Una “ supernova eccentrica ” rivela l’agonia della morte della star prima che esploda

Gli astronomi hanno utilizzato l’Osservatorio a raggi X Chandra della NASA per studiare i resti di Cassiopea A e hanno scoperto il titanio, mostrato in azzurro, che è esploso da esso. I colori rappresentano gli altri elementi rilevati, come ferro (arancione), ossigeno (viola), silicio (rosso) e magnesio (verde).

Il buco nero supermassiccio al centro della galassia M87, il primo buco nero mai fotografato, può ora essere visto in luce polarizzata. Le linee circolari rivelano il campo magnetico vicino al bordo del buco nero.

Questa immagine della Sloan Digital Sky Survey mostra la galassia J0437 + 2456, che ha un buco nero supermassiccio al centro che sembra muoversi.

L’impressione di questo artista mostra come potevano essere stati il ​​lontano quasar P172 + 18 e i suoi getti radio 13 miliardi di anni fa. La luce del quasar ha impiegato così tanto tempo per raggiungerci, quindi gli astronomi hanno osservato il quasar come appariva nell’universo primordiale.

Questa immagine mostra le vicinanze della galassia nana ultra-trasparente Tucana II, catturata dal telescopio SkyMapper.

Queste immagini mostrano due galassie radio giganti trovate con il telescopio Meerkat. Il colore rosso in entrambe le immagini mostra la luce radio emessa dalle galassie sullo sfondo del cielo visto nella luce visibile.

Questo artista ha immaginato il quasar J0313-1806 come 670 milioni di anni dopo il Big Bang. I quasar sono corpi ad alta energia al centro delle galassie, alimentati da buchi neri e sono più luminosi di intere galassie.

Qui viene mostrato un fenomeno noto come luce zodiacale, che è causata dal riflesso della luce solare da parte di piccole particelle di polvere nel sistema solare interno.

L’impressione di questo artista della lontana galassia ID2299 mostra che parte del suo gas viene espulso da una “coda di marea” come risultato della fusione di due galassie.

Questo diagramma mostra i due compagni più importanti della Via Lattea: la Grande Nube di Magellano (a sinistra) e la Piccola Nube di Magellano. Realizzato utilizzando i dati del satellite Gaia dell’Agenzia spaziale europea.

Si ritiene che la Nebulosa Anello Blu sia uno stadio senza precedenti che si verifica dopo la fusione di due stelle. I detriti in streaming dalla fusione sono stati tagliati da un disco attorno a una stella, formando due coni di materiale che brillavano alla luce ultravioletta.

La stella gigante rossa Bethel Gemini, nella costellazione di Orione, ha subito un blackout senza precedenti alla fine del 2019. Questa immagine è stata acquisita a gennaio utilizzando il Very Large Telescope dell’European Southern Observatory.

Questa è un’immagine infrarossa dell’Apep, un sistema binario stellare Wolf-Rayet situato a 8.000 anni luce dalla Terra.

L’illustrazione dell’artista, a sinistra, aiuta a visualizzare i dettagli di un insolito sistema stellare, GW Orionis, nella costellazione di Orione. Il disco stellare del sistema è fratturato, risultando in anelli inclinati attorno alle sue tre stelle.

Questa è una simulazione di due buchi neri a spirale che si fondono ed emettono onde gravitazionali.

L’illustrazione di questo artista illustra l’inaspettato offuscamento della stella Betelgeuse.

Questa galassia molto lontana, che assomiglia alla nostra Via Lattea, sembra un anello di luce.

Spiega l’interpretazione di questo artista della supernova ricca di calcio 2019ehk. Il colore arancione rappresenta il materiale ricco di calcio dell’esplosione, mentre il viola rivela il gas che la stella ha emesso poco prima dell’esplosione.

Il punto blu al centro di questa immagine indica la posizione approssimativa di un evento di supernova che si è verificato a 140 milioni di anni luce dalla Terra, dove una nana bianca è esplosa e ha prodotto un lampo ultravioletto. Si trovava vicino alla coda della costellazione del Draco.

Questa immagine radar scattata dalla missione Magellano della NASA su Venere nel 1991 mostra una corona, una grande struttura circolare di 120 miglia chiamata Aine Corona.

Quando la massa di una stella viene espulsa durante un’esplosione di supernova, si espande rapidamente. Alla fine, rallenterà e formerà una bolla calda di gas incandescente. Una nana bianca emergerà da questa bolla di gas e si muoverà attraverso la galassia.

Il bagliore residuo di un breve lampo di raggi gamma rilevato a 10 miliardi di anni luce di distanza appare qui in un cerchio. Questa immagine è stata catturata dal Gemini-North Telescope.

Questa immagine del telescopio spaziale Hubble, NGC 7513, mostra una galassia a spirale allungata a 60 milioni di anni luce di distanza. A causa dell’espansione dell’universo, la galassia sembra allontanarsi dalla Via Lattea a un ritmo accelerato.

L’illustrazione concettuale di questo artista mostra come potrebbe apparire la stella variabile luminosa blu nella galassia di Kinman Dwarf prima di scomparire misteriosamente.

Questa è un’illustrazione di un buco nero supermassiccio e del disco di gas circostante. All’interno di questo disco ci sono due piccoli buchi neri che ruotano l’uno intorno all’altro. I ricercatori hanno identificato un bagliore di luce sospettato di provenire da una di queste coppie binarie poco dopo che si sono fuse in un buco nero più grande.

READ  Un elicottero della NASA su Marte vola in un viaggio "estenuante" dopo il malfunzionamento Marte

Questa immagine di un video mostra cosa succede quando due oggetti di massa diversa si fondono e creano onde gravitazionali.

Questa è l’impressione di un artista che mostra il rilevamento di un’esplosione radio rapida e ripetitiva vista in blu, in orbita con un oggetto astrofisico visibile in rosa.

Le rapide esplosioni radio, che si sono diffuse lasciando la galassia ospitante in un’onda luminosa di onde radio, hanno aiutato a scoprire la “materia mancante” nell’universo.

Un nuovo tipo di esplosione è stato trovato in una piccola galassia a 500 milioni di anni luce dalla Terra. Questo tipo di esplosione viene definito transiente ottico blu veloce.

Gli astronomi hanno scoperto un raro tipo di galassia descritto come un “anello di fuoco cosmico”. L’illustrazione di questo artista mostra la galassia com’era 11 miliardi di anni fa.

Questa è l’impressione di un artista del disco del lupo, un’enorme galassia a disco rotante nell’universo primordiale.

Un “involucro” giallo brillante vicino al centro di questa immagine mostra dove potrebbe formarsi un pianeta attorno alla stella AB Aurigae. Immagine catturata dal Very Large Telescope dell’European Southern Observatory.

L’illustrazione di questo artista mostra le orbite di due stelle e un buco nero invisibile a 1.000 anni luce dalla Terra. Questo sistema include una stella (piccola orbita blu) in orbita attorno a un buco nero appena scoperto (orbita in rosso), così come una terza stella in un’orbita più ampia (anche in blu).

Questa illustrazione mostra il nucleo di una stella, nota come nana bianca, trascinata in orbita attorno a un buco nero. Durante ogni orbita, il buco nero sminuzza più materiale dalla stella e lo trascina in un disco incandescente di materiale attorno al buco nero. Prima di incontrare un buco nero, la stella era una gigante rossa nelle fasi finali dell’evoluzione stellare.

L’illustrazione dell’artista mostra la collisione di due corpi ghiacciati di 125 miglia di larghezza, in orbita attorno alla stella luminosa Fomalhaut, a 25 anni luce di distanza. Si pensava che l’osservazione delle ripercussioni di questa collisione fosse un esopianeta.

Ecco l’impressione di un artista di una cometa interstellare 2I / Borissov mentre viaggia attraverso il nostro sistema solare. Nuove osservazioni hanno rivelato monossido di carbonio nella coda della cometa mentre il sole stava riscaldando la cometa.

Questo motivo a rosa è l’orbita di una stella, chiamata S2, attorno al buco nero supermassiccio al centro della nostra galassia, la Via Lattea.

Questa è l’illustrazione di un artista delle SN2016aps, che gli astronomi ritengono sia la supernova più luminosa mai osservata.

Questo è il disegno di un artista del corpo di una nana bruna, o “stella fallita”, e del suo campo magnetico. L’atmosfera e il campo magnetico della nana bruna ruotano a velocità diverse, consentendo agli astronomi di determinare la velocità dei venti sull’oggetto.

L’illustrazione di questo artista mostra un buco nero di massa media squarciato in una stella.

Questa è l’impressione di un artista di una grande stella conosciuta come HD74423 e della sua compagna nana rossa molto più piccola in un sistema stellare binario. La grande stella sembra pulsare solo su un lato ed è distorta dall’attrazione gravitazionale della stella compagna sotto forma di una lacrima.

Ecco l’impressione di un artista di due nane bianche nel processo di fusione. Mentre gli astronomi hanno ipotizzato che ciò potrebbe causare una supernova, hanno trovato un esempio di due stelle nane bianche che sono sfuggite a una fusione.

Una combinazione di telescopi spaziali e terrestri ha trovato le prove della più grande esplosione osservata nell’universo. L’esplosione è stata causata da un buco nero situato nella galassia centrale dell’ammasso di Ofiuco, che ha rilasciato getti e ha scavato una grande cavità nel gas caldo circostante.

Questa nuova immagine di ALMA mostra il risultato di una battaglia stellare: un ambiente gassoso incredibilmente complesso che circonda il sistema stellare binario HD101584.

Il telescopio spaziale Spitzer della NASA ha catturato la Nebulosa Tarantola in due lunghezze d’onda della luce infrarossa. Il rosso rappresenta il gas caldo e il blu rappresenta la polvere interstellare.

Una nana bianca, a sinistra, estrae materiale da una nana bruna, a destra, a circa 3000 anni luce dalla Terra.

Questa immagine mostra le orbite dei sei oggetti G al centro della nostra galassia, con il buco nero supermassiccio indicato da una croce bianca. Stelle, gas e polvere sullo sfondo.

Dopo che le stelle muoiono, espellono le loro particelle nello spazio, che a loro volta formano nuove stelle. In un caso, la polvere di stelle è diventata parte integrante di un meteorite caduto sulla Terra. Questa illustrazione mostra che la polvere di stelle può fluire da fonti come la Nebulosa Uovo per creare granelli recuperati da un meteorite, atterrato in Australia.

L’ex stella polare, Alpha Draconis o Thuban, è cerchiata qui nell’immagine del cielo settentrionale.

UGC 2885, soprannominato “la galassia Godzilla”, potrebbe essere il più grande dell’universo locale.

La galassia ospite dell’esplosione radio rapida ripetuta di recente tracciata è stata ottenuta con il telescopio Gemini-North 8 m.

READ  Trisha Yearwood riceve un vaccino COVID due mesi dopo essere risultato positivo
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Un nuovo lotto di tre aerei da combattimento Rafale lascia la Francia per l’India
Next Post Il viaggio del servizio espresso italiano di Ynot inizia