La NASA New Horizons arriva in un raro punto di riferimento spaziale

Impressione artistica della navicella spaziale New Horizons della NASA, in viaggio verso il suo incontro nel gennaio 2019 con l’oggetto della fascia di Kuiper del 2014 MU69. Credito: NASA / JHUAPL / SwRI

Nelle settimane successive al suo lancio all’inizio del 2006, quando New Horizons della NASA era ancora vicino a casa, ci vollero solo pochi minuti per inviare un comando alla navicella e per sentire che il computer di bordo aveva ricevuto ed era pronto per eseguire le istruzioni.


Quando New Horizons ha attraversato il Sistema Solare e la distanza che lo separa dalla Terra è balzata da milioni a miliardi di miglia, il tempo tra i contatti è cresciuto da pochi minuti a diverse ore. E il 17 aprile alle 12:42 UTC (o il 17 aprile alle 8:42 EST), New Horizons raggiungerà un raro punto di interesse nello spazio profondo: 50 unità astronomiche dal Sole, o 50 volte più lontano dal Sole. il terreno.

New Horizons è la quinta navicella spaziale a raggiungere questa grande distanza, dopo i leggendari Voyagers 1 e 2 e i loro predecessori, Pioneers 10 e 11. Si trova a circa 7,5 miliardi di miglia (7,5 miliardi di km) di distanza; Un’area remota in cui uno di questi comandi wireless, anche viaggiando alla velocità della luce, impiegherebbe sette ore per raggiungere la lontana astronave. Quindi aggiungere altre sette ore prima che la squadra di controllo a terra rilevi se il messaggio è stato ricevuto.

“È difficile immaginare qualcosa fino ad ora”, ha detto Alice Bowman, responsabile della missione per New Horizons presso il Johns Hopkins Laboratory for Applied Physics di Laurel, nel Maryland. “L’unica cosa che rende tangibile questa distanza è il tempo che ci vuole sulla Terra per confermare che la navicella ha ricevuto le nostre istruzioni. Questo va da quasi istantaneo ad oggi entro 14 ore. Rende reale la distanza massima”.

Per celebrare l’occasione, New Horizons ha recentemente fotografato il campo stellare mentre uno dei suoi cugini a lunga distanza, Voyager 1, appare dall’esclusivo trespolo di New Horizons nella fascia di Kuiper. Mai prima d’ora un veicolo spaziale nella fascia di Kuiper ha fotografato ulteriormente la posizione di un veicolo spaziale, e ora si trova nello spazio interstellare. Sebbene Voyager 1 sia troppo debole per essere visto direttamente nell’immagine, la sua posizione è nota proprio a causa del tracciamento wireless della NASA.

La NASA New Horizons arriva in un raro punto di riferimento spaziale

Ciao Voyager! Dalla lontana fascia di Kuiper al confine del sistema solare, il giorno di Natale, il 25 dicembre 2020, la navicella spaziale New Horizons della NASA ha puntato il suo cameraman da ricognizione a lungo raggio in direzione della navicella Voyager 1, che è stata collocata nel cerchio giallo . Il Voyager 1, il più lontano oggetto costruito dall’uomo e il primo veicolo spaziale a lasciare effettivamente il Sistema Solare, dista più di 152 unità astronomiche (UA) dal Sole – circa 14,1 miliardi di miglia o 22,9 miliardi di chilometri – ed era di 11,2 miliardi di miglia (18 miliardi di chilometri) da New Horizons Quando scatti questa foto. Lo stesso Voyager 1 è così offuscato 1 trilione di volte che non può essere visto in questa immagine. La maggior parte degli oggetti nell’immagine sono stelle, ma molti, dall’aspetto misterioso, sono galassie lontane. New Horizons ha raggiunto il livello di 50 UA il 18 aprile 2021 e si unirà ai Voyagers 1 e 2 nello spazio interstellare negli anni ’40. Credito immagine: NASA / Johns Hopkins APL / Southwest Research Institute

“Questa è un’immagine molto interessante per me”, ha detto Alan Stern, ricercatore principale di New Horizons presso il Southwest Research Institute di Boulder, in Colorado.

Ha continuato: “Se guardiamo indietro al viaggio di New Horizons dalla Terra a 50 UA, suona un po ‘come un sogno”. “Far volare un veicolo spaziale attraverso il nostro intero sistema solare esplorando Plutone e la fascia di Kuiper non era mai stato fatto prima di New Horizons. La maggior parte di noi del team faceva parte di questa missione perché era solo un’idea, e durante quel periodo i nostri figli erano cresciuti su, i nostri genitori sono cresciuti e noi stessi Ma, cosa più importante, abbiamo fatto molte scoperte scientifiche, ispirato innumerevoli carriere nel campo della scienza, della tecnologia, dell’ingegneria e della matematica e abbiamo persino fatto un po ‘di storia.

New Horizons è progettato funzionalmente per fare la storia. The New Horizons è stato inviato a 36.400 miglia orarie (58.500 chilometri orari) il 19 gennaio 2006 ed è stato e rimane l’oggetto artificiale più veloce lanciato dalla Terra. Non solo il sorvolo di Giove assistito dalla gravità nel febbraio 2007 è volato per circa tre anni nel suo volo su Plutone, ma gli ha anche permesso di ottenere le migliori viste in assoluto del debole anello di Giove, catturando il primo film di un vulcano in eruzione ovunque nel solare sistema tranne che per la Terra.

New Horizons ha effettuato la prima esplorazione del sistema Plutone nel luglio 2015, seguito dal volo più lungo della storia – e dal primo sguardo ravvicinato al corpo della fascia di Kuiper (KBO) – con il suo volo dopo Arrokoth il giorno di Capodanno 2019. Dalla sua posizione unica nella fascia di Kuiper, New Horizons prende appunti che non possono essere fatti da nessun’altra parte; Anche le stelle sembrano diverse dal punto di vista della navicella.

I membri del team di New Horizons stanno usando telescopi giganteschi come il Subaru Observatory giapponese per scansionare il cielo per un altro potenziale obiettivo KBO fly-by (e lungo), e New Horizons stesso rimane in buona salute, raccogliendo dati sul vento solare e l’ambiente spaziale in la fascia di Kuiper, tra gli altri. Oggetti della fascia di Kuiper e pianeti lontani come Urano e Nettuno. Questa estate, il team della missione invierà un aggiornamento software per potenziare le capacità scientifiche di New Horizons. Per l’esplorazione futura, la batteria nucleare del veicolo spaziale dovrebbe fornire energia sufficiente per mantenere in funzione New Horizons fino alla fine degli anni ’30.


Guardando indietro al nuovo anno a nuove altezze, ricordiamolo


la citazione: NASA New Horizons arriva in un raro punto di riferimento spaziale (2021, 19 aprile) Estratto il 19 aprile 2021 da https://phys.org/news/2021-04-nasa-horizons-rare-space-milestone.html

Questo documento è soggetto a copyright. Nonostante qualsiasi trattamento equo ai fini di studio o ricerca privata, nessuna parte può essere riprodotta senza autorizzazione scritta. Il contenuto viene fornito solo a scopo informativo.

READ  Gli scienziati creano embrioni ibridi umani e scimmia in laboratorio - BGR
Agapeto Vecoli

"Imprenditore. Freelance introverso. Creatore. Lettore appassionato. Ninja della birra certificato. Nerd del cibo."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Il video virale mostra un uomo che lancia un frenetico Bobcat dopo aver attaccato sua moglie
Next Post Gioca – Schwazer vs. Sport: una lunga e tortuosa strada pedonale verso la riabilitazione antidoping