Una stella che crolla produce una delle esplosioni più spettacolari di sempre

Rappresentazione artistica di un getto di lampi di raggi gamma relativistica (GRB), un’esplosione di una stella in collasso e l’emissione di fotoni ad alta energia.

DESY, Laboratorio di Comunicazione Scientifica

Quando alcune stelle muoiono, collassano e si trasformano in una supernova, producendo lampi luminosi di raggi gamma e raggi X noti come Lampi di raggi gamma. Si pensa che i GRB siano le più grandi esplosioni dell’universo e gli scienziati hanno ora osservato esplosioni più vicine che mai, portando a una sorpresa che sfida la nostra comprensione delle esplosioni supermassicce che possono anche generare buchi neri.

I satelliti Fermi e Swift della NASA hanno rilevato un lampo di raggi gamma in direzione della costellazione dell’Eridano il 29 agosto 2019. Classificato come GRB 190829A, quasi immediatamente, gli osservatori di tutto il mondo si sono spostati automaticamente per raccogliere più dati sull’evento cosmico.

Si scopre che si trova a circa un miliardo di anni luce di distanza, una distanza confortevole per guardare lo spettacolo molto violento, ma è circa 20 volte più vicino alla Terra di un tipico GRB.

Andrew Taylor del centro di ricerca tedesco Deutsches Elektronen-Synchrotron spiega in Permesso.

I GRB si presentano in due fasi: un’onda d’urto caotica iniziale che di solito dura meno di un minuto circa, seguita da una lenta e notevole dissolvenza per giorni. Taylor riferisce che la seconda fase di GRB 190829A può essere osservata “per molti giorni e per energie di raggi gamma senza precedenti”.

È possibile che la ragione della radiazione energetica da record osservata dagli scienziati sia stata la relativa vicinanza del GRB.

L’attuale comprensione dei GRB postula che i raggi X e gamma osservati da tali esplosioni siano prodotti da meccanismi separati che coinvolgono diversi tipi di particelle in collisione (si pensi all’acceleratore di particelle sulla Terra). Tuttavia, i dati del GRB senza precedenti suggeriscono che i componenti dei raggi X e dei raggi gamma sono in realtà il risultato dello stesso meccanismo.

“È un po’ inaspettato”, afferma Dmitriy Khangulyan della Rikkyu University di Tokyo.

Khangulyan e Taylor sono tra i numerosi coautori di un articolo sulla scoperta Pubblicato giovedì in Science. Alla fine, l’esclusione dall’osservazione da record è che c’è altro da imparare e capire sui GRB.

“Guardando al futuro, le prospettive per il rilevamento di lampi di raggi gamma da parte di strumenti di prossima generazione come il Cherenkov Telescope Array attualmente in costruzione nelle Ande cilene e sull’isola canaria di La Palma sembrano promettenti”, afferma Stefan Wagner. , il portavoce dell’High Energy Stereoscopic System, un osservatorio specializzato in Namibia che è stato utilizzato per studiare GRB 190829.

E ovviamente, si spera, le future scoperte di GRB continueranno a essere distanti diversi milioni se non miliardi di anni luce dalla Terra.

Seguire CNET Calendario spaziale 2021 Per stare al passo con le ultime novità spaziali di quest’anno. Puoi persino aggiungerlo al tuo Google Calendar.

READ  Brood X: Trilioni di cicale stanno per emergere dopo 17 anni sottoterra
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post I bambini d’Italia ospiteranno le Olimpiadi Speciali | Notizie, sport, lavoro
Next Post Vanessa Bryant chiama Nike per le scarpe “non autorizzate” in onore di sua figlia