Volansby ha difeso le isole Aleutine | Notizie, sport, lavoro

John Panza di Volansby fu tra le truppe inviate per respingere gli invasori giapponesi delle isole Aleutine di proprietà statunitense, vicino all’Alaska, durante la seconda guerra mondiale. Panza ha recentemente festeggiato il suo centesimo compleanno.

Volansby – Lo schieramento per combattere gli invasori giapponesi delle Isole Aleutine è tra i tanti eventi degni di nota nella lunga vita di John Banza, che ha recentemente festeggiato il suo centesimo compleanno.

Mentre l’attacco giapponese a Pearl Harbor divenne, come disse il presidente Franklin Roosevelt, “Storia che vivrà in disgrazia”, L’invasione nemica delle isole di proprietà degli Stati Uniti durante la seconda guerra mondiale nel 1942 è un capitolo meno noto della storia americana.

Panza era una delle migliaia di truppe americane e canadesi inviate per respingere le forze giapponesi che sbarcarono a Kiska e Ato. Notò che le isole si trovavano a ovest dell’Alaska, allora territorio americano, ea 650 miglia dal Giappone e che il nemico le stava cercando per scopi strategici.

Panza ha detto che mentre le navi stavano portando lui e altri soldati ad Attu, i loro scafi furono perforati dalla costa rocciosa e quasi annegarono.

Questa è stata la prima di molte sfide affrontate dalle forze alleate, che spesso hanno affrontato terreni estremamente freddi e ghiacciati.

Panza ha detto di essere stato fortunato ad essere lì da maggio a settembre, la stagione più calda dell’isola, quando la temperatura può salire a poco più di 57 gradi Celsius.

Le giornate erano lunghe. Alle 11 o alle 12 era ancora chiaro” Ricorda, mentre le condizioni di addizione sono rimaste relativamente fredde.

READ  L'Inter cerca di superare il Real Madrid: Simone Inzaghi

Ha notato che la sua squadra era stata originariamente addestrata ed equipaggiata per la guerra nella giungla in Africa e non era preparata per il clima freddo. Di conseguenza, ha sofferto molto per il congelamento.

“La prima notte ha nevicato su di noi. Non puoi nemmeno scavare una buca” Ha detto Panza, aggiungendo che alcuni hanno creato strati temporanei ammucchiando strati di carne intorno a sé, come costruendo un igloo.

Panza disse che le forze alleate erano in svantaggio perché non c’erano alberi per fornire copertura e che le forze nemiche sparavano su di loro da altezze sopra il terreno nebbioso.

Nel suo secondo o terzo giorno lì, ha detto, lui e altri soldati hanno incontrato forze ostili sopra di loro in più direzioni. Ha sentito due esplosioni verso un commilitone, e poi… “Non l’abbiamo mai più visto.”

Questa non è stata l’unica volta che Panza ha incontrato il fuoco nemico, ma ha detto che è stato fortunato ad essere stato colpito solo da una pietra che è volata da terra quando i proiettili sono stati sparati vicino a lui.

Gli storici hanno riferito che i combattimenti culminarono nell’attacco di Banzai alle forze alleate e nel brutale combattimento corpo a corpo in cui pochi giapponesi sopravvissero.

“Penso che abbiamo preso solo circa 25 prigionieri, e la maggior parte di loro erano malati”, ha detto Banza.

Tra le due isole ci sono state più di 3.800 vittime americane, di cui circa 550 uccise mentre molte sono rimaste ferite o hanno sofferto molto per il freddo.

Non tutti gli aspetti del suo incarico erano desolanti, poiché ricorda alcuni soldati che stavano pescando in un’epoca in cui si riproducevano molti salmoni.

READ  Marinai italiani e lettoni vincono i campionati del mondo a Dún Laoghaire

“Quando siamo partiti, i pesci stavano salendo. Puoi vedere tutte le pinne nella baia”, Panza ha detto, aggiungendo, “Alcuni pesci erano davvero brutti. Ma ragazzi a cui piace pescare ovunque.”

Mentre era lì, Panza imparò a fare frittelle e uova schiacciate per sé e per gli altri, notando che le truppe dormivano nelle tende, quattro in ciascuna.

Panza aveva terminato il liceo da due anni e lavorava per Follansbee Steel quando si arruolò nel 1942. Figlio di immigrati italiani, aveva 5 anni quando la sua famiglia si recò negli Stati Uniti in barca.

Dopo essere arrivati ​​a Ellis Island, salgono a bordo di un treno per Steubenville e suo padre trova lavoro presso l’ex Volansby Steelhouse a Toronto.

Panza ha detto che sua madre non lo ha iscritto a scuola fino all’età di sette anni “Perché pensava che non conoscessi abbastanza l’inglese” Prima di ciò.

La sua famiglia ha vissuto a Toronto per un po’ prima di trasferirsi a Wurton quando il padre di Panza è andato a lavorare per Wurton Steel. Come molti altri, hanno vissuto la Grande Depressione.

“Ricordo di essere andato al Wurton Christian Center e di prendere del cibo”, Ricorda l’aiuto che lui e altre famiglie locali ricevettero in quel momento.

Dopo aver prestato servizio nelle isole Aleutine, Panza fu nuovamente trasferito alle Hawaii per l’addestramento al combattimento nella boscaglia. Ma un caso di asma, probabilmente dovuto alla polvere vulcanica di quell’isola, lo portò a essere mandato in un ospedale militare di San Francisco per le cure.

Dopo il suo rilascio, Panza trascorse altri due anni nell’esercito nella regione di Cape Cod, di cui godette.

READ  Zlatan Ibrahimovic: L'attaccante del Milan è molto vicino alla firma di un nuovo contratto, dice Paolo Maldini notizie di calcio

Dopo essere tornato a casa, ha iniziato la sua lunga carriera alla Weirton Steel e si è stabilito nella zona di Hooverson Heights a Follansbee con la moglie di 67 anni, Antoinette.

I due ebbero tre figli, Margaret, Karen e John, seguiti da cinque nipoti e due pronipoti. Loro e molti altri membri della famiglia si sono recentemente riuniti per festeggiare il suo centesimo compleanno.

Alcuni hanno viaggiato dall’Alabama, dalla Carolina e da New York per essere lì. Tra loro c’era sua sorella minore Anita Wargo del Tennessee.

Quando gli è stato chiesto se si aspettava di avere 100 anni, Panza ha detto: “Mai in tutto questo mondo.”

Notando che l’aspettativa di vita è cambiata nel corso degli anni, ha detto, “Quando sono cresciuto, avevo 48 anni. Ma sono abbastanza in forma, quindi penso di stare bene”.

Le ultime notizie di oggi e altro ancora nella tua casella di posta

Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Apple ha lanciato un servizio in abbonamento rivolto agli utenti delle piccole imprese
Next Post La palla di fuoco illumina il cielo della Carolina :: WRAL.com