Inter Secure DigitalBits ha sponsorizzato un “accordo di partnership di prodotto” del valore di 85 milioni di euro

L’accordo vedrà Zytara Labs integrare la sua tecnologia bancaria nell’app del club di Serie A.

Inter

  • Secondo Tuttosport, l’Inter in questa stagione guadagnerà 29 milioni di euro in contratti di sponsorizzazione della maglia.
  • Un club per lavorare con DigitalBits per accettare pagamenti in criptovaluta e creare NFT
  • La rete Blockchain è stata annunciata come main sponsor della maglia dell’AS Roma a luglio

I giganti del calcio italiano Inter hanno annunciato una partnership pluriennale di 85 milioni di euro (100,7 milioni di dollari) con Zytara Labs che vedrà la rete blockchain di DigitalBits diventare lo sponsor della maglia del club.

Come parte dell’accordo, DigitalBits fungerà da criptovaluta globale ufficiale per l’Inter, poiché Zytara diventa il partner bancario digitale globale ufficiale dei campioni italiani di Serie A.

La componente Quantum Sponsorship della partnership vedrà comparire il logo DigitalBits sulle maglie maschili e femminili dell’Inter, oltre che sulle divise del Primavera Club e delle squadre giovanili. L’Inter in precedenza aveva avuto un accordo con il broker forex IC Markets, ma ha annullato il contratto poco dopo averlo firmato.

Zytara lavorerà con l’Inter per integrare la sua tecnologia bancaria nell’app ufficiale del club per creare quella che i due descrivono come una “esperienza di acquisto coinvolgente del marchio” per gli utenti.

Di conseguenza, l’app dell’Inter, che consentirà l’accesso a prodotti basati su crypto, diventerà il modo principale per i tifosi di acquistare i biglietti per le partite della squadra in casa a San Siro.

Inoltre, l’Inter utilizzerà anche la blockchain di DigitalBits con l’obiettivo di integrare e accettare la criptovaluta XDB per i pagamenti nel proprio paese d’origine, nonché nei propri negozi online e nei punti vendita fisici in tutta Milano.

Un altro elemento della collaborazione vedrà l’uso della tecnologia blockchain Interleverage per creare carte giocatore digitali e token non fungibili (NFT).

“Questo accordo riflette l’impegno dell’Inter a stabilire standard globali per l’eccellenza tecnologica”, ha affermato Alessandro Antonello, amministratore delegato dell’Inter. “Mentre le prime esperienze digitali sono vitali per tutti i club sportivi, la nostra partnership mira a raggiungere obiettivi più elevati. Sfruttando la tecnologia di digital banking e blockchain di Zytara, saremo in grado di far avanzare la nostra portata globale verso un pubblico più giovane e con esperienza digitale”.

DigitalBits sarà la seconda azienda legata alla blockchain ad apparire sulle maglie dell’Inter in questa stagione. Theoff Club ha recentemente annunciato un accordo con la piattaforma di voto e ricompense di proprietà di Chiliz Socios.com per promuovere i token dei fan nella parte anteriore dei loro gruppi.

Secondo TuttosportL’Inter è destinata a guadagnare un totale di 29 milioni di euro (34,4 milioni di dollari USA) in questa stagione dagli accordi con Socios, DigitalBits e la società tecnologica cinese Lenovo, che appaiono sul retro della maglia. Il quotidiano torinese ha aggiunto che l’accordo di Quantum con DigitalBits vale 5 milioni di euro (5,9 milioni di dollari) all’anno.

L’accordo con l’Inter è il secondo nel calcio italiano per DigitalBits, confermata a luglio come main sponsor della maglia dell’AS Roma con un contratto da 36 milioni di euro (42,7 milioni di dollari).

READ  Romelu Lukaku: l'attaccante dell'Inter arriva a Londra per completare il trasferimento record del Chelsea | notizie di calcio
Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Ora è ancora più semplice creare un’unità USB per installare Windows 11. Ecco cosa devi sapere
Next Post Stazione spaziale internazionale: il capo spaziale russo afferma che “il divorzio non è possibile” dagli Stati Uniti