Come Facebook, Twitter e YouTube stanno lottando per tenere a bada i talebani | notizie dal mondo

La Silicon Valley ha un compito difficile da svolgere. Per la prima volta in più di due decenni, piattaforme di social media come Facebook, Twitter e YouTube devono escogitare modi per bilanciare la risposta ai talebani, un gruppo conservatore legato al terrorismo che ora controlla l’apparato statale in Afghanistan. Con il gruppo legato al terrorismo ora in procinto di governare un intero paese, le società di social media devono affrontare una serie di domande difficili: se dovessero mantenere le loro politiche sugli utenti per riflettere una posizione dura contro gli insorti o per consentire al regime dei talebani di funzionare. Sui social media come qualsiasi altro governo riconosciuto a livello internazionale?

Per la maggior parte, le piattaforme di social media sembrano avere una politica senza fronzoli. Finora, Facebook e YouTube hanno affermato che i talebani sono banditi dalle loro piattaforme, secondo Politiche delle sanzioni statunitensi. D’altra parte, Twitter non ha ancora bandito i talebani, ma si dice che stia reprimendo singoli frammenti di contenuti violenti.

YouTube, la piattaforma di condivisione di video online e social media di proprietà di Google, ha dichiarato che chiuderà gli account talebani.

Tuttavia, è stata segnalata una certa confusione tra le piattaforme di social media su come trattare con i talebani. Sebbene Facebook affermi che il suo divieto sui talebani è in vigore da “anni” nell’ambito della sua politica “organizzazioni pericolose”, sembra che il gigante dei social media abbia disattivato alcuni account talebani solo dopo aver affrontato una serie di domande del New York Times, Secondo un tweet Di Shera Frenkel, corrispondente di notizie della Fondazione.

READ  Sipario e regole ferree per le studentesse mentre riaprono le università afgane

Inoltre, la presunta azione di Facebook contro gli account talebani non sembra essere stata tradotta su altre piattaforme di proprietà dell’azienda. Il servizio di messaggistica istantanea di proprietà di Facebook WhatsApp ha affermato che agirà contro le persone o le organizzazioni sanzionate che utilizzano l’app, ma ciò includerà l’identificazione di chi utilizza l’app in primo luogo. Dichiarazione di un portavoce dell’azienda mostrato WhatsApp non ha intrapreso alcuna azione contro alcuni degli account che diffondono la propaganda talebana perché la piattaforma utilizza la crittografia end-to-end per i suoi messaggi.

Tuttavia, Facebook in seguito ha affermato che alla fine vieterà gli account talebani su WhatsApp, da allora Il gruppo è considerato un’organizzazione terroristica. A tal fine, la piattaforma avrà l’assistenza di esperti afgani, indigeni Dari e oratori Pashto che hanno conoscenza del contesto locale, per aiutare a guidare la politica.

secondo notizie Secondo Politico, il Global Internet Counterterrorism Forum – un gruppo industriale lanciato da Facebook, Twitter, YouTube e Microsoft con l’obiettivo di “impedire a terroristi ed estremisti violenti di sfruttare le piattaforme digitali” – non ha preso una posizione ufficiale su come gestire il regime talebano comunicazioni sui social media, lasciando invece la decisione ai singoli delle piattaforme.

“Loro (le aziende) stanno lottando un po'”, l’azienda di giornalismo politico ha citato un funzionario di Access Now, un gruppo di difesa dei diritti digitali globale, come dicendo. “Non credo che le persone fossero completamente preparate per questo in Afghanistan. Quindi quello che sta succedendo è che ogni ora deve essere fatto più lavoro su questo”.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Recensione: New York Red Bulls 1, Columbus Crew 0
Next Post 7 cose che non sapevi sulla “luna blu” di questa settimana (e quando vederla sorgere)