Zucche, piselli e peonie: una mostra a New York che celebra il kusama giapponese

L’artista giapponese Yayoi Kusama è cresciuto tra le piante. Vagando per l’ampio asilo nido di suo nonno da bambina, ha visto per la prima volta le zucche che avrebbero definito la sua attività.

Ora, le sculture dell’uomo di 92 anni si estendono su 100 ettari dal giardino botanico di New York nel Bronx in una grande mostra ritardata di un anno a causa della pandemia.

Kusama: La natura cosmicaL’apertura è stata fissata nel marzo 2020 dopo anni di preparazione e accoglierà finalmente i visitatori a partire da sabato, con il ritorno graduale della vita culturale a New York City.

“Non si tratta solo di grandi zucche e grandi fiori”, spiega Karen Dobman, vicepresidente delle mostre sul prato.

“Sta davvero guardando la vita di un’artista straordinaria e le sue radici nel mondo naturale”.

Dai primi disegni di fiori e foglie di Kusama alla sua serie più recente La mia anima è immortale La mostra traccia il suo progresso come artista attraverso il suo amore per le piante ed è una fonte costante di ispirazione e autoanalisi, secondo il catalogo della mostra Mika Yoshitake.

per esempio Fotografia personale, Che ricorda il centro nero di un girasole.

“È cresciuta con campi di fiori, peonie, ornamenti e zucche. I suoi primi ricordi sono stati i vagabondaggi con suo nonno ed è per questo che ci sono così tante immagini botaniche”, ha detto Yoshitake.

I suoi ricordi successivi furono ancora più tormentati: talenti artistici trattenuti da adolescente dai suoi genitori e poi 15 anni di vita da immigrata negli Stati Uniti, principalmente a New York.

Kusama, una fan della pittrice modernista americana Georgia O’Keefe, ha lottato per affermarsi in un mondo di arte dominata dagli uomini e nell’America del dopoguerra, dove il sentimento anti-giapponese era diffuso.

READ  Ariana Grande e il remix del fine settimana di "Save Your Tears" stanno arrivando

Ma per Kusama l’avanguardia, la cui arte è profondamente influenzata da allucinazioni e malattie mentali, la natura è anche un mondo pieno di colore e gioia, incarnato nel suo gigante Danza della zucca Scultura creata appositamente per il Bronx.

Gli “artigli” di zucca sono ricoperti dai caratteristici motivi pixelati per il lavoro di Kusama. Secondo Yoshitake, questi simboli del sole e dell’energia hanno contribuito a rendere il nascituro uno degli artisti Instagram più popolari del pianeta.

Daubman descrive la mostra come “colorata” e “divertente” e spera che rompa il numero di presenze, come è avvenuto con le precedenti mostre di Kusama, in particolare al Cleveland Museum of Art nel 2019.

Se le foto già pubblicate su Internet dai primi visitatori sono qualcosa su cui basarsi, il loro successo, almeno sui social network, sembra garantito.

Motivi a pois, mesh, fiori e colori vivaci sono tutti temi ricorrenti dei 75 anni di carriera di Kusama.

Sfere d’acciaio che lo riflettono Parco dei narcisi Rotolando lentamente nel vento di New York, 55 anni dopo che è stato mostrato per la prima volta, senza permesso, davanti all’ingresso della Biennale di Venezia.

Kusama, che vive volontariamente dal 1977 in un ospedale psichiatrico di Tokyo, non si recherà a vedere la mostra, che durerà fino al 31 ottobre.

È su una sedia a rotelle e lascia a malapena la casa, secondo Yoshitake, ma continua a dipingere ogni giorno, soprattutto per nutrirsi La mia anima è immortale Serie e produzione di tavole da disegno, alcune delle quali fanno parte della mostra.

“È stato un anno difficile e nessuno è stato davvero ispirato”, ha detto Daubmann. “Spero che questa mostra abbia ispirato tutti”. – Agenzia di stampa Francia

READ  Ho visto Millie Bobby Brown camminare fianco a fianco con il figlio di Jon Bon Jovi, Jake Bongiovi

Abelie Lombardi

"Pioniere del caffè. Pensatore appassionato. Creatore. Appassionato di Internet a misura di hipster".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post NPR: Llukalkan Aliocranianus scoperto in Argentina
Next Post La lobby imprenditoriale afferma che l’economia italiana ha visto una crescita del 4,1% quest’anno