Vista: il disastro del coronavirus in India è ora il problema del mondo

Ci vorrà del tempo prima di comprendere appieno perché il Coronavirus è affondato in India con tale velocità e catastrofe. Ma una cosa è certa: il problema dell’India ora è il problema del mondo.

L’India ha chiuso i battenti all’improvviso quando è arrivato il virus e poi si è affrettata a riaprire. Nel marzo 2020, il paese è stato bloccato entro quattro ore anche se non ci sono stati molti casi. Milioni di persone, molti dei quali lavoratori migranti, sono rimasti bloccati senza cibo o riparo. Di fronte a un disastro economico, il governo ha riaperto il Paese prima che la pandemia si diffondesse effettivamente.

Quello che sta accadendo in India ora è molto simile a quello che hanno visto gli Stati Uniti nelle mutazioni del Coronavirus. Gli stati indiani in cui le morti hanno ripreso ad aumentare a marzo e aprile hanno semplicemente chiuso gli occhi e sperato di scomparire. Dopotutto, la prima ondata del virus in India si è placata, per ragioni che rimangono poco chiare.

A peggiorare le cose, gli stati in India hanno risorse proprie molto limitate – il blocco costa denaro, soprattutto se si vuole evitare di infliggere un dolore immenso ai poveri – e il governo centrale non si è offerto di pagare il conto. (In America l’anno scorso, l’amministrazione Trump è stata più generosa in confronto.)

Non sorprende che i governi statali abbiano scelto di rallentare fino a quando non diventa impossibile evitare l’azione. Nel frattempo, la malattia si è diffusa in tutto il Paese e stanno emergendo nuove mutazioni. Con il governo nazionale riluttante a farsi carico del problema, nessuno stava realmente monitorando come si comportano le nuove variabili. Too Little, Too Late è la storia dell’attuale epidemia.

READ  L'attacco di un drone prende di mira una base militare statunitense in Iraq

Il governo ha ora iniziato ad agire, ma è ancora riluttante ad adottare una strategia nazionale.

Tuttavia, è chiaro che l’India ha bisogno di un nuovo blocco coordinato a livello centrale ora, possibilmente mirato alle aree in cui esiste già un numero sufficiente di infezioni (il contagio continua a essere concentrato in meno di un quarto delle province del paese), e si sta gradualmente spostando coprire. Dove nasce la necessità.

Una delle ragioni della continua lentezza della risposta è la paura di ciò che potrebbe accadere all’economia, soprattutto ai poveri, con il ritorno dei blocchi. Il governo centrale potrebbe accelerare questo processo promettendo trasferimenti di denaro che sostengono la vita a chiunque abbia un qualsiasi tipo di identità interna emessa dal governo. Ciò deve essere accompagnato da restrizioni alla circolazione tra le regioni. È ora di farlo.

Lo stesso vale per la vaccinazione. La posizione del governo centrale è che la vaccinazione è disponibile per tutti (se riesci a trovare un’iniezione), ma gli individui oi paesi dovranno pagarla. Il risultato sarà che coloro che possono permetterselo verranno vaccinati e alcuni stati copriranno il resto, ma le persone altrove saranno da sole. Fornire vaccinazioni gratuite per tutti e allocare risorse amministrative e umane sufficienti per raggiungere questo obiettivo rassicurerà il paese nel panico e potrebbe proteggere il mondo.

Anche altri governi sono stati lenti nel rispondere al disastro in atto in India. L’amministrazione Biden ha annunciato che non invierà vaccini e aiuti di emergenza in India fino alla fine di aprile, più di una settimana dopo che il carico giornaliero del caso ha superato i 300.000. Il problema ora è così enorme che c’è relativamente poco cosa può essere fatto dall’esterno. Ovviamente, ciò non dovrebbe impedire agli Stati Uniti e all’Europa di inviare vaccini, ossigeno e denaro in India, o di revocare il divieto di esportazione di ingredienti per la produzione di vaccini. Una vita salvata è una vita salvata.

READ  Ragazza afgana salta sulla pista dell'aeroporto belga, Twitter dice: "La migliore foto dell'anno"

Ma il mondo ha bisogno di guardare oltre l’India ed evitare l’ennesimo errore di tempistica. Non possiamo permetterci di ripetere l’esperimento della prima ondata, quando non ci siamo resi conto della velocità di trasmissione del virus. I paesi non dovrebbero indulgere in un senso di falsa sicurezza promuovendo campagne di vaccinazione negli Stati Uniti e in Europa.

La variante B. 1.617 che è stata rilevata per la prima volta in India si sta ora diffondendo al di fuori del paese. In India, alcune persone vaccinate sembrano aver contratto l’infezione. Sarebbe sciocco presumere che i “migliori” vaccini disponibili in Occidente ci salveranno necessariamente. I leader e gli scienziati devono sapere cosa fare per combattere le varianti, che possono includere siringhe di richiamo, nuovi vaccini, maschere e processi di riapertura lenti.

Ancora più importante, tuttavia, dobbiamo anticipare la possibilità che il virus si diffonda in tutta l’Africa, poiché la campagna di vaccinazione che è appena iniziata è ora minacciata a causa della situazione in India, che ha smesso di esportare i vaccini su cui molti paesi facevano affidamento.

Ciò comporterà un disastro nei paesi in cui le forniture di ossigeno e i letti ospedalieri sono estremamente limitati. Gli Stati Uniti e l’Europa devono essere pronti ad agire rapidamente quando necessario. Ciò significa spedire e produrre vaccini il più rapidamente possibile, e forse più urgentemente, e ciò significa investire nel monitoraggio e nei test globali, prepararsi a spedire ossigeno e attrezzature e fornire sostegno finanziario alle persone in quarantena.

Prepararci ora potrebbe darci una possibilità di combattere per evitare il ripetersi dell’incubo indiano.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Goldman dice che mentre le vaccinazioni stanno rallentando negli Stati Uniti, l’Europa sta migliorando
Next Post Il Man United raggiunge finalmente il Gran Finale sotto Solshire | Gli sport