia.

Qualcuno ha spiegato perché, quando il Patto di Varsavia è crollato, la NATO ha continuato a essere ostile?

Campi di battaglia dei giganti

I cortili dei piccoli stati ora sono il campo di battaglia dei giganti. La Russia ha mostrato le sue brutali zanne in Ucraina, così come gli Stati Uniti in Vietnam e Iraq. Dietro di loro c’è la Cina. È l’unico Paese con potere arbitrale come da anni: a due potenze che si minacciano a vicenda è stato detto che se gli Stati Uniti attaccheranno la Corea del Nord, la difenderanno, ma se i nordcoreani lanceranno un attacco, saranno a loro agio possedere.

READ  Troppo presto per ridurre gli acquisti di obbligazioni epidemiche "di emergenza": Visco . della BCE

È tutto finito. La Cina ora lascia che la Russia faccia il lavoro sporco mentre fissa Taiwan, che prima o poi diventerà il suo stesso obiettivo.

Come le bambole che nidificano, Madre Russia contiene molti russi. È una nazione multinazionale unita e abbandonata nel corso dei secoli e delle guerre. Putin ha messo in guardia la NATO dall’avvicinarsi ai confini della Russia, poi annettere la Crimea, prima di riconoscere le regioni separatiste in Ucraina e infine strisciare nel cuore del paese.

Negli ultimi due mesi abbiamo assistito a uno spettacolo disgustoso di brutalità e intimidazione nei confronti di un importante avversario. Non è la prima volta, una guerra di piccole guerre, una guerra regionale che riflette le tensioni globali, i frutti delle umiliazioni passate e delle ripetizioni ostinate.

Nella storia, l’Ucraina è stata l’antenata della Russia – e Kiev, la sua prima capitale, mentre l’espansione russa iniziò molto prima di Putin, sotto Pietro I e Caterina II, (entrambi chiamati “la Grande”) e continuò sotto i sovietici.

Comprendere il passato e il presente dell’Ucraina

Anche le divisioni in Ucraina, il desiderio conflittuale del Paese per l’Oriente e l’Occidente o per il cristianesimo romano o l’ortodossia, hanno una lunga storia. Solo la storia può aiutarci a capire la rete delle cause e far luce su Putin come erede dei governanti imperialisti e comunisti della Russia.

L’Ucraina è sia la Russia, essendo la casa di Gogol, Trotsky e Babiloniama anche l’Occidente, come la città natale di Joseph Conrad.

Il suo background storico include le legioni di cosacchi, gli eserciti di Napoleone e Hitler che si spostano avanti e indietro e Tolstoj invia diari di guerra Dalle trincee di Sebastopoli, crudeltà I sovietici sono a milioni Di contadini ucraini e 20 milioni di giovani affrontano i proiettili dell’avanzata nazista.

READ  Riepilogo Europa: guadagni della sterlina rispetto al dollaro sulla domanda di tassi di interesse, guadagni delle azioni europee, stabilizzazione dell'oro, stabilizzazione del petrolio mentre l'aumento della produzione libica bilancia i timori sull'offerta - 17 gennaio 2022

Nulla, oggi, può essere compreso appieno senza pensare alla composizione multinazionale dell’Unione Sovietica, alla sofferenza della Seconda Guerra Mondiale e al risentimento sovietico che ne è seguito, e al regime ostile della Guerra Fredda e della Pace che seguì le massicce perdite della guerra contro Hitler .

Fa male vedere l’umanità tremare per il ricatto nucleare.

È particolarmente inquietante vedere come persone e giovani in tutto il mondo rimangano strumenti obbedienti di governanti spietati, pieni di odio e arroganti. Fa male vedere l’umanità tremare per la paura del ricatto nucleare di una potente minoranza e della nostra incapacità di scrollarsi di dosso questa logica infernale.

Pochissimi di noi sono disposti a unirsi all’unica vera lotta: salvare il nostro pianeta e l’eccitazione di vivere qui in pace. Quanti decenni mancano prima che il vero disastro colpisca?

Articoli dal tuo sito

Articoli correlati sul web

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Il rapper di Atlanta incassa l’arresto per stupro e traffico sessuale
Next Post Gli uffici postali saranno aperti il ​​venerdì santo e il lunedì di Pasqua?