Virus del Nilo occidentale: un altro preoccupante effetto collaterale della siccità negli Stati Uniti | California

Per cinque giorni alla fine dell’estate del 2018, i medici hanno lottato per liberarsi della febbre alta di John Hayden.

Haydn Insorgenza improvvisa dei sintomiSua figlia Anne Hayden, tra cui una febbre alta, ha detto tra lo sconcerto di tutti, il suo corpo sembrava non rispondere a nessun trattamento. Ha ceduto alla malattia inspiegabile subito dopo il Labor Day e la sua famiglia è al suo fianco.

Due giorni dopo, l’unico medico infettivologo della contea di Yolo, in California, dove viveva Hayden, disse alla sua famiglia che una puntura spinale mostrava che Hayden aveva contratto il virus del Nilo occidentale, un virus raro diffuso dalle zanzare che può causare malattie neurologiche e portare alla morte. . I sintomi spesso includono febbre, mal di testa, nausea e vomito e casi gravi possono causare infiammazione del cervello o delle membrane circostanti. considerato dai funzionari della sanità pubblica Per essere la più pericolosa malattia trasmessa da vettori in California.

“È stata la mia vita che mi ha cambiato”, ha detto Ann, direttore di Environmental Defense, Environmental Defense Fund. Ha aggiunto più peso e urgenza al lavoro che fai.

Il virus del Nilo occidentale un tempo era associato a un’elevata umidità e umidità, condizioni che aiutano le zanzare a prosperare. Ma un numero crescente di ricerche ha scoperto che le condizioni di siccità, come quelle avvertite nell’ovest americano, possono amplificarne gli effetti. I paesi sono già in allerta.

La California ha annunciato la sua prima morte dell’anno a luglio. Alla fine di quel mese, il Dipartimento statale di sanità pubblica (CDPH) aveva documentato il virus in 4 persone, 94 uccelli morti, 563 campioni di zanzare, 10 polli e un cavallo.

Un biologo esamina una zanzara che diffonde il virus del Nilo occidentale. Foto: Rick Bomer/The Associated Press

“L’attività del virus del Nilo occidentale è in aumento nello stato, quindi esorto i californiani a prendere tutte le precauzioni possibili per proteggersi dalle punture di zanzara”, ha dichiarato il dott. Thomas J. Aragon, direttore di CDPH, in una dichiarazione che conferma la morte di un uomo a San Contea di Luis Obispo. .

I casi gravi di virus del Nilo occidentale rimangono rari e la maggior parte delle persone che contraggono la malattia non presenta sintomi. Ma gli scienziati indicano la sua prevalenza come un’indicazione che l’aumento delle temperature causato dai cambiamenti climatici sta portando nuove minacce alla salute umana.

Un portavoce del CDPH ha dichiarato al The Guardian che “le temperature più elevate stanno contribuendo ad un aumento delle popolazioni di zanzare e ad un aumento del rischio di trasmissione del virus all’uomo”, ma tale attività era ancora entro i livelli previsti. Le persone di età pari o superiore a 50 anni, o quelle con diabete o ipertensione, sono più a rischio.

Il virus del Nilo occidentale è difficile da monitorare, poiché la maggior parte delle persone non mostra segni di infezione e non è facile individuare le tendenze anno dopo anno. Ma Cameron Webb, entomologo medico e capo ricercatore presso il Centro per le malattie infettive e la microbiologia, il pubblico Salute Dice che la ricerca mostra che la siccità accelera la sua diffusione.

“Durante la siccità, i livelli dell’acqua nei tubi, nelle fosse e negli stagni scendono e l’acqua ha maggiori probabilità di diventare stagnante”, ha detto. “I pesci muoiono insieme ad altri animali che vivono in questi sistemi e le zanzare si scatenano”.

Nei sistemi di acqua piovana, le piogge regolari allontanano minuscole zanzare e mettono sotto stress i loro abitanti. “Quando è asciutto, in realtà ci sono condizioni migliori nelle strutture artificiali per questi tipi di zanzare”, ha aggiunto Webb.

Non ci vuole molto – le zanzare possono farlo Si moltiplicano in appena un millilitro d’acquaSi schiuderanno centinaia di uova che saranno pronte a mordere persone e animali in poco più di una settimana.

La scarsità d’acqua avvicina anche le popolazioni di uccelli agli insediamenti umani e svolge un ruolo importante nella trasmissione del virus. “Poiché c’è acqua limitata nell’ambiente e tutto è secco, gli uccelli cercano acqua e rifugio, che tendono ad essere intorno a dove vivono le persone”, ha detto Webb. Gli uccelli che normalmente circolano nell’ambiente si concentrano maggiormente nelle aree urbane, gonfiando i tassi di infezione.

“Riunisce persone, fauna selvatica e zanzare, e questo sembra essere uno dei principali fattori che possono portare ad un aumento del rischio di infezione da virus del Nilo occidentale durante gli anni di siccità”, ha aggiunto Webb.

Un camion spruzza le zanzare nei quartieri residenziali.
Un camion spruzza le zanzare nei quartieri residenziali. Foto: Keith Myers/AP

Entro la metà del secolo, la siccità potrebbe diventare più grave Tre volte il numero di West Nile Casi in regioni con bassa immunità umana, secondo uno studio pubblicato nel 2017. Per illustrare come le emergenze climatiche possono alterare le dinamiche di trasmissione, un team di scienziati ha studiato 15 anni di dati sui casi umani negli Stati Uniti e ha scoperto che le epidemie di malattie, che si verificano comunemente in estate e in autunno, sono maggiori durante gli anni secchi.

“Pensavamo che le epidemie avrebbero coinciso con le temperature ideali per la trasmissione”, ha detto in una dichiarazione Marm Kilpatrick, professore associato di ecologia e biologia evolutiva presso l’Università della California, Santa Cruz, quando lo studio è stato rilasciato. “Invece, abbiamo scoperto che la gravità della siccità era più importante a livello nazionale, e la siccità sembra essere stata un fattore importante anche nella maggior parte dei singoli paesi”.

Ma oltre all’aumento dei rischi durante i periodi di siccità, i risultati suggeriscono che esistono anche strumenti per combattere gli alti tassi di trasmissione, le stesse strategie necessarie per conservare l’acqua quando l’acqua scarseggia.

Restrizioni all’uso dell’acqua Ridurre significativamente il numero di zanzare pericoloseSecondo uno studio separato pubblicato all’inizio di quest’anno. Scienziati dell’Università della California, Los Angeles e di altre tre università hanno scoperto che senza le politiche messe in atto per adattarsi all’ultima grande siccità, durata dal 2012 al 2016, le zanzare nella contea di Los Angeles, dove vivono 13,3 milioni di persone, sarebbero state . Il 44% in più, sarebbe del 39% in più a Orange County.

“Avremo un clima più caldo e la domanda di acqua per l’irrigazione all’aperto in particolare aumenterà”, ha dichiarato in una nota Dennis Littenmaier, professore di geografia dell’UCLA e autore senior dello studio. “Gli sforzi per ridurre l’uso dell’acqua urbana hanno un vantaggio secondario: riducono l’abbondanza di zanzare responsabili del virus del Nilo occidentale”.

Ecco perché Hayden, dell’Environmental Defense Fund, dice di avere speranza.

“La relazione tra il virus del Nilo occidentale e la siccità è un altro di quegli effetti davvero sfortunati e inaspettati che vedremo dal cambiamento climatico”, ha detto, osservando che la perdita di suo padre ha sottolineato quanto devastanti possano essere gli effetti su individui, famiglie e comunità. “Ma è possibile apportare miglioramenti. Possiamo avere un impatto positivo se possiamo implementare pratiche più flessibili”.

READ  DPH: due residenti CT sono risultati positivi all'infezione da virus Poisan | notizia
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Ferrari: l’Italia vince l’oro 4×100 alle Olimpiadi | Gli sport
Next Post Jake Gyllenhaal pensa che non sia necessario fare la doccia regolarmente