I Pittsburghers piangono la perdita di Franco Harris

Mentre la notizia della morte della leggenda del calcio dei Pittsburgh Steelers Franco Harris è arrivata a Pittsburgh mercoledì mattina, i tributi hanno iniziato a riversarsi da tutta la città e dal paese sui social media.

La maglia numero 32 di Harris stava per essere ritirata questo fine settimana dagli Steelers, un gesto che coincide con il 50° anniversario di “The Immaculate Reception”, una delle giocate più famose nella storia del calcio. Ma invece, molti fan hanno messo fiori e un fantastico asciugamano al memoriale dello spettacolo sul lato nord. Giocatori senior, allenatori ed esperti di calcio hanno inviato le loro condoglianze da tutto il paese.

Harris è rimasto nell’area di Pittsburgh e molti dei suoi primi tributi riguardavano piccole questioni quotidiane, come imbattersi in Harris in città o il lavoro che Harris ha svolto per organizzazioni non profit e politici cittadini.

Chris Ivey, un regista di Pittsburgh, ha incontrato Harris nel 2009 quando ha iniziato a produrre spot pubblicitari per il figlio di Harris, Doc, che era candidato a sindaco di Pittsburgh. Ivey ha definito Harris il “Pittsburgh Jesus” per quanto è popolare e simpatico e anche per il suo calore e la sua generosità nei confronti della comunità.

READ  Frankie Dettori è fiducioso che il pilota possa tornare | Notizie sulle corse

Ivey ha ricordato che durante le partite degli Steelers, Harris si spostava in diverse parti del campo perché amava stare con le persone. E quando gli Steelers stavano perdendo e si sentivano frustrati, ha detto, Harris gli avrebbe detto: “Non è ancora finita”.

Ivy lavorava come tecnico di Harris e veniva ad aiutarlo a riparare il suo router internet. Spesso quando Ivey chiamava per parlare di un progetto, diceva Harris, era sul tapis roulant per tenersi in forma.

Joe Gordon, direttore di lunga data delle pubbliche relazioni degli Steelers, ha detto che Harris lo chiamava ogni due settimane durante la pandemia per controllare lui e sua moglie e chiedere se avevano bisogno di qualcosa. “E quello era il modello Franco”, ha detto. “Forse chiamerebbe altre 20 persone la stessa cosa.”

Gordon ha detto che durante la stagione da rookie di Harris con gli Steelers, era tranquillo, come la maggior parte dei rookie, ma si è rapidamente guadagnato il rispetto dei giocatori più anziani. Joe Green diceva spesso: “Non abbiamo fatto i playoff fino a quando non è arrivato Franco, e poi abbiamo fatto otto anni di fila con Franco”.

Harris ha guidato una manifestazione per John Fetterman nella Striscia all’inizio di quest’anno. “Franco era una vera leggenda e un’icona dentro e fuori dal campo”, ha detto Fettermann in una dichiarazione via e-mail. “Ha dato così tanto a tutti ed è stato un uomo veramente altruista”.

L ‘”Esercito Franco Italiano” è stato formato nell’autunno del 1972 con molti fan che indossavano elmetti militari.

“Era l’eroe della comunità italiana qui e il più amato”, ha detto Ivey. “È stato un grande momento durante il suo anno da rookie. La comunità italiana aveva così tante speranze per lui, incoraggiandolo e ricevendo un’accoglienza immacolata durante il suo anno da rookie, così come è successo – è andata così”.

Con i suoi soldi e il suo tempo, Harris è stato un grande sostenitore, ha detto Carlos Carter, presidente e CEO della Pittsburgh Metropolitan League, che ha fatto tutto il possibile per aiutare la comunità nera di Pittsburgh. Harris ha accettato di fungere da portavoce della loro campagna per cercare di incoraggiare le persone a ottenere un vaccino COVID-19 e Harris ha ricevuto il prestigioso Ronald H. Brown Leadership Award a febbraio per il suo lavoro filantropico.

Harris è stato per anni presidente del Pittsburgh Promise Scholarship Board, che fornisce borse di studio ai laureati della Pittsburgh Public School. Per 15 anni, Harris ha sostenuto la borsa di studio, ballando persino con i bambini il giorno in cui hanno annunciato quale college avrebbero frequentato.

Salim Ghobril, CEO di Pittsburgh Promise, ha dichiarato di essere sia rattristato che arrabbiato per la notizia della morte di Harris. “Sappiamo che è giunto il momento per tutti gli esseri umani di morire un giorno. Ma non oggi”, ha scritto Gabriel in una dichiarazione. “Non era la settimana in cui l’intero Paese si preparava a dire ‘grazie’ a una leggenda che ha sempre pensato agli altri più che a se stessa…”

Harris era ancora stupito dalla sua vita privata e dal successo calcistico. Forum ha detto in colloquio Questa settimana ricorre il 50° anniversario dell’Immacolata. Si vantava che fosse il primo touchdown Steeler dei playoff, portando alla prima vittoria in assoluto degli Steelers. Ma ha detto che non aveva ricordi reali di quel momento più famoso, solo i momenti prima e immediatamente dopo.

Difficile da credere. 50 anni, 50 anni, ha detto Harris, ed è fantastico che siamo lì per celebrare questo traguardo.

Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Maha Hukoomi ha formato un gruppo di lavoro per seguire la situazione del virus Corona, in coordinamento con il centro
Next Post La variante Covid dietro il boom in Cina trovata in India: tutto quello che c’è da sapere