La Banca Mondiale dimezza le previsioni di crescita del Pil del Pakistan – Affari

ISLAMABAD: Avvertendo di un’altra recessione globale, la Banca mondiale ha previsto martedì che la crescita economica in Pakistan rallenterebbe ulteriormente al 2% quest’anno, due punti percentuali al di sotto della media. Stima giugno 2022 A causa delle devastanti inondazioni e del rallentamento della crescita globale.

Le ultime previsioni della Banca mondiale indicano anche un “rallentamento brusco e prolungato”, poiché il tasso di crescita globale ha raggiunto l’1,7% quest’anno, rispetto al 3% previsto a giugno, secondo l’ultima pubblicazione della banca. Rapporto sulle prospettive economiche globaliuna pubblicazione di punta del World Bank Group.

Ha affermato che la crescita globale sta rallentando bruscamente di fronte all’inflazione elevata, ai tassi di interesse più elevati, agli investimenti inferiori e alle turbolenze dovute all’invasione russa dell’Ucraina.

L’agenzia di prestito con sede a Washington ha affermato nel rapporto che la produzione economica del Pakistan non solo stava diminuendo, ma stava anche abbassando il tasso di crescita regionale. Si prevede che il tasso di crescita del PIL del Pakistan migliorerà al 3,2% nel 2024, ma sarà anche inferiore alla stima precedente del 4,2%.

La banca ha affermato che “l’incertezza politica complica ulteriormente le prospettive economiche” per il Pakistan, oltre ai danni causati dalle inondazioni e al conseguente aumento della povertà, spiegando che la già instabile situazione economica del Pakistan, con scarse riserve valutarie e un enorme deficit nel bilancio e conto corrente. , esacerbata nell’agosto dello scorso anno da gravi inondazioni che hanno causato molte vittime.

Circa un terzo della superficie terrestre del paese è stato colpito, danneggiando le infrastrutture e colpendo direttamente circa il 15% della popolazione.

“Le esigenze di recupero e ricostruzione dovrebbero essere 1,6 volte il budget nazionale per lo sviluppo per l’anno fiscale 2022-23”, ha affermato, aggiungendo che le inondazioni potrebbero danneggiare gravemente la produzione agricola, che rappresenta il 23% del PIL e il 37% dell’occupazione – Il che porta all’interruzione della situazione attuale e delle prossime stagioni agricole e spinge 5,8 milioni di persone per nove milioni nella povertà.

Il Pakistan, che ha scarse riserve valutarie e un aumentato rischio sovrano, ha visto la sua valuta deprezzarsi del 14% tra giugno e dicembre, e il premio di rischio del paese è aumentato di 15 punti percentuali nello stesso periodo.

La Banca mondiale ha affermato che l’inflazione dei prezzi al consumo in Pakistan ha raggiunto il 24,5% a dicembre su base annua, diminuendo di recente rispetto al tasso più alto dagli anni ’70.

L’Asia meridionale dovrebbe crescere rispettivamente del 5,5% e del 5,8% nel 2023 e nel 2024, leggermente meno dello 0,3% – 0,7% rispetto alle stime precedenti, principalmente grazie al sostegno della crescita del PIL del 6,6% e del 6,1% in India. Questo ritmo riflette la forte crescita in India, Maldive e Nepal, compensando gli effetti delle inondazioni in Pakistan e le crisi economiche e politiche in Afghanistan e Sri Lanka. Il rapporto afferma che il deterioramento dell’ambiente globale influenzerà gli investimenti nella regione.

Nella regione esclusa l’India, la performance di crescita nel 2023 e nel 2024, rispettivamente del 3,6% e del 4,6%, dovrebbe essere inferiore al tasso medio pre-pandemia. Ciò è dovuto principalmente alla debole crescita in Pakistan, che è prevista al 2% nell’anno fiscale 2022-23, la metà del ritmo previsto nel giugno dello scorso anno.

Il Pakistan sta affrontando condizioni economiche difficili, comprese le ripercussioni delle recenti inondazioni e il perdurare della politica e dell’incertezza politica. Mentre il paese attua misure politiche per stabilizzare le condizioni macroeconomiche, le pressioni inflazionistiche si dissipano e inizia la ricostruzione post-alluvione, la crescita dovrebbe salire al 3,2% nell’anno fiscale 2023-24, ancora inferiore alle previsioni precedenti.

I prezzi del cibo sono aumentati rapidamente nell’Asia meridionale, in particolare in Pakistan e Sri Lanka, aumentando l’incidenza dell’insicurezza alimentare nella regione.

I divieti di esportazione alimentare, anch’essi sempre più diffusi, potrebbero avere conseguenze indesiderate e potrebbero esacerbare gli aumenti dei prezzi alimentari globali. Afghanistan, Bangladesh, India e Pakistan hanno implementato restrizioni all’esportazione di alimenti nel 2022, inclusi riso, grano e zucchero.

Si stima che le recenti inondazioni in Pakistan abbiano causato danni pari a circa il 4,8% del PIL. Gli eventi meteorologici estremi possono esacerbare la privazione alimentare, interrompere le forniture essenziali nella regione, distruggere le infrastrutture e ostacolare direttamente la produzione agricola.

Il rapporto della Banca mondiale ha indicato che in alcune economie il deterioramento delle condizioni economiche ha portato a un aumento significativo dei tassi di povertà (Afghanistan, Pakistan e Sri Lanka). Molte case consumano cibo meno nutriente e le interruzioni di corrente sono diventate all’ordine del giorno poiché il carburante è stato razionato.

La combinazione di riserve di valuta estera limitate e disavanzi delle partite correnti esterne ha incoraggiato molti paesi (tra cui Bangladesh e Pakistan) a rivolgersi al Fondo monetario internazionale per ottenere aiuto nell’aumento delle riserve di valuta estera e nell’allentare le pressioni sui finanziamenti esterni. Parallelamente, i governi hanno inasprito le politiche fiscali e, in alcuni casi, imposto restrizioni alle importazioni e divieti di esportazione di prodotti alimentari.

Pubblicato su Dawn, 11 gennaio 2023

READ  Paneer Pecorino swap: l'India assaggia i formaggi europei | India

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *