Vista principale della congiunzione di Marte e Giove

Hubble ha sovrapposto le immagini di Giove e Marte. Crediti: Giove: NASA, ESA, A. Simon (Goddard Space Flight Center) e MH Wong (University of California, Berkeley), Marte: NASA/ESA, J. Bell (Cornell U) e M. Wolf (SSI)

La maggior parte degli osservatori di stelle avrà un’ottima opportunità di osservazione per osservare i pianeti Giove E il Marte Incredibilmente vicino al cielo prima dell’alba nelle notti del 27-30 maggio.

Circa 45 minuti prima dell’alba locale, i due pianeti appariranno circa 20 gradi sopra l’orizzonte nel cielo orientale e sudorientale, di fronte alla costellazione dei Pesci. La congiunzione di Marte e Giove sarà visibile, salvo problemi meteorologici locali, nelle ore dell’alba ogni mattina dal 27 maggio al 30 maggio. L’accoppiamento raggiungerà il picco alle 3:57 CST del 29 maggio.

Mitzi Adams, astronomo e ricercatore presso NasaMarshall Space Flight Center di Huntsville, Alabama.

Durante tale congiunzione, due pianeti appaiono vicini al cielo notturno della Terra. Nel caso del sistema solare terrestre, le congiunzioni si verificano frequentemente perché i pianeti fratelli viaggiano attorno al sole su un piano in qualche modo simile nel percorso del sole e spesso sembrano incontrarsi nel cielo notturno anche se sono a milioni di miglia di distanza.

Congiunzione di Giove e Marte maggio 2022

Grafico del cielo che mostra come Giove e Marte appariranno nel cielo prima dell’alba dal 28 al 30 maggio. Credito: NASA/JPL-Caltech

Al loro punto più vicino, Marte e Giove saranno separati da non più di 0,6 gradi. Gli astronomi usano abitualmente i gradi per misurare la distanza angolare tra gli oggetti nel cielo notturno. Per gli osservatori sulla Terra, la distanza tra i due pianeti non sarà maggiore della larghezza di un dito alzato, con Marte che apparirà in basso a destra del gigantesco gigante gassoso.

READ  La contea di Douglas riporta il primo caso di vaiolo delle scimmie

Potrebbe essere necessario utilizzare un binocolo o un telescopio per osservare chiaramente Marte, ha affermato Alphonse Stirling, un astronomo della NASA che lavora con Adams a Marshall. Ma ha notato che gli osservatori non dovrebbero avere problemi a identificare Giove, anche ad occhio nudo.

“Ci aspettiamo che Giove brilli a -2,2”, ha detto Sterling. “Marte, in confronto, avrebbe solo un volume di 0,7”.

La luminosità dei corpi celesti viene misurata in base al loro valore, un numero che diminuisce con l’aumentare della luminosità. Un valore negativo indica che è facile vedere un pianeta o una luna nel cielo notturno, anche con l’illuminazione ambientale dell’ambiente circostante.

Marte e Giove sono a milioni di miglia di distanza, ovviamente: più di 136 milioni di miglia separerebbero la Terra e Marte al momento della congiunzione, con Giove quasi quattro volte più lontano. Tuttavia, Giove sarà molto più luminoso dei due. Con un diametro di circa 4.200 miglia, Marte è sminuito dal gigantesco gigante gioviano, che ha un diametro di circa 89.000 miglia. Poiché è molto più piccolo, Marte riflette molto meno la luce solare.

Marte orbita anche più rapidamente attorno al Sole, orbitando verso est nel cielo notturno abbastanza velocemente da lasciarsi alle spalle la sua controparte gigante gassosa. Marte raggiungerà di nuovo Giove e lo passerà attraverso un’altra congiunzione nell’agosto 2024.

Adams e Stirling non vedono l’ora di scoprire le congiunzioni planetarie.

“È emozionante guardare in alto e rendersi conto che questi due mondi rappresentano l’ampiezza degli obiettivi pianificati e potenziali della NASA per la scienza e l’esplorazione”, ha affermato Adams. “Mentre la NASA si prepara a inviare i suoi primi esploratori umani su Marte, le possibilità possono essere quasi illimitate per scoperte scientifiche rivoluzionarie tra le meravigliose lune di Giove”.

READ  I dati dell'OMS e dell'UNICEF mostrano che 25 milioni di bambini non riceveranno vaccini salvavita nel 2021

Stirling ha aggiunto: “Questa congiunzione riunisce due mondi molto diversi, entrambi promettono incredibili di aiutarci a comprendere meglio il nostro sistema solare, il posto dell’umanità nell’universo e dove potremmo essere diretti come specie”.

“Esci prima dell’alba del 29 maggio e guardalo di persona – e immagina tutto ciò che non abbiamo ancora imparato”, ha aggiunto.

Goditi questo evento celeste mentre guardi il cielo!

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Il campione locale Francesco Bagnaia più veloce nella formazione motociclistica italiana | Notizie sulle corse
Next Post A Jennifer Aniston manca ancora Brad Pitt?