US Independence Day 2021: fuochi d’artificio Made in China sul futuro degli Stati Uniti nel giorno dell’indipendenza degli Stati Uniti | notizie dal mondo

WASHINGTON: Gli Stati Uniti d’America hanno trascorso la domenica del loro 245° compleanno sotto attacco dai dubbi sul loro passato, presente e futuro, anche se la nazione fondata sugli ideali è tornata a uno stato quasi normale dopo la pandemia e ha celebrato la sua indipendenza con la consueta indulgenza – fuochi d’artificio (per lo più prodotti in Cina), barbecue e viaggi di vacanza.
L’accensione insieme ai fuochi d’artificio sono stati dibattiti sulfurei sull’origine del paese e su cosa significhi per le minoranze, come evidenziato da un commento del membro del Congresso nero, Cory Bush, che ha twittato: “Quando hanno detto che il 4 luglio riguardava la libertà americana, ricorda questo: la libertà a cui si riferiscono è per i bianchi Questa terra è terra rubata e i neri non sono ancora liberi.
Il commento ha richiesto una reazione rabbiosa da parte degli americani che credono che i successi del paese, le verruche e tutto il resto, siano ancora degni di essere celebrati.
“Ci sono molti neri americani che hanno approfittato della libertà per avere successo: Barack Obama, Kamala Harris, Clarence Thomas, solo per citarne alcuni. Come è esistito il ‘razzismo sistematico’ quando avevamo un presidente nero, un vicepresidente, scozzesi giustizia? A causa del duro lavoro e delle opportunità. “Smettila di mentire”, ha risposto un critico di quello che i seguaci di origini nazionaliste chiamano un “risveglio” – una preoccupazione per la giustizia sociale e razziale che, secondo loro, amplifica i mali del paese.
“I neri non sono liberi? Non c’è stato un rappresentante bianco nel tuo quartiere da oltre 50 anni. Tu, una donna di colore, sei passata dall’essere un’infermiera ad essere eletta a una delle più alte cariche del paese. Quanto più libertà stai cercando?” ha twittato un altro.
C’è stata anche rabbia da parte dei media liberali come Il New York Times e National Public Radio (NPR), che ha trasmesso i dubbi e le lamentele del cosiddetto circolo di veglia. Il New York Times è stato preso di mira durante il fine settimana quando un editorialista si è chiesto se la bandiera americana fosse diventata un simbolo di divisione spesso celebrato dai repubblicani bianchi.
Quello che una volta era un simbolo unificante – c’è una stella su di esso per ogni stato, dopotutto – ora ne sta alienando alcuni, le sue linee ora sono le linee di frattura tra le persone inginocchiate durante The Star-Spangled Banner e quelle che non lo fanno. Sarah Maslin Nir: “La fedeltà è un insulto”.
Il commento è arrivato sulla scia del fatto che la giocatrice nera Gwen Berry si sia allontanata dalla bandiera americana e abbia rimosso l’inno nazionale dal podio la scorsa settimana, apparentemente per evidenziare l’ingiustizia razziale negli Stati Uniti.
Il casa Bianca Ha difeso il diritto di Perry di protestare, dicendo: “Parte dell’orgoglio nel nostro paese significa riconoscere che ci sono stati momenti in cui, come nazione, non siamo stati all’altezza dei nostri ideali più alti… e questo significa rispettare i diritti delle persone concesso loro dalla costituzione per protestare pacificamente”.
NPR ha anche attirato critiche per il suo riferimento a “difetti e ipocrisia” nella Dichiarazione di Indipendenza fondativa, osservando che “proclama notoriamente che “tutti gli uomini sono creati uguali” anche se le donne, le persone schiavizzate e i nativi americani non erano uguali al tempo.”
Ma lo stesso presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha parlato del documento, osservando che i suoi ideali sono sostenuti da quella che è in gran parte una nazione di immigrati.
“Sin dalla fondazione della nostra nazione, l’idea per antonomasia dell’America è stata nutrita e arricchita dai contributi e dai sacrifici di così tante persone, quasi tutti immigrati”, ha detto Biden al White House Naturalization Weekend Gala. che domenica ha ospitato anche una festa per centinaia di invitati all’insegna del ritorno alla normalità.
Per fare il punto, il presidente degli Stati Uniti ha anche sottolineato la presenza di molti immigrati nel team NASA Mars Rover, tra cui più di una dozzina di americani di origine indiana, e li ha ringraziati per la loro “credenza che l’America sia degna delle vostre aspirazioni e degna di i tuoi sogni.”
In tutto il paese, quelle aspirazioni e quei sogni – che alcuni critici dicono siano ora ipotecati alla Cina – sono stati espressi nel ritorno dei fuochi d’artificio comunitari e individuali il 4 luglio che sono stati sospesi lo scorso anno a causa della pandemia. Gli americani spendono circa 1,5 miliardi di dollari per i fuochi d’artificio del Giorno dell’Indipendenza.
Secondo l’American Fireworks Association, il 70% degli spettacoli pirotecnici professionali e il 99% dei fuochi d’artificio da cortile dei consumatori sono importati dalla Cina.

READ  Una torre a Gaza che ospita l'Associated Press, Al-Jazeera crolla dopo un attacco missilistico
Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Il nome di Hitachi ABB Power Grids è cambiato in Hitachi Energy
Next Post Le voci sono vere: Rimac acquisisce Bugatti con l’aiuto di Porsche