Una quarta ondata è improbabile in India; Il governo non sta valutando la possibilità di vietare i voli internazionali, affermano fonti

Molti Paesi stanno somministrando una terza o quarta dose di richiamo di Covid, ma l’India, dove molti individui completamente vaccinati non hanno assunto nemmeno una singola dose, non c’è ancora, dicono gli esperti sottolineando la necessità di una risposta ordinata e sistematica.

Con Covid di nuovo sul radar con un’improvvisa ondata in Cina e la gente preoccupata per un’altra ondata in India e se il governo dovrebbe ora consentire una seconda dose di richiamo da aggiungere alla doppia protezione, alcuni scienziati chiedono un controllo della realtà.

Hanno detto che una quarta dose per prevenire il Covid non è giustificata in questo momento perché la maggior parte delle persone nel paese non ha ancora ricevuto una terza dose e non ci sono dati disponibili sui benefici di una seconda spinta per i vaccini attualmente in uso. Inoltre, la situazione in India, dove un gran numero di persone è stato esposto al virus e anche vaccinato, è molto diversa. “Non c’è motivo di aspettarsi che la situazione cinese, che è stata modellata proprio dalle politiche zero Covid attuate dal Paese per circa tre anni, preveda qualcosa in India”, ha affermato Satyajit Rath, membro della facoltà associata presso l’Indian Institute of Scienza. Istruzione e ricerca (IISER), Pune.

La Cina ha visto migliaia di casi al giorno nelle ultime settimane. Il ministero federale della Salute ha dichiarato che mercoledì l’India ha registrato 188 nuovi casi di coronavirus, con un tasso positivo giornaliero dello 0,14% e un tasso positivo settimanale dello 0,18%.

“La situazione indiana, con l’effettiva diffusione dell’infezione e della vaccinazione, è molto diversa. Il virus Covid alla fine si diffonde e quindi muta nelle società di tutto il mondo, non solo in Cina, quindi nuove varianti stanno emergendo ovunque”, ha detto Rath. PTI.

READ  Lo Sri Lanka prevede di sviluppare il porto di Trincomalee come polo industriale, suscitando l'interesse globale

L’onda Omicron ha colpito l’India circa un anno fa. L’immunologo Vineeta Bal, dell’IISER Pune, ha aggiunto che se questa infezione non si traducesse in una sufficiente immunità specifica per Omicron, nessuno dei vaccini attualmente disponibili in India fornirebbe maggiore protezione.

Paesi come Stati Uniti e Regno Unito stanno somministrando la terza e la quarta dose di richiamo a individui completamente vaccinati, nonché iniezioni aggiuntive a coloro che sono immunocompromessi e che non hanno avuto una forte risposta immunitaria dalle loro dosi iniziali.

L’ex presidente dell’Associazione medica indiana, il dottor Jayalal, ha dichiarato martedì che l’IMA in una riunione ha esortato il ministro della salute sindacale Mansukh Mandavia a prendere in considerazione una quarta dose per gli operatori sanitari e gli operatori in prima linea.

L’incontro è avvenuto sullo sfondo di casi in aumento a livello globale, in particolare in Cina, Giappone, Corea del Sud e Tailandia.

“Gli operatori sanitari sono più esposti a più pazienti infettati dal coronavirus, il che porta a un accumulo cumulativo di una carica virale più elevata e a un’esposizione ripetuta al virus che porterà a più infezioni nella comunità sanitaria”, ha detto Jayalal a PTI.

“Per contrastare questo, hanno bisogno di un’immunità potenziata contro il virus”, ha detto.

Tuttavia, l’immunologo Pal non è d’accordo, sottolineando che una quarta dose di un vaccino anti-Covid non è giustificata al momento per molteplici motivi.

“La maggior parte degli indiani di età superiore ai 18 anni ha ricevuto la prima dose, ma un numero molto significativo non ha ricevuto la seconda o la terza dose. Quindi, se i medici richiedono un richiamo extra, è una risposta di panico, senza un controllo della realtà”.

READ  Qual è la Costituzione Reale dell'Afghanistan del 1964 che i talebani intendono adottare? | notizie dal mondo

Secondo i dati del governo, a circa 22,35 crore sono state somministrate dosi di richiamo o precauzionali, ovvero il 27% della popolazione totale ammissibile ai richiami. Questo lascia la stragrande maggioranza senza potenziatori.

Inoltre, Pfizer-BioNTech e Moderna, produttori di due dei vaccini Covid più utilizzati, hanno sviluppato vaccini aggiornati che proteggono in modo più efficace dalla nuova variante Omicron.

In India, i vaccini attualmente in uso, tra cui Covishield, Covaxin e il vaccino nasale recentemente lanciato, iNCOVACC, sono progettati dal ceppo Wuhan del vaccino SARS-CoV-2 e non contengono componenti virali specifici di Omikron.

Secondo Pal, il numero di casi giornalieri dovrebbe essere monitorato e le persone che atterrano in aeroporto a caso dovrebbero essere testate e testate regolarmente in caso di aumento dei casi.

Ha affermato che il sequenziamento di almeno un sottoinsieme dei campioni RT-PCR positivi è necessario perché la variante prevalente in Cina, BF.7, è raramente identificata in India.

Rath era d’accordo con Pal, dicendo che le autorità non sembravano aver fatto alcuno sforzo significativo per completare la consegna delle terze dosi “precauzionali” a tutti.

Ha aggiunto: “… molti dei diversi pool di vaccini che abbiamo approvato non hanno raggiunto molte persone, né sembra che abbiamo stabilito piani sistematici per sviluppare, testare, approvare e distribuire versioni di vaccini di nuova generazione per nuove varianti emergenti. “

Secondo Rath, non ci sono ancora prove che suggeriscano una grande “ondata” nazionale di Covid grave. Ha aggiunto che il governo e la società non sono riusciti a continuare a riconoscere che la pandemia era ancora in corso e necessitava di una risposta sistematica e orientata alla salute pubblica.

READ  Blinken visiterà l'India il 28 luglio e terrà colloqui con il Primo Ministro e il Ministro degli Esteri | notizie dal mondo

“Abbiamo sicuramente bisogno di una vaccinazione continua, ma abbiamo bisogno di politiche basate sull’evidenza che raccomandino quali vaccini specifici dovrebbero essere assunti dalle popolazioni come dosi continue”, ha detto Rath.

“Fondamentalmente, abbiamo bisogno di una sorveglianza molto migliore, abbiamo bisogno di una migliore sorveglianza per le nuove varianti, abbiamo bisogno di una pipeline per sviluppare versioni di vaccini di nuova generazione per varianti emergenti”, ha aggiunto.

Pal ha detto che la paura della diffusione del Covid dovrebbe essere usata per vaccinare i bambini.

“Per quanto ne so, almeno due vaccini, Corbevax e il vaccino mRNA di Gennova, sono stati approvati o stanno cercando l’approvazione per la fascia di età superiore ai cinque anni”, ha aggiunto.

Covaxin è approvato anche per i bambini. Abbiamo assistito a uno spaventoso sconvolgimento della vita dei giovani con la chiusura anticipata di scuole e università. Questo deve essere evitato a tutti i costi ora. Quindi l’attenzione alla vaccinazione per i gruppi di età sotto i 18 anni è fondamentale”, ha affermato Pal.

La necessità di andare avanti, ha detto Pal, è aumentare la sorveglianza.

“Fornire infrastrutture e denaro sufficienti per condurre la sorveglianza e stabilire un solido meccanismo di sorveglianza di routine affinché il Paese monitori qualsiasi malattia infettiva”, ha aggiunto.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Ryanair, Wizz Air e easyJet affrontano un’inchiesta dall’Italia sulle tariffe per i voli in Sicilia, riferisce Reuters
Next Post Shiffrin d’oro nello slalom gigante di Coppa del Mondo per il secondo giorno consecutivo, quinto il canadese Grenier