Xian sta combattendo il più grande focolaio di COVID-19 in una città cinese quest’anno

  • Xi’an ha avuto più di 1.100 casi trasmessi localmente dal 9 dicembre
  • L’epidemia a Xi’an è la peggiore per qualsiasi città cinese quest’anno
  • I funzionari della città intraprendono il sesto round di test in tutta la città

PECHINO (Reuters) – Il centro industriale e tecnologico cinese di Xi’an ha segnalato giovedì più di 100 nuovi casi di COVID-19, portando il numero di infezioni trasmesse localmente al livello più alto in qualsiasi città cinese quest’anno.

I dati ufficiali hanno mostrato che Xian ha segnalato 155 nuovi casi domestici il 29 dicembre. Porta il numero di infezioni locali con il virus a oltre 1.100 da quando le violenze sono iniziate il 9 dicembre e hanno costretto le autorità a bloccare la città di 13 milioni di persone.

Sebbene il numero di casi sia diminuito rispetto ai raduni in molte città del mondo, i funzionari di Xian hanno imposto rigide restrizioni ai viaggi dentro e fuori la città dal 23 dicembre, con Pechino che chiede che ogni focolaio venga rapidamente contenuto.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a Reuters.com

“Xi’an ha raggiunto il punto di vivere o morire nella sua lotta contro il virus”, ha detto mercoledì in una conferenza stampa Zhang Fenguo, un funzionario del governo della città.

Elettronica Samsung (005930.KS) e tecnologia micron (MU.O), due dei più grandi produttori di chip di memoria al mondo, hanno avvertito che la chiusura potrebbe influenzare le basi di produzione di chip nella regione. Per saperne di più

Xi’an è anche una delle principali destinazioni turistiche, attirando visitatori per la sua collezione di guerrieri di argilla che sono sepolti con il primo imperatore della Cina più di 2000 anni fa.

READ  Il World Trade Center di New York ha illuminato la celebrazione del Diwali, la prima nel suo genere

Le autorità hanno avviato più cicli di test in tutta la città per monitorare la trasmissione. Il sesto round è iniziato giovedì, un giorno dopo il quinto.

A molti residenti è stato impedito di lasciare i loro complessi di appartamenti a meno che non escano per fare i test COVID-19 o per partecipare a questioni essenziali approvate dalle autorità.

Le restrizioni hanno limitato l’accesso alle necessità quotidiane, poiché molte persone non erano in grado di uscire a fare la spesa, lasciandole dipendenti dalle consegne.

Ma le restrizioni hanno causato una crisi del personale nelle aziende coinvolte nella fornitura di forniture e il governo ha lavorato per risolvere il problema, secondo un funzionario del governo di Xian.

Memoria di Wuhan

Una residente di Xian, soprannominata, ha detto a Reuters di aver provato a ordinare generi alimentari tramite l’app online della catena di supermercati Freshippo sostenuta da Alibaba, ma non è stata in grado di assicurarsi molti articoli tra cui patate e cetrioli.

L’app ha pubblicato un messaggio sotto diversi elementi che diceva: “Il personale di consegna non è disponibile”, secondo uno screenshot fornito.

I media statali hanno affermato che diversi quartieri della città hanno organizzato la consegna gratuita di generi alimentari ad alcuni complessi di appartamenti.

Un portavoce del ministero del Commercio ha detto ai giornalisti che la fornitura totale di beni di prima necessità a Xi’an è sufficiente.

Grafica Reuters

Il blocco di Xi’an, giunto al suo ottavo giorno, coincide con il secondo anniversario dei primi segnali dell’epidemia di coronavirus nella città centrale di Wuhan.

In un avviso emesso il 30 dicembre 2019, le autorità sanitarie di Wuhan hanno affermato che alcuni pazienti con polmonite avevano contratto una malattia “idiopatica”, secondo i media statali.

READ  La guerra dovrebbe scoppiare in Afghanistan?

Anche giovedì, migliaia di persone hanno lasciato messaggi sull’account dei social media del defunto reporter di COVID-19 Li Wenliang in ricordo oggi – sempre il 30 dicembre 2019 – di aver appreso della possibilità che un virus abbia causato la polmonite a Wuhan. Per saperne di più

A partire da mercoledì, la Cina continentale aveva segnalato 101.890 casi confermati di coronavirus, compresi casi domestici e importati, con un bilancio delle vittime di 4.636.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a Reuters.com

Segnalazioni aggiuntive di Ryan Wu, Roxanne Liu, Beijing Newsroom, Gabriel Crossley e Alby Zhang; A cura di Karishma Singh

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post COVID-19: i casi di Malta esplodono e calano i ricoveri ospedalieri – notizie generali
Next Post Samsung Galaxy Tab A8 India lanciato, potrebbe essere in vendita tramite Amazon