Vanessa Bryant chiama Nike per le scarpe “non autorizzate” in onore di sua figlia

Vanessa Bryant, vedova della leggenda NBA Kobe Bryant, accusa Nike di aver rilasciato una scarpa “non autorizzata” in onore della sua defunta figlia Gianna Bryant. Ha affermato che le scarpe non erano approvate per essere prodotte o vendute.

▶ Guarda il video: Ricorda “Mamba Mentality” di Kobe Bryant

Vanessa Bryant, vedova della leggenda NBA Kobe Bryant, accusa Nike di aver rilasciato una scarpa “non autorizzata” in onore della sua defunta figlia Gianna Bryant. Ha affermato che le scarpe non erano approvate per essere prodotte o vendute.

“Questa è una scarpa su cui ho lavorato in onore di mia figlia Gianna. Doveva essere chiamata la scarpa MAMBACITA come un esclusivo colore bianco e nero sulle scarpe di suo padre”, ha detto Bryant in un post su Instagram giovedì.

Bryant ha detto che i piani per creare e vendere le scarpe sono stati sospesi perché non ha rifirmato il contratto del suo defunto marito con Nike, che è finita Ad aprile dopo 18 anni.

“Le scarpe MAMBACITA non sono approvate per la vendita. Volevo venderle per onorare mia figlia con tutti i proventi a favore della nostra organizzazione MAMBACITASPORTS, ma non ho firmato nuovamente il contratto Nike e ho deciso di non vendere queste scarpe. Le scarpe MAMBACITA non sono state approvate da realizzare in primo luogo), ha scritto: “Non so come qualcun altro possa mettere le mani sulle scarpe che ho disegnato per mia figlia Gigi e noi no. Spero che queste scarpe non si esauriscano”.

Le scarpe – il popolare modello Kobe Protro 6 si è esaurito in pochi minuti – sono in bianco e nero per abbinarsi alla divisa da basket di Gigi, con ali, farfalle e un’aureola all’interno della scarpa. Il mio nome è Kobe e Gigi sul retro.

READ  John Barrowman parla dopo le accuse che ha rivelato su se stesso sul set di Doctor Who

Bryant ha anche condiviso le foto sulla sua Instagram Story. Mostra a qualcuno immagine Dalla star dei Milwaukee Bucks, Chris Middleton appare con indosso lo stivale in questione. Mostra ultimo tweet Da un Bleacher Report che diceva che la scarpa “sarà rilasciata entro la fine dell’anno”.

Nike non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento di CBS News.

La questione più importante è se il contratto di licenza tra Nike e Bryant dia all’azienda il permesso di vendere la scarpa, ha affermato Sean Green-Carter, professore al Fashion Institute of Technology.

“Sebbene la scarpa sia un tributo alla sua defunta figlia, Gianna Bryant, se il contratto legale per produrre e distribuire questa scarpa consente la vendita di un prodotto di moda, la fuga di pubblicità può essere interpretata semplicemente come cattivo gusto, ma non illegale”, Carter ha detto alla CBS News. “Le fughe di notizie sulla moda sui social media sono molto comuni e, sfortunatamente, questo è “par ovviamente”.

“L’ascesa di un marchio forte e dominante sul mercato globale come Nike crea la domanda dei consumatori anche nel mezzo di una tragedia improvvisa. Purtroppo, potrebbe essere il caso”, ha aggiunto Carter. “Le fughe di notizie sulla moda creano molto scalpore” e questo aumenta il profilo del marchio ed eccitante Provocare il consumatore ad aumentare le vendite della domanda In quanto tale, cercare di fermare tali perdite è nella migliore delle ipotesi una sfida e difficile, soprattutto oggi.

Abelie Lombardi

"Pioniere del caffè. Pensatore appassionato. Creatore. Appassionato di Internet a misura di hipster".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Una stella che crolla produce una delle esplosioni più spettacolari di sempre
Next Post L’Arabia Saudita punta a raccogliere 55 miliardi di dollari dal piano di privatizzazione