Gli sforzi per la tregua in Sudan si sono deteriorati con l’infuriare dei combattimenti

Incendi ed esplosioni hanno preso di mira Khartoum per il ventesimo giorno consecutivo giovedì, lasciando a brandelli gli sforzi per il cessate il fuoco, un giorno dopo che il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha ammesso che la comunità internazionale aveva “fallito” il Sudan.

Poiché l’ultimo cessate il fuoco è scaduto mercoledì a mezzanotte, l’esercito regolare si è detto pronto a rispettare una nuova tregua di sette giorni concordata con i mediatori sud-sudanesi, ma non ci sono state notizie dai suoi rivali nelle forze paramilitari di supporto rapido.

A Khartoum, testimoni hanno riferito che oggi all’alba si sono udite esplosioni e colpi di arma da fuoco per le strade.

Una mortale battaglia urbana è scoppiata il 15 aprile tra il leader de facto del Sudan Abdel Fattah al-Burhan, che comanda l’esercito regolare, e il suo vice, diventato rivale, Mohamed Hamdan Dagalo, che comanda le forze di supporto rapido.

Secondo i dati dell’Armed Conflict Location and Event Data Project, i combattimenti hanno ucciso circa 700 persone, soprattutto a Khartoum e nel Darfur.

Il capo delle Nazioni Unite ha detto mercoledì ai giornalisti a Nairobi che le Nazioni Unite sono state “sorprese” dal conflitto perché l’organismo mondiale e altri avevano sperato che i negoziati per una transizione civile avrebbero avuto successo.

“Nella misura in cui noi e molti altri non ci aspettavamo che ciò accadesse, possiamo dire che non siamo riusciti a evitarlo”, ha affermato Guterres.

“Un paese come il Sudan, che ha sofferto così tanto… non può tollerare una lotta di potere tra due popoli”.

Il giorno in cui sono scoppiati i combattimenti, i due comandanti avrebbero dovuto incontrare i mediatori internazionali per discutere l’integrazione dell’RSF nell’esercito regolare, un prerequisito per una transizione verso un governo democratico.

READ  Il capo della marina tedesca si dimette dopo aver litigato per i suoi commenti a Delhi sull'Ucraina

Invece Khartoum è stata svegliata dal rumore degli spari nelle strade.

“Ogni minuto di guerra, più persone muoiono o vengono gettate nelle strade, la società si disintegra e lo stato si indebolisce e si disintegra un po’ di più”, ha detto Khaled Omar Youssef, un ministro civile nel governo che è stato rovesciato da generali rivali nel 2021. colpo di stato.

Il capo umanitario delle Nazioni Unite, Martin Griffiths, ha effettuato una visita lampo in Sudan martedì per cercare di negoziare un passaggio sicuro per gli aiuti e gli operatori umanitari dopo che sei camion carichi di rifornimenti alimentari dal Programma alimentare mondiale in rotta verso l’occidente dilaniato dalla guerra sono stati saccheggiati. Regione del Darfur.

La sua portavoce ha detto che avrebbe dovuto volare a Nairobi giovedì dopo un breve scalo in Arabia Saudita.

Il Darfur porta ancora i segni della guerra scoppiata nel 2003 quando il presidente Omar al-Bashir scatenò contro i ribelli delle minoranze etniche le milizie Janjaweed, reclutate principalmente dalle tribù pastorali arabe.

Le Nazioni Unite hanno affermato che i civili in Darfur si sono nuovamente armati negli ultimi combattimenti.

L’Nrc ha affermato che la violenza a El Geneina, la capitale dello stato del Darfur occidentale, “ha provocato almeno 191 morti”.

“Decine di insediamenti sono stati bruciati e distrutti, lasciando migliaia di senzatetto”, ha affermato l’organizzazione per i diritti umani.

Sia Griffiths che l’inviato delle Nazioni Unite in Sudan, Volker Perthes, hanno parlato telefonicamente con Burhan e Daglu della necessità di aiuti per raggiungere le persone, ha twittato Griffiths.

Gli sforzi di mediazione si sono moltiplicati dallo scoppio del conflitto, ma l’esercito regolare ha dichiarato mercoledì di preferire gli sforzi del blocco regionale per l’Africa orientale (Igad), perché vuole “soluzioni africane ai problemi del continente”.

READ  Il capo dell'ISI Il primo ministro pakistano torna a Kabul, vuole che i talebani includano a bordo i rappresentanti delle minoranze | notizie dal mondo

Ha detto che stava anche esaminando un tentativo saudita-americano di fermare i combattimenti.

Un diplomatico ha detto all’AFP che i ministri degli esteri della Lega degli Stati arabi si incontreranno domenica per discutere del conflitto prima del vertice arabo in Arabia Saudita alla fine di questo mese.

L’Organizzazione internazionale per le migrazioni ha affermato che quasi 450.000 civili sono fuggiti dalle loro case dall’inizio dei combattimenti, inclusi oltre 115.000 che hanno cercato rifugio nei paesi vicini.

L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha dichiarato che 47.000 sudanesi e 3.500 stranieri sono entrati in Egitto mercoledì.

Dal rovesciamento del potente presidente Omar al-Bashir in un colpo di stato del 2019, i mediatori internazionali hanno cercato di portare civili e militari al tavolo dei negoziati.

Ma nel processo, gli analisti ritengono di aver dato troppo credito a Burhan e Daglu, che hanno lavorato insieme al colpo di stato che ha fatto deragliare la transizione al governo civile elettorale prima di essere coinvolti in una lotta per il potere.

“Nemmeno il popolo sudanese vuole”, ha detto il leader ribelle in esilio Abdel Wahed Nur, un veterano di decenni di combattimenti in Darfur.

“Vogliono un governo civile”, ha detto ad AFP, aggiungendo che non potrebbe esserci un “vincitore” nel conflitto in corso.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Italia: istituti bancari, pensionistici, assicurativi e finanziari si consultano per contrastare il finanziamento dei produttori di armi | Hogan Lovells
Next Post I giornali italiani reagiscono al primo titolo vinto in 33 anni