Knockout Economy: i produttori americani soffrono di forniture imprevedibili

(Reuters) – Glenn Calder la scorsa settimana prevedeva di inviare una spedizione di riduttori del cambio necessari per costruire un modello specifico delle vibrofinitrici della sua azienda.

Ma quando ha chiamato giovedì per verificare lo stato dell’ordine, ha appreso che la spedizione – proveniente dall’Italia – era in ritardo di tre mesi.

“Nessuna spiegazione, nessuna scusa, niente”, afferma Calder, vicepresidente delle operazioni di Calder Brothers, il produttore di 80 dipendenti a Taylors, nella Carolina del Sud. Calder ha detto che il suo impianto stava già tagliando l’acciaio per macchine che richiedevano parti italiane e ora avrebbe dovuto affrettarsi per produrre qualcos’altro. Gli ordini per questi dispositivi, già scaduti, al momento non verranno evasi.

I problemi della catena di approvvigionamento hanno dovuto affrontare produttori come Calder durante la pandemia. Al culmine della crisi un anno fa, i produttori hanno dovuto affrontare carenze di tutto, dall’acciaio e alluminio ai chip per computer e alle resine plastiche.

Le condizioni sono migliorate negli ultimi mesi. Ad esempio, i backup per le navi in ​​attesa di scaricare il loro carico nei porti degli Stati Uniti sono diminuiti. L’ultimo sondaggio mensile dell’Institute for Supply Management ha mostrato che la percentuale di intervistati che ha affermato che i tempi di consegna dei fornitori sono stati più rapidi rispetto al mese precedente è stata la più alta dal 2009 e coloro che hanno dichiarato di essere più lenti sono scesi al di sotto dei livelli di tendenza storici rispetto ai massimi record dello scorso anno. Molte merci stanno diventando più prontamente disponibili.

Grafica Reuters

Ma le catene di approvvigionamento sono ancora lontane dalla normalità.

READ  FirstFT: gli Stati Uniti inviano missili a lungo raggio in Ucraina

“Per dirla in modo affettuoso”, ha detto Calder, “gioco a colpire la talpa ogni settimana con fornitori che non consegnano”.

Non è solo in questo nuovo gioco. Un recente sondaggio condotto su 179 aziende dalla Equipment Manufacturers Association ha rilevato che il 98% di loro ha affermato di avere problemi persistenti nella catena di approvvigionamento. Più preoccupante – e sorprendente, visti i rapporti recenti come i dati ISM sulle forniture che fluiscono più liberamente – quasi il 60% ha affermato di vedere che i problemi continuano a peggiorare.

Un’altra misura, il Global Supply Chain Stress Index della Fed di New York, è aumentato in ottobre e novembre, invertendo parte dell’allentamento dei colli di bottiglia dell’offerta globale osservati per la maggior parte dell’anno scorso.

Grafica Reuters

Ora c’è una rinnovata preoccupazione per la Cina. Per gran parte della pandemia, le fabbriche cinesi hanno lottato per tenere il passo con un aumento inaspettato della domanda globale di manufatti. L’improvvisa revoca delle restrizioni pandemiche in quel paese ha scatenato un’ondata di contagi che potrebbe ancora una volta far deragliare le fabbriche.

Alcuni produttori sono sicuri che il peggio sia passato.

Keith Johnson, presidente di Kondex Corp., che produce parti metalliche per produttori di attrezzature agricole come Deere & Co (tana) e AGCO Corporation (AGCO.N)“C’è la sensazione che tutti stiano finalmente uscendo”, ha detto, dalle carenze degli ultimi due anni.

Ciò include infine l’aggiunta dei lavoratori necessari per raggiungere gli obiettivi di produzione presso lo stabilimento di Lomeira, nel Wisconsin. Kondex ha portato la sua forza lavoro a 280 persone, più di quanto l’azienda operasse prima della pandemia. Ma non è stato facile occupare queste posizioni.

READ  I limiti della coercizione economica cinese

I nuovi lavoratori di Johnson includono 18 persone assunte da fuori dallo stato attraverso una società di fornitura di manodopera. Vivono in motel locali e costano a Kondex circa tre volte di più rispetto alle loro controparti di provenienza locale. L’azienda sta investendo in automazione e altre attrezzature che aiuteranno nella crisi del lavoro.

“Ma molto di ciò è stato ritardato” dai ritardi della catena di approvvigionamento, ha affermato.

Lo riferisce Timothy Epple. Montaggio di Dan Burns e Andrea Ricci

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Gli scienziati stanno usando la stampa 3D e le cellule staminali dei pazienti per aiutare milioni di problemi agli occhi
Next Post ‘Finalmente ho trovato un uomo di cui mi fido’: l’ex moglie di Imran Khan si sposa per la terza volta | notizie dal mondo