Arnautovic si trasforma da ragazzaccio dell’Inter a Bologna campione

Nel suo secondo periodo in Italia, Arnautovic ha mostrato segni di trasformazione da 20enne che ha frustrato Jose Mourinho a leader dentro e fuori dal campo. Arnautovic ha segnato due gol nella vittoria per 2-0 del Bologna sulla Sampdoria questa settimana, portando il suo bottino a 11 in questa stagione. Questi sono stati anche i primi gol del Bologna da febbraio.

Ma la prestazione del 32enne Arnautovic è stata più di un semplice gol, poiché anche l’attaccante austriaco ha mostrato spirito e spinta. Avrebbe avuto la tripletta di Lola, e uno dei suoi tanti passaggi penetranti è stato un delizioso passaggio filtrante per Nicola Sansoni, che a sua volta ha colpito la traversa.

Arnautovic dovrà essere di nuovo al top del suo gioco quando sabato farà visita al Bologna a metà classifica della Juventus. “E’ un giocatore della sua categoria”, ha detto il ds della Salernitana Walter Sabatini, che l’estate scorsa ha ingaggiato Arnautovic quando giocava nello stesso ruolo al Bologna. “Lui non gioca a calcio ma lo disegna e lo decora. Lo guardi e non puoi fare a meno di innamorarti.

“Quando è in questa forma diventa un’ossessione per l’altra squadra e rende felici i suoi compagni. I gol che ha segnato contro la Samp sono stati la cosa peggiore della sua prestazione”.

Fu proprio quel talento a convincere Inter e Mourinho ad ingaggiare Arnautovic in prestito dall’FC Twente nel 2009. Ma fece appena tre presenze prima di lasciare l’estate successiva dopo aver collezionato medaglie di Serie A, Coppa Italia e Champions League.

Il giovane Arnautovic era distratto dalla scena sociale del Milan e spesso arrivava in ritardo per l’allenamento, a parte arrivare cinque ore prima dopo essersi mescolato tra gli orari per una serata fuori.

“Marco è un bravo ragazzo, ma ha un comportamento infantile”, ha detto all’epoca l’allenatore dell’Inter Mourinho. “Mario Balotelli è il suo migliore amico e hanno le stesse caratteristiche. Non è facile”.

Arnautovic ha continuato a giocare per Werder Brema, Stoke e West Ham prima di trasferirsi allo Shanghai Port nel 2019. Sabatini e l’allenatore del Bologna Sinisa Mihajlovic lo hanno riportato in Europa e hanno subito iniziato a ripagare la loro fiducia in lui.

“Mihajlovic ci dà molta energia e motivazione; è come un padre o un fratello maggiore per me – ha detto Arnautovic dopo la partita della Sampdoria -. Farei qualsiasi cosa per lui e spero che sia contento di questa vittoria e che abbiamo aiutato vince lui”.

Mihajlovic ha dovuto guardare le due precedenti partite del Bologna dall’ospedale, dove è in cura per una recidiva di leucemia. Ha sconfitto la malattia nel 2019.

“Siamo in una situazione molto difficile senza il nostro allenatore”, ha detto Ricardo Begon, direttore sportivo del Bologna. “Devo ringraziare tutti i ragazzi, che si fanno avanti sempre con serietà e cuore. Questa vittoria è ovviamente per Sinisa, che – nonostante la distanza – ci parla ogni giorno e ci dà ogni energia in più”.

La prestazione di Arnautović potrebbe fargli passare in un club più grande poiché si dice che l’Inter sia interessata al suo ex giocatore. Il Bologna punta a trattenere l’austriaco, che è sotto contratto fino a giugno 2023.

“Arnautovic è uno di quei giocatori che rimarranno nella storia del Bologna”, ha detto Begon. Dopo i prossimi anni si può dire cosa ha lasciato Arnautovic al Bologna, perché sarà per noi fondamentale anche nelle prossime stagioni.

“Gioca molto bene da diverse partite. Adesso fa quello che sa fare… Sarà la pietra angolare di questo Bologna”.

READ  ONE Championship sigla una partnership pluriennale con ELEVEN Sports per portare live action e programmazione ai fan italiani

Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *