Uno studio afferma che gli apparecchi acustici possono dimezzare il rischio di demenza



Cnn

Per le persone a più alto rischio di declino cognitivo, ottenere apparecchi acustici può dimezzare il rischio, secondo un nuovo studio.

Il declino cognitivo è un declino delle capacità che può variare da un lieve deterioramento alla demenza, secondo il Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattieLa demenza è un problema enorme in tutto il mondo.

“Poiché tutti vivono più a lungo, il numero di persone con demenza nel tempo sta aumentando”, ha detto il co-responsabile dello studio Dr. Frank Lane, professore alla Johns Hopkins University School of Medicine e alla Bloomberg School of Public Health.

Ha aggiunto che negli ultimi dieci anni la ricerca ha stabilito che la perdita dell’udito è uno dei maggiori fattori di rischio per la demenza, ma non era chiaro se l’intervento con apparecchi acustici avrebbe ridotto il rischio o meno.

Lo studio, pubblicato martedì su The Lancet, è stato il primo studio controllato randomizzato a rispondere a questa domanda, ha affermato Lin.

I ricercatori hanno studiato più di 3.000 persone di due gruppi: volontari sani e anziani dell’Atherosclerosis Risk in Communities Study (ARIC), uno studio osservazionale a lungo termine sulla salute cardiovascolare.

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a un gruppo di controllo che ha ricevuto consigli sulla prevenzione delle malattie croniche o a un gruppo di intervento che ha ricevuto cure da un audiologo e apparecchi acustici, secondo lo studio. I ricercatori hanno seguito i gruppi ogni sei mesi per tre anni e, alla fine, hanno ottenuto un punteggio su un test neurocognitivo completo.

Nel gruppo totale, secondo lo studio, gli apparecchi acustici non sembrano ridurre il declino cognitivo. Quando i ricercatori hanno esaminato il gruppo più anziano che era a più alto rischio, ha detto Lin, hanno trovato una significativa riduzione del declino cognitivo.

READ  Europa e Russia lanciano la nona missione OneWeb

“È stato impressionante vedere che gli individui malsani sono stati in grado di rallentare il tasso di declino cognitivo del 48%”, ha affermato il dottor Thomas Holland, medico scienziato presso il Rush Institute for Healthy Aging. I Paesi Bassi non hanno partecipato allo studio.

Il cambiamento minore nella popolazione complessiva potrebbe essere dovuto al fatto che se i partecipanti sani e a basso rischio non vedessero affatto un declino cognitivo, allora le cuffie non potrebbero fare molto per rallentarlo, ha aggiunto.

“Non possiamo rallentare qualcosa che non è già cambiato”, ha detto Lin.

Ha aggiunto che la popolazione più a rischio ha sperimentato tassi di declino cognitivo a livelli quasi tre volte superiori rispetto ai loro coetanei, e i risultati mettono in discussione se i governi e gli individui debbano dare la priorità alla salute dell’udito per ridurre il rischio di demenza.

Lin ha detto che l’udito di tutti diminuisce con l’età. Ma perché questo potrebbe aumentare il rischio di demenza?

Ha detto che ci sono tre meccanismi che i ricercatori pensano possano essere in gioco.

Uno è che se la coclea si consuma nel tempo, l’orecchio interno può inviare segnali confusi al cervello, che deve lavorare di più e ridistribuire la potenza del cervello per dare un senso a ciò che sente, ha detto Lin.

Ha aggiunto: “Questo è il motivo per cui le persone dicono sempre che sembra che le persone stiano borbottando contro di me”.

Un altro motivo, ha detto Lin, è che la perdita dell’udito può avere effetti strutturali sull’integrità del cervello e parti possono atrofizzarsi o ridursi più velocemente, il che non fa bene al cervello.

READ  5,3 milioni di polli uccisi in Iowa a causa dell'epidemia di influenza aviaria

L’ultimo meccanismo possibile è che se non senti bene, potresti avere meno probabilità di uscire e partecipare ad attività sociali.

“Sappiamo da molto tempo che… rimanere veramente impegnati in attività sociali comuni è molto importante anche per mantenere la nostra salute cognitiva”, ha affermato Lin.

Per prima cosa: se non sei sicuro della salute del tuo udito, fallo controllare, ha detto Lin.

Anche se hai solo una lieve perdita dell’udito, usa un ausilio, ha detto il dott. Benjamin Tan, collega del preside dello Yong Lo Lin College of Medicine presso l’Università Nazionale di Singapore. Tan non è stato coinvolto nel nuovo studio.

“È un modo semplice, efficace e praticamente privo di rischi per rimanere il più consapevoli possibile”, ha aggiunto.

Tuttavia, non tutti negli Stati Uniti hanno accesso a consultazioni e cure regolari con un otorinolaringoiatra o un audiologo, ha detto Tan. In questi casi il costo è inferiore Apparecchi acustici da banco Disponibile senza prescrizione medica – potrebbe essere una buona opzione.

“Anche se non avrai esperti che diagnosticano la causa della tua perdita dell’udito o regolano il tuo dispositivo, è probabilmente meglio usare gli apparecchi acustici piuttosto che non usarli affatto”, ha detto.

Ma lo studio ha anche mostrato l’importanza di mantenere la salute fisica per prevenire il declino cognitivo.

“Ciò che questo studio ci dice davvero è che le persone che hanno quelle comorbidità sottostanti, o fattori di rischio per il declino cognitivo, devono essere più attente a fare queste visite annuali”, ha detto Holland.

Ciò significa vedere regolarmente il tuo medico di base, fare attività fisica regolare; dare la priorità al consumo di verdure a foglia verde, bacche e acidi grassi omega; Dormi bene e mantiene il tuo cervello acuto imparando cose nuove.

READ  Il volo di prova in elicottero dei fratelli Wright è un momento per la NASA

Questi sono particolarmente importanti se si soffre di perdita dell’udito, aterosclerosi, ipertensione, malattie cardiache o malattie neurovascolari, ha affermato Holland.

Con il declino cognitivo e la demenza, è meglio sconfiggere il problema.

“Intervenire precocemente per prevenire completamente il processo patologico o per aiutare a costruire la resilienza di fronte al processo patologico è l’ideale”, ha aggiunto.

Lasciati ispirare dal nostro riepilogo settimanale del vivere bene e in modo semplice. Iscriviti alla newsletter Life, But Better della CNN per ottenere informazioni e strumenti progettati per migliorare il tuo benessere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *