Yulimar Rojas entra nella storia del Venezuela con un record mondiale nel salto triplo | Olimpiadi di Tokyo 2020

Yulimar Rojas è diventata la prima donna venezuelana a vincere un oro olimpico in grande stile, battendo il record mondiale della 26enne di salto triplo femminile con il suo ultimo salto, quindi ha ringraziato l’algoritmo di Facebook per averlo collegato all’allenatore che l’ha portata alla gloria .

Rojas, che è anche un’importante attivista lesbica e gay, ha saltato 15,67 metri per battere il precedente record mondiale di 15,50 metri, stabilito dall’ucraina Inessa Kravets nel 1995 in Svezia.

La 25enne Rojas, che ha già vinto due titoli mondiali e una medaglia d’argento a Rio nel 2016, ha dato credito al suo allenatore, il leggendario saltatore in lungo cubano Ivan Pedroso, che ha linkato tramite Facebook. Dopo che l’algoritmo ha suggerito che fossero amici, ha scritto a Pedroso per dire loro quanto le piaceva. Ha risposto che ha classificato anche lei e poi l’ha invitata ad allenarsi con lui in Spagna.

Ha detto: “Era il destino”. “Doveva succedere. Penso che incontrare Evan tramite Facebook sia stato sicuramente un punto di svolta nella mia vita. Ho battuto un record mondiale e ho ottenuto una medaglia d’oro olimpica. Questo non ha prezzo. Sto realizzando i miei sogni”.

Rojas, che inizialmente voleva diventare una giocatrice di pallavolo solo per scoprire che non c’era una squadra nel suo centro sportivo locale ad Anzoategui, ha battuto la portoghese Patricia Mamona e il suo compagno di allenamento, la spagnola Ana Pelletiero, conquistando rispettivamente argento e bronzo.

“Stavo cercando il record del mondo, sapevo che avevamo quella distanza nella mia gamba per ottenerlo”, ha detto. “Potevo sentire ‘wow’ dalla folla e Anna urlare – non ho dovuto guardare perché la mia testa, il mio cuore e il mio corpo lo sapevano già. Il mio allenatore stava urlando, saltando e applaudendo. È incredibile!”

Quando le è stato detto che era la prima venezuelana a ricevere una medaglia d’oro, ha detto: “Credo che aprirò le porte, non solo per me stessa. Apro anche le porte per le persone che vogliono ottenere grandi cose e scrivere grandi cose per il mio nazione.”

L’italiano Gianmarco Tampere e il Qatar Mutaz Issa Barshim hanno festeggiato dopo aver accettato di condividere la medaglia d’oro nella finale di salto in alto maschile. Foto: Abi Bar/Getty Images

Nel frattempo, più di 90 minuti dopo che l’italiano Gianmarco Tampere ha vinto la medaglia d’oro congiunta nel salto in alto, stava ancora festeggiando nello stadio vuoto di Tokyo. Dopo aver attraversato 2,37 metri, insieme al Qatar Moataz Issa Barshim, il duo ha deciso di dividere il primo posto – cosa consentita dalle regole mondiali di atletica leggera se gli atleti ristretti sono felici di non lanciarsi.

“Il giudice ha detto: conosci le regole del salto?” ha detto Tampere. “Poi ci siamo abbracciati.”

Barshim ha spiegato la sua stretta amicizia con Tampere e come si sono aiutati a vicenda a tornare dopo gli infortuni. “È uno dei miei migliori amici, non solo in pista, ma anche fuori. Lavoriamo insieme. Questo è un sogno che diventa realtà. È vero spirito e sportività e siamo qui per trasmettere questo messaggio”.

L’italiano ha detto di essersi rilassato giocando su PlayStation con la medaglia d’oro dei 100 metri Marcel Jacobs la sera prima per vincere la medaglia d’oro. Tampere è stato in grado di unirsi a Jacobs nel celebrare la medaglia d’oro del velocista pochi minuti dopo la sua vittoria.

Nel tiro femminile, la cinese Gong Lijiao è salita al livello pre-olimpico vincendo la medaglia d’oro per 20,58 m. L’americano Raven Saunders ha conquistato l’argento con 19,79 metri e poi ha fatto la sua prima protesta sul podio ai Giochi. Saunders, che è nera e gay, ha una “X” sui polsi mentre appoggia le braccia sopra la testa – per rappresentare “il punto d’incontro dove si incontrano tutte le persone oppresse”.

La veterana neozelandese Valerie Adams, alla prima delle sue quinte Olimpiadi, è stata felice di aver vinto un bronzo con 19,62 e l’oro nel 2008 e nel 2012 e l’argento nel 2016.

“Questo è un giorno speciale per me”, ha detto Adams, 36 anni. “Essere in grado di farlo accadere come madre, e madre di due figli in quel momento, è eccezionale. Sono tornata dalla maternità e posso ancora essere al top del gioco. Ne sono testimone”.

Nessuna gioia per i britannici Elliott Giles e Daniel Rodin negli 800 metri maschili, che sono stati eliminati in semifinale.

READ  Romelu Lukaku: il Chelsea è vicino a un accordo da 97,5 milioni di sterline per rinnovare l'attaccante dell'Inter | notizie di calcio
Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Doodles umani di Google dal Turkana: 5 fatti rapidi da sapere
Next Post Lo squilibrio energetico della Terra rimuove quasi tutti i dubbi sui cambiamenti climatici causati dall’uomo