Verstappen e la linea sottile tra spericolato e motivato

Le temperature si sono abbassate sia nei nervi che nella gomma 48 ore dopo il primo Gran Premio dell’Arabia Saudita. Nemmeno la campagna Drive to Survive di Netflix avrebbe potuto scrivere cosa è successo dopo che le luci rosse si sono spente domenica sera: bandiere rosse, partenze da parcheggio, safety car, virtual safety car, incidenti, penalità, polemiche – il Jeddah Corniche Grand Prix di 6,1 km. – annunciato come il circuito cittadino più veloce del calendario – ha consegnato una delle gare di Formula 1 più folli degli ultimi tempi.

L’attenzione, ovviamente, è stata sulla battaglia per il titolo sempre più divisiva tra Lewis Hamilton e Max Verstappen, poiché la leggenda britannica ha mantenuto vive le sue speranze di superare l’ultimo record di F1 non a suo nome – è alla pari con Michael Schumacher a sette piloti . Titoli – Strappando la vittoria al pilota della Red Bull con un sorpasso da brivido tra i due prima che Hamilton prendesse finalmente il comando. L’olandese ha anche ricevuto due penalità (cinque e 10 secondi) durante e dopo la gara.

Anche se i rigori non hanno intaccato il secondo posto di Verstappen, hanno lasciato tifosi ed esperti divisi sulla decisione degli arbitri. Il giovane pilota esordiente era così sfuggente? Oppure è un pilota davvero spericolato che spinge ai limiti di ciò che è considerato sicuro, specialmente su un circuito che non lasciava spazio a errori come hanno dimostrato cinque dei 20 piloti che si sono schiantati dopo gravi collisioni.

Non si tratta solo di Jeddah. Verstappen, 24 anni, è stato spesso criticato per la sua guida “pericolosa”, cosa che Hamilton ha brillantemente notato alla presenza dell’olandese durante la conferenza stampa post-gara di domenica.

READ  Sebastian Korda, Brandon Nakashima hanno organizzato le semifinali statunitensi, Sports News, Firstpost

Ma c’è un problema più grande da affrontare qui: c’è stato un grande pilota di F1 che non ha abusato delle regole, spinto i limiti, preso decisioni strazianti o addirittura progettato un incidente nel tentativo di vincere?

L’aggressività di Sina

Il compianto grande Ayrton Senna, figura di F1 che il maestro brasiliano non ricorda con affetto, è stato duro e aggressivo in pista quanto Michael Schumacher. Senna si scontrò con il quattro volte campione del mondo Alain Prost sia nel Gran Premio del Giappone del 1989 che nel 1990. Schumacher si è schiantato con Damon Hill alla fine della stagione al Gran Premio d’Australia che gli ha assegnato il titolo 1994.

Tre anni dopo, un incidente ha privato Schumacher del campionato quando la leggenda della Ferrari si è scontrata con Jacques Villeneuve della Williams a Jerez. Fu squalificato, con una mossa senza precedenti, dall’intero torneo.

“Se non stai più cercando un divario che esiste, non sei più un pilota da corsa”, ha detto Senna in un’intervista con il tre volte campione del mondo Jackie Stewart quando ha chiesto al britannico perché il brasiliano si fosse schiantato così spesso.

Come ha spiegato in un’intervista a Top Gear l’ex pilota di Formula 1 Martin Brandel, che ha corso sia contro Senna che contro Schumacher, il tre volte campione del mondo si mette spesso in una situazione in cui il suo rivale deve rischiare una collisione per sorpassare. Se cerca il divario, possono crollare entrambi.

Se non lo farà, psicologicamente, Cena avrà la meglio ogni volta che i due piloti si sfideranno l’uno contro l’altro.

READ  L'Italia prende di mira i non vaccinati con nuove restrizioni sui virus

Max implacabile

Verstappen è molto simile. Inesorabile e in lotta per ogni centimetro della pista, cade anche molto. A volte con i suoi compagni di squadra, come è successo nel 2018 a Baku, in Azerbaijan, dove Daniel Ricciardo e Verstappen della Red Bull, dopo essersi scontrati due volte in un duello teso, hanno infine abbandonato la gara dopo un grave incidente.

Quest’anno, Verstappen e Hamilton hanno colpito le vetture semplicemente perché l’olandese è in una frenetica battaglia di una stagione per la supremazia con il britannico.

I due si sono incontrati al Gran Premio di Gran Bretagna a luglio, dove Verstappen è caduto e Hamilton, nonostante abbia preso una penalità, ha vinto la gara. Al Gran Premio d’Italia a Monza a settembre, Hamilton è uscito dai box e ha cercato di superare Verstappen, passaggio che si è concluso con l’auto della Red Bull parcheggiata sopra la Mercedes. I due si sono incontrati nuovamente a Jeddah quando all’olandese è stato chiesto di cedere il suo incarico a causa di una trasgressione illegale. “Questa non è la prima volta che devo evitare una collisione”, ha detto Hamilton alla stampa.

Hamilton e altri hanno anche criticato Verstappen per il modo in cui ha riportato il centro su Hamilton in un calcio d’angolo strategico in modo da avere il Reducing Drag System (DRS) in atto per la prossima manche, scavalcando immediatamente il pilota della Mercedes.

Ma lo stesso Hamilton ha fatto proprio questo, da giovane pilota che cercava di lasciare il segno. È stato contro Kimi Raikkonen al Gran Premio del Belgio 2008.

Hamilton, che all’epoca stava guidando per la McLaren, ha portato la bandiera a scacchi e ha spruzzato champagne sul podio solo per infliggergli una penalità di 25 secondi in seguito, mettendolo terzo e assegnando la vittoria al rivale del titolo Felipe Massa della Ferrari.

READ  Orange County Softball USA vs Italia Olympic Battle معركة

Con solo una gara rimasta in questa fantastica stagione, chi può dire che il duo non si incontrerà di nuovo al Gran Premio di Abu Dhabi questa domenica?

Niente separa i contendenti al titolo. Dopo 21 round, sono entrambi bloccati con lo stesso numero di punti: 369,5. Questa è solo la seconda volta nella storia della Formula 1 che il Campionato Piloti è stato collegato alla gara finale. La prima volta fu nel 1974, quando Emerson Fittipaldi vinse il podio su Clay Rigazzoni nel Gran Premio degli Stati Uniti di fine stagione, in una gara che vide un terribile incidente mortale.

Il prossimo fine settimana, la matematica è semplice. Chi finirà ad Abu Dhabi vincerà il campionato. Se entrambi cadono, Verstappen sarà campione in virtù delle sue più vittorie – 9-8 per Hamilton – a meno che i padroni di casa non abbiano qualcosa da dire sulla rottura.

Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Nel secondo tempo i Celtics hanno chiuso con 4 takeaway e una vittoria negli armadietti
Next Post Senato San Pietroburgo – Chelsea: Champions League – Live! | Calcio