Verstappen guida il Gran Premio di Abu Dhabi che decide il titolo

La FIA elogia la “dedizione di lunga data” del Medio Oriente alla Formula 1 in vista del Gran Premio di Abu Dhabi

Con la conclusione della stagione di Formula 1 domenica allo Yas Marina Circuit di Abu Dhabi, anche l’entusiasmante triathlon della regione del Golfo che ha visto Qatar e Arabia Saudita ospitare per la prima volta il loro Gran Premio, prima della fine della stagione a gli Emirati Arabi Uniti. – Tutto in quattro settimane.

La stagione 2021 di F1 ha incluso quattro tappe nel GCC, iniziando in Bahrain lo scorso marzo e terminando nella capitale degli Emirati Arabi Uniti questo fine settimana; Una chiara indicazione della crescente importanza della regione nel calendario mondiale del motorsport.

Il segretario generale della FIA Peter Baer ha detto venerdì ad Arab News: “Posso certamente dirvi dal punto di vista dei team, sono stati molto felici di venire qui, semplicemente perché le cose sono state organizzate ad un livello molto alto, ormai da molti anni .”

Il Qatar era ovviamente nuovo nel calendario, stavamo cercando di aiutarli il più possibile, ma è stata una grande gara.

“Poi siamo andati in Arabia Saudita, che è stato un enorme successo, e penso che, visto il poco tempo che hai avuto, siano stati grandi, francamente, i risultati”.

Il circo mobile di Formula 1 tornerà al GCC in meno di quattro mesi poiché la stagione 2022 inizierà con doppie punte in Bahrain e Jeddah alla fine di marzo, e avrà di nuovo il consueto sipario ad Abu Dhabi. Il Qatar salterà il prossimo anno mentre si prepara ad ospitare la Coppa del Mondo di calcio, ma inizia un contratto di 10 anni con la Formula 1 dal 2023 in poi.

Bayer è rimasta particolarmente colpita da come è iniziato il Gran Premio saudita inaugurale e da come ha organizzato il Campionato del mondo per decidere il titolo sul circuito di Yas Marina.

“Ero a Jeddah a gennaio con il presidente (Jean) Todt, perché siamo andati a vedere il Rally Dakar con il principe Khaled bin Sultan Al-Faisal (presidente della Federazione automobilistica saudita), che ci ha portato a Jeddah per vedere una pista . E alla Corniche, ha detto: “Qui ci sarà la Formula Race.” 1″, ricorda Baer.

READ  La sentenza italiana potrebbe facilitare l'ulteriore sviluppo del fotovoltaico - international pv magazine

E abbiamo letteralmente detto: “Non ti crediamo”, e lui ha detto: “Vedrai, possiamo farlo”. E loro hanno ammesso. Onestamente, è stato un evento straordinario. Ovviamente la scena era chiara. . . . Guardando i record dei media, la lotta in un campionato Anche il mondo è molto vicino, quindi siamo molto felici di tornare alle tradizionali finali della stagione ad Abu Dhabi ora, sapendo che è una squadra esperta e un grande evento, quindi non vediamo l’ora che arrivi la finale più emozionante dal 1974″.

Abu Dhabi ha fatto il suo debutto in F1 nel 2009 ed è stato annunciato giovedì che l’emirato aveva esteso il suo contratto per altri 10 anni. L’ex campione di Formula 1 Bernie Ecclestone vorrebbe che l’estensione fosse di 50 anni, non solo di 10.

“Ovviamente quello che si meritano; fanno un lavoro di prim’ordine e molti promotori hanno cercato di seguirli. Certamente quando sono entrati in Formula 1, hanno iniziato ad alzare un po’ l’asticella, quindi è stato un bene per la Formula 1, Ha detto Ecclestone in un videomessaggio diffuso da Yas Marina Circuit. .

“Ma sono un po’ dispiaciuto perché il contratto è solo di 10 anni perché la Formula 1 durerà sicuramente altri 50 anni e quindi il contratto dovrebbe essere prolungato di 50 anni, perché non vogliamo il Mondiale di Formula 1 senza Abu Dhabi nel ultima gara. Sono sempre state l’ultima gara e dovrebbe rimanere così”.

Bayer ritiene che Abu Dhabi, e la regione nel suo insieme, abbiano mostrato un enorme sviluppo in questo sport e insiste sul fatto che il calendario della Formula 1 rimanga equilibrato, anche con quattro tappe nel Golfo previste per il 2023.

“Per noi, ci sono molte ragioni per cui amiamo venire qui. Se guardi il calendario globale per il prossimo anno, 23 eventi, abbiamo 12 eventi in Europa, tre in Medio Oriente, tre in Asia Pacifico e cinque nel Americhe.

“Ovviamente aumenteremo di uno nel 2023 con il Qatar che tornerà nella regione di quattro, ma allo stesso tempo la regione Asia-Pacifico aumenterà di nuovo con la Cina di nuovo nel calendario; non possiamo correre lì l’anno prossimo a causa del COVID-19.

“Quindi crediamo, poiché siamo una federazione globale, che l’equilibrio globale degli eventi qui sia completamente giustificato e ideale. Allo stesso tempo, è un’area che sta crescendo e diversificando molto, e questo è qualcosa di molto importante per noi .”

Per i conducenti, Abu Dhabi è diventato un luogo confortevole e popolare per terminare la stagione ogni anno. Dopo nove lunghi e faticosi mesi di corse, tornare in una destinazione nota per la sua superlativa ospitalità ha i suoi vantaggi.

“Abu Dhabi ci ha reso l’ultima gara da molti anni ormai. È così bella, e sembra ancora impeccabile, è simile a Disneyland in molti modi”, ha detto giovedì Sebastian Vettel, il quattro volte campione del mondo.

“La pista è fantastica, stanno cercando di renderla più bella quest’anno e non vedono l’ora che arrivi. Fa ovviamente molto freddo a casa, quindi è bello passare due giorni in più a scaldarsi e vedere anche posti nuovi. Abbiamo avuto la Gran Premio dell’Arabia Saudita, e la gente era molto emozionata”. Ed è stata una pista molto emozionante.

“È sempre bello andare in posti nuovi, incontrare persone diverse e vedere culture diverse”.

Bayer è lieta di vedere la “dedizione a lungo termine” di questa regione allo sport e ha elogiato il Bahrain per essersi intensificato quando la pandemia ha colpito e si è offerto di ospitare due gare per compensare altri eventi annullati.

“C’è flessibilità, ci sono strutture perfette, è all’avanguardia, senza dubbio in nessuno dei paesi che abbiamo visto in Medio Oriente. Per noi, è sicuramente uno dei pilastri che la F1 sta costruendo come sport globale e strutture per il tempo libero”, ha affermato Bayer.

“Penso che ci aiuti anche a cambiare il nostro modo di pensare, perché qui vediamo molti paesi che sono già dipendenti dal petrolio o dal gas, che ora si stanno trasformando, siano essi destinazioni turistiche o destinazioni di risorse sostenibili, quindi c’è un molte cose stanno succedendo, ed è un po’ la stessa transizione della Formula Uno.

“Dall’essere un panorama puramente motoristico, evolvendosi in qualcosa di molto di più; potresti aver visto la nostra campagna basata sugli obiettivi, è molto importante per noi essere in prima linea sui temi della sostenibilità e della diversità.

“Quindi siamo lieti di beneficiare di un trasferimento qui, ma allo stesso tempo stiamo anche contribuendo a rafforzare i passi che devono essere compiuti qui.

“Siamo assolutamente felici di essere tornati ed è chiaro che si stanno firmando questi accordi a lungo termine, che è molto importante per la sostenibilità dello sport. Di recente abbiamo sentito parlare del Qatar, un altro accordo di 10 anni e sappiamo qualcosa dell’Arabia Saudita. Arabia e Bahrain e la loro dedizione a lungo termine”.

Con Emirati Mohammed bin Sulayem in corsa per la presidenza della FIA questo mese mentre Jean Todt conclude il suo mandato di 12 anni di grande successo, Bayer vede questo come un altro chiaro segno di quanto la regione si sia sviluppata in questo sport.

Ritiene che il prossimo passo dovrebbe essere quello di impegnarsi maggiormente nelle iniziative di base per aumentare l’interesse e il talento locale.

“Abbiamo bisogno di vedere i giovani coinvolti nello sport, abbiamo bisogno di vedere le strutture e i campionati di karting; abbiamo bisogno di vedere i programmi di sviluppo dei piloti”, ha detto Bayer.

“Penso che dobbiamo fare in modo che tra l’ASN locale e l’organo di governo e le autorità di regolamentazione sia necessaria una stretta collaborazione con le scuole.

“Un’area che ci teniamo molto a sviluppare è STEM – scienza, tecnologia, ingegneria e matematica – perché non tutti possono essere un pilota, ma ci sono molte altre opportunità là fuori in questo mondo e, si spera, insieme a scuole, ASN e regolatori, possiamo sviluppare questo percorso. È su questo che dobbiamo concentrarci in futuro. “

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Il principe William, la duchessa Kate lancia una cartolina di Natale non ufficiale
Next Post No. 25 LSU in ripresa da un avvio lento, Ga. La tecnologia ha vinto 69-53