Xavi al Barcellona: una breve e incompleta classifica di 15 leggende che sono tornate ad allenare la squadra per cui hanno giocato

È la risposta predefinita a qualsiasi consiglio assediato: portaci qualcuno che conosca il club a memoria. A volte funziona, ma come attesta Ronald Koeman, il solo fatto di vivere la vita ai massimi livelli del calcio non ti prepara necessariamente per la gestione nello spogliatoio dove una volta eri un giocatore.

Xavi potrebbe essere sul punto di scoprire com’è la vita da ex giocatore leggendario che torna nel suo club da molto tempo. Chi dovrebbe puntare alla ripetizione se ottiene il lavoro al Barcellona… e per chi il suo mandato è un avvertimento?

Dieci dei migliori

1 – Pep Guardiola (Barcellona)

Potrebbe benissimo obiettare che ci sono altri che meritano un rango più alto in questo, non ultimo l’uomo che lo precede, ma i suoi successi tra il 2008 e il 2012 come allenatore forse della più grande squadra della storia meritano il suo posto al centro. superiore del gioco. Avere alcuni dei più grandi giocatori che il Barcellona abbia mai prodotto ha sicuramente aiutato, ma non tutti hanno trovato così facile guidare Lionel Messi, Xavi, Andres Iniesta e la società a un successo così continuo, inclusa una tripletta nella sua prima stagione e una seconda Champions Titolo di campionato. Dopo anni.

Non si trattava solo di questo successo che Guardiola ha avuto con il Barcellona. Lo stile che ha applicato è forse l’approccio tattico che definisce negli ultimi 15 anni nello sport (i seguaci di Jurgen Klopp e Ralph Ranik direbbero il contrario). Altrettanto importante per questa lista, da quando il Barcellona ha rimosso il proprio allenatore dalla squadra B e ha iniziato un decennio di continui successi, ogni squadra ha cercato il proprio Guardiola.

READ  Christian Eriksen, il calciatore danese svenuto, non ha ricevuto il vaccino Pfizer

2. Johan Cruyff (Ajax e Barcellona)

Uno dei più grandi giocatori nella storia del gioco ha una forte pretesa di essere anche nel pantheon gestionale. Con l’Ajax, Cruyff ha vinto la Coppa delle Coppe nel 1987, gettando le basi per il sistema che li avrebbe portati alla gloria in Champions League otto anni dopo.

Poi a Barcellona, ​​​​ha costruito l’identità moderna del club. La squadra dei sogni era tutto ciò che i successivi allenatori avrebbero potuto desiderare, non ultimo perché ha portato con sé la loro prima Coppa dei Campioni al Camp Nou. Questo aspetto era l’inebriante mix di importazioni internazionali di alto livello (Hristo Stoichkov, Michael Laudrup, Koeman) e talenti locali (Albert Ferrer, Guardiola) che i club desideravano.

Vorresti una copertura di gioco più globale? Ascolta qui sotto e segui Che goal! Il podcast giornaliero della CBS sul calcio Ti portiamo fuori dal campo e in giro per il mondo per commenti, anteprime, riassunti e altro ancora.

3 – Zinedine Zidane (Real Madrid)

I club non hanno mantenuto il titolo di Champions League prima che Zidane prendesse il controllo del Real Madrid. Quando i campioni in carica hanno raggiunto la finale del 2017, stavano cercando di fare ciò che nessuna squadra aveva fatto in 27 anni e conservare il titolo. Hanno traballato a malapena per un momento nella vittoria per 3-1 sulla Juventus…poi lo hanno fatto di nuovo l’anno successivo.

Il Madrid Zidane non ha rivoluzionato il calcio. Non c’erano necessariamente evasioni tattiche che ha implementato e altri hanno seguito. In molti modi, il suo successo è venuto dalla capacità di autogestirsi e dal rispetto dato a uno dei più grandi calciatori della sua generazione. Soprattutto, hanno fatto la maggior parte delle cose che hanno ottenuto al Real Madrid: hanno vinto molti titoli importanti.

READ  Campionato Europeo Under 21: la squadra francese Under 21, Ibrahima Konate, sbalordita dal defunto vincitore olandese | notizie di calcio

4. Bob Paisley (Liverpool)

Vincitore del titolo come giocatore e come assistente Bill Shankly, Paisley ha guidato il Liverpool attraverso il più grande periodo di successi sostenuti nella loro storia tra il 1974 e il 1983. In quel periodo, ha vinto sei titoli di Premier League, tre Coppe dei Campioni e la Coppa dei Campioni . A 2.2 campionati a stagione, solo Guardiola può vantare una gloria così prolungata in un qualsiasi club; Non un brutto ritorno per un uomo che doveva essere convinto al massimo.

5. Carlo Ancelotti (Milan)

Ancelotti, il grande allenatore del club, potrebbe essersi guadagnato la sua reputazione con un impressionante periodo a San Siro. Ha scrollato di dosso le prime accuse di tattiche negative da parte del proprietario del club Silvio Berlusconi per produrre una delle squadre dominanti nei primi anni 2000, trasformando Andrea Pirlo nel cuore della sua squadra a centrocampo con una devastante prima linea di Andrey Shevchenko e Filippo Inzaghi in attacco . metodo. Questa squadra è diventata la forza dominante della Champions League tra il 2004 e il 2007, vincendola due volte e raggiungendo un’altra finale.

6- Diego Simeone (Atletico Madrid)

Tutto su ciò che Simeone ha realizzato al club dice che l’Atletico non è più sinonimo di battute d’arresto e delusioni, forse come lo erano durante il suo periodo da giocatore, poiché tolleriamo la nostra definizione di una vera leggenda. Ma vale la pena farlo, perché ciò che l’argentino ha realizzato in oltre un decennio lo ha reso sicuramente un’icona ora.

Getty Images

Il duopolio di Real Madrid e Barcellona potrebbe non essere stato completamente rotto, ma non è irragionevole espandere un po’ i suoi membri per includere l’Atlético. Certamente, c’è un divario tra i campioni della Liga 2014 e 2021 e il resto della Liga. Lo staff di gioco sarà cambiato ma è sempre una squadra a immagine di Simeone: forte, tecnicamente eccellente, laboriosa e un inferno contro cui giocare.

7. Antonio Conte (Juventus)

Un altro che si potrebbe dire che abbia portato una nuova cultura nel suo club, la Juventus ha nominato Conte nel 2011 per aiutarli a riscoprire la forte mentalità vincente delle squadre per cui ha giocato prima Calciopoli Lo scandalo delle partite truccate li ha messi in ginocchio. Ha centrato il tee, tre titoli in tre anni, e un decennio dopo ha messo insieme una squadra che porta ancora i tratti dell’intensità e dell’aggressività di Conte.

8. George Graham (Arsenale)

Un elegante centrocampista all-scorer soprannominato “Baby Passeggino” è tornato all’Arsenal per trasformarlo in uno dei più formidabili abiti difensivi di sempre nel gioco inglese. Ristabiliti come una forza di alto livello quando rischiavano di diventare irrilevanti a metà degli anni ’80, hanno raggiunto i loro titoli più drammatici ad Anfield nel 1989 e hanno ripetuto il successo due anni dopo con una sola sconfitta. Da quando Graham ha preso il timone, l’Arsenal si è sempre trovato tra i club più eminenti in Inghilterra.

9 – Hansi Flick (Bayern Monaco)

Il track record del Bayern e la capacità di reperire i più grandi talenti della Germania significano che stiamo ancora una volta spingendo i confini della leggenda per celebrare un allenatore i cui successi in panchina meritano sicuramente di essere notati. Flick è stato un membro importante della squadra che ha vinto quattro titoli della Bundesliga tra il 1986 e il 1990, raggiungendo la finale di Coppa dei Campioni nel 1987. È cresciuto ancora meglio come allenatore e le sue due stagioni e mezzo con il Bayern Monaco hanno contribuito a ristabilire il suo posto in vetta alla classifica. Il palo calcistico del continente, culminato nella sua superlativa corsa verso il titolo di UEFA Champions League 2020.

10 – Roberto Martinez (Swansea City Wigan Athletic).

Antipasto nella lega inferiore inglese a metà degli anni ’90 e all’inizio degli anni 2000, Martinez è stata la stella del Wigan che è fuggito dalla terza divisione nel 1997, vincendo la Coppa di Lega due anni dopo. La sua carriera manageriale è iniziata con la guida dello Swansea al campionato e l’impostazione del modello di gioco che li avrebbe resi molto popolari nel calcio inglese quando presto raggiunsero la Premier League.

I sostenitori del Galles potrebbero non averlo perdonato per il suo trasferimento nel Lancashire, ma a Wigan, il Landing Wolf lo ha tenuto alla porta per la maggior parte del suo regno. Anche se non ha potuto tenerli a lungo nel 2013, ha lasciato fuori almeno nei momenti migliori, battendo il Manchester City nella finale di FA Cup, il loro primo e finora unico titolo di massima serie.

Cinque del resto

11. Frank Lampard (Chelsea)

Forse il più grande giocatore di sempre del Chelsea, la sua prima stagione come allenatore è stata un relativo successo, poiché li ha guidati attraverso un divieto di trasferimento, ferendo una manciata di giovani giocatori (alcuni dei quali formeranno il nucleo del campione europeo Thomas Tuchel pochi mesi dopo) come si è qualificato per la Champions League. Alla fine, non ha mai elaborato uno schema tattico avvincente e ha lottato per incorporare i numerosi acquisti di alto livello che ha fatto l’anno successivo, il che gli è costato il lavoro.

12 – Andrea Pirlo (Juventus)

Avendo in precedenza indicato di non avere una particolare voglia di dirigere come futura carriera, Pirlo ha commesso una tendenza radicale che è culminata nella sua nomina a allenatore della Juventus nove giorni dopo aver ceduto l’incarico all’età di meno di 23 anni. Avendo un lavoro che diventava sempre più duro man mano che i giocatori crescevano, c’era una crudele ironia nell’uomo che ha spinto la squadra di Conte ai vertici del calcio italiano e in lui che li ha spinti lontano dalla vetta della Serie A.

13. Ole Gunnar Solskjaer (Manchester United)

Il campione del Camp Nou, 1999, doveva essere una mano sicura per scavare tra le macerie dello United post-José Mourinho. Poi i risultati hanno iniziato a piovere, la critica si è davvero entusiasmata ed eccoci qui dopo tre anni senza premi. Questa è forse la valutazione più dura possibile del regno di Solskjaer, e quella in cui le cose si sono stabilizzate all’Old Trafford, anche se a un livello appena al di sotto del livello che altri potrebbero raggiungere.

Getty Images

14 – Thierry Henry (Monaco)

Nominato in un club in crisi, Henry aspirava alla grandezza con una squadra di Monaco in cui avrebbe potuto non farcela. Sembrava avere alcuni problemi nello spogliatoio, facendo di tutto per suscitare una reazione da una squadra normale, mentre le carenze dei giocatori richiedevano da parte sua una grande dose di tattica. In breve, potrebbe aver scelto l’ambiente sbagliato in cui sta imparando sul lavoro.

15 – Diego Maradona (Argentina)

Il regno di quasi due anni del Golden Boy nel bunker argentino non è stato se non drammatico. Erano i livelli più alti (grandi vittorie su Corea del Sud e Messico ai Mondiali), ma le profondità che ha raggiunto sono state alcune delle più profonde per la nazionale, compresa una sconfitta per 6-1 in Bolivia. È stata la sua ultima partita alla guida della squadra, una sconfitta per 4-0 contro la Germania nei quarti di finale della Coppa del Mondo 2010, invece di esporre i difetti di Maradona come allenatore. La sua squadra era un disastro sui calci piazzati durante l’attacco e la difesa che sembravano mancare di una vera strategia.

Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Nuova piattaforma OLED Switch realizzata per Mario Party
Next Post Uno strano buco nero è stato scoperto nella Via Lattea con un’enorme curvatura nel suo disco di accrescimento