Più di 20 morti in un attentato suicida nella provincia di Logar, Afghanistan, Asia News

Il ministero dell’Interno ha detto che l’esplosione di un camion bomba a Puli Alam, la capitale della provincia, ha ferito più di 90 persone.

Venerdì il ministero dell’Interno afghano ha dichiarato che un potente attentato suicida ha colpito una pensione nell’Afghanistan orientale, uccidendo almeno 21 persone e ferendone fino a 91.

Non vi è stata alcuna rivendicazione immediata di responsabilità per l’attentato avvenuto venerdì a Paul Al-Alam, la capitale della provincia di Logar, e non vi erano indicazioni sul motivo per cui la pensione fosse stata presa di mira. Si temeva che il bilancio delle vittime sarebbe aumentato.

In Afghanistan, le pensioni sono spesso fornite gratuitamente dal governo, di solito per i poveri, i viaggiatori e gli studenti.

L’attacco è avvenuto alla vigilia della data ufficiale fissata per l’inizio del ritiro definitivo delle forze Usa e NATO dall’Afghanistan. I talebani, che hanno chiesto il ritiro di tutte le forze statunitensi dall’Afghanistan entro il 1 maggio, non hanno dato garanzie per la sicurezza delle forze in partenza.

L’esplosione è avvenuta mentre gli ospiti stavano interrompendo il digiuno durante il mese islamico del Ramadan, secondo Hasibullah Stanikzai, presidente del consiglio provinciale di Logar.

Ha detto che tra le vittime c’erano studenti delle scuole superiori che stavano a casa, dopo essersi recati nel capoluogo di provincia per sostenere gli esami di ammissione all’università, nonché membri delle milizie filogovernative che stavano lì in attesa del ponte aereo in un’altra zona. .

Un portavoce del ministero della Salute ha detto che decine di persone sono state portate in ospedale, alcune delle quali in condizioni critiche.

READ  Il ritiro degli Stati Uniti e della NATO dall'Afghanistan solleva "enormi preoccupazioni" per l'India: esperti

La violenza è aumentata in Afghanistan nelle ultime settimane dopo che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha annunciato che gli Stati Uniti avrebbero ritirato le proprie forze entro l’11 settembre per porre fine a 20 anni di presenza militare straniera.

Questa decisione ha fatto arrabbiare i talebani, che hanno firmato un accordo con l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump per ritirare le forze specificate dal paese entro il 1 ° maggio, fatte salve alcune garanzie di sicurezza.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post L’aggiornamento decennale in 1 tedesco produce il maggiore aumento settimanale da febbraio
Next Post Mikel Oyarzabal sul revival della Sociedad, l’esame di italiano di Luis Suarez, il fascino di Barcellona tra le storie sotto il radar