Una nuova specie di lucertola esotica estinta – così strana che è stata identificata come un dinosauro delle dimensioni di un colibrì

L’Oculudentavis naga, come raffigurato nella ricostruzione di questo artista, era una strana lucertola che i ricercatori inizialmente hanno faticato a classificare. Non sono ancora sicuri della sua esatta posizione nell’albero genealogico delle lucertole. Credito: Stephanie Abramovich/Fondazione Museo Pereti/Biologia attualeCu

Un team di ricerca internazionale ha descritto una nuova specie di Oculudentavis, fornendo ulteriori prove che l’animale identificato per la prima volta come dinosauro delle dimensioni di un colibrì era in realtà una lucertola.

La nuova specie, denominata Oculudentavis naga in onore del popolo Naga del Myanmar e dell’India, è rappresentata da uno scheletro parziale che include un cranio completo, squisitamente conservato in ambra con squame visibili e tessuti molli. L’esemplare è dello stesso genere di Oculudentavis khaungraae, la cui descrizione originale come il più piccolo uccello conosciuto è stata ritirata l’anno scorso. I due fossili sono stati ritrovati nella stessa zona e hanno circa 99 milioni di anni.

I ricercatori hanno pubblicato i loro risultati in biologia attuale Oggi (14 giugno 2021).

Il team, guidato da Arnau Polit dell’Instituto Catala de Paleontology di Barcellona, ​​Miquel Crusafont, ha utilizzato la tomografia computerizzata per separare, analizzare e confrontare digitalmente ogni osso delle due specie, per rivelare una serie di caratteristiche fisiche che distinguono i piccoli animali come lucertole. Politt ha detto che Oculudentavis è molto strano, tuttavia, ed è stato difficile classificarlo senza un attento esame delle sue caratteristiche.

“L’esemplare ci ha sconcertato tutti all’inizio perché se si trattava di una lucertola, era molto insolito”, ha detto in un comunicato stampa istituzionale.

Pollitt e i suoi colleghi, esperti di lucertole di tutto il mondo, hanno osservato per la prima volta l’esemplare mentre studiavano una collezione di fossili di ambra ottenuti in Myanmar dal gemmologo Adolph Peretti. (Nota: l’estrazione e la vendita dell’ambra birmana sono spesso intrecciate con le violazioni dei diritti umani. Peretti ha acquistato legalmente il fossile prima della disputa nel 2017. Maggiori dettagli appaiono nella dichiarazione etica alla fine di questa storia.)

La nuova specie appartiene al genere erroneamente identificato come uccello

Oculudentavis naga, la parte superiore, è dello stesso genere di Oculudentavis khaungraae, la parte inferiore, un esemplare la cui controversa identificazione come mattiniero è stata ritirata l’anno scorso. I crani di entrambi gli esemplari sono stati deformati durante la conservazione, enfatizzando caratteristiche simili a lucertole in uno e caratteristiche simili a uccelli nell’altro. Crediti: Edward Stanley del Florida Museum of Natural History/Pereti Museum Foundation/Current Biology

L’esperto di rettili Juan Diego Daza ha esaminato il cranio insolitamente piccolo conservato con una breve porzione della colonna vertebrale e delle ossa della spalla. Anche lui era confuso dalla sua strana serie di caratteristiche: potrebbe essere una specie di pterodattilo o forse un antico parente di varano?

READ  Il telescopio spaziale Webb della NASA è pronto a distribuire una protezione solare e rinfrescarsi

“Dal momento in cui abbiamo caricato la nostra prima TAC, tutti hanno iniziato a pensare a cosa potesse essere”, ha detto Daza, assistente professore di scienze biologiche presso la Sam Houston State University. “In definitiva, uno sguardo più attento e le nostre analisi ci aiutano a chiarire la sua posizione”.

Gli indizi principali che il misterioso animale fosse una lucertola includevano la presenza di squame. I denti si attaccano direttamente alla mandibola, piuttosto che essere collocati in cavità, come i denti dei dinosauri; Strutture oculari simili a lucertole e ossa della spalla. Un osso cranico a forma di mazza da hockey è universalmente condiviso tra i rettili di grandi dimensioni, noti anche come cupole.

Il team ha anche determinato che i crani di entrambe le specie erano stati deformati durante la conservazione. Il naso di Oculudentavis khaungraae è stato compresso in una forma più stretta, più simile a un becco, mentre il cervello di O. naga, la parte del cranio che circonda il cervello, è stato compresso. Il coautore dello studio Edward Stanley, direttore del Discovery and Digital Publishing Laboratory presso il Florida Museum of Natural History, ha affermato che le anomalie hanno evidenziato caratteristiche simili a uccelli in un cranio e caratteristiche simili a lucertole nell’altro.

Le squame delle lucertole hanno 99 milioni di anni

L’ambra può preservare meravigliosamente piccoli animali della foresta che altrimenti decadrebbero. Le scansioni TC di questo fossile di Oculudentavis naga mostrano squame, pelle e tessuti molli del campione. Crediti: Adolf Peretti / Fondazione Museo Peretti / Current Biology

“Immagina di prendere una lucertola e pizzicargli il naso in un triangolo”, ha detto Stanley. “Assomiglia molto a un uccello.”

Susan Evans, professore di morfologia e paleontologia dei vertebrati presso l’University College di Londra, ha affermato che le dimensioni del cranio da uccello di Oculudentavis non indicavano che fosse correlato agli uccelli.

READ  DAVINCI + per esplorare i destini divergenti del misterioso gemello terrestre

“Sebbene rappresenti un teschio a cupola e un muso lungo e affusolato, non presenta figure fisiche significative che potrebbero essere utilizzate per mantenere uno stretto rapporto con gli uccelli e tutte le sue caratteristiche indicano che si tratta di una lucertola”, ha detto.

Mentre i crani delle due specie non si assomigliano molto a prima vista, le loro caratteristiche comuni sono diventate più chiare quando i ricercatori hanno isolato digitalmente ogni osso e li hanno confrontati tra loro. Le differenze sono state ridotte al minimo quando la forma originale di entrambi i fossili è stata ricostruita attraverso un processo meticoloso noto come rimodellamento, condotto da Marta Vidal Garcia dell’Università di Calgary in Canada.

“Abbiamo scoperto che entrambi gli esemplari sono abbastanza simili da appartenere allo stesso genere, Oculudentavis, ma una serie di differenze indica che rappresentano due specie separate”, ha detto Politt.

Nell’esemplare meglio conservato di O. naga, ha detto Evans, il team è stato anche in grado di identificare una cresta rialzata che si estende sotto la parte superiore del muso e un lembo di pelle cadente sotto il mento che potrebbe essersi rigonfiato in larghezza. Tuttavia, i ricercatori hanno fallito nei loro tentativi di trovare la posizione esatta di Oculudentavis nell’albero genealogico della lucertola.

“È un animale davvero strano. Non è come qualsiasi altra lucertola che abbiamo oggi”, ha detto Daza. “Pensiamo che rappresenti un gruppo di occupanti abusivi di cui non eravamo a conoscenza”.

Il periodo Cretaceo, da 145,5 a 66 milioni di anni fa, ha dato origine a molti gruppi di lucertole e serpenti sul pianeta oggi, ha detto Daza, ma rintracciare i fossili di questa era fino ai loro parenti viventi più stretti può essere difficile.

“Stimiamo che molte lucertole siano sorte durante questo periodo, ma non si sono ancora evolute nel loro aspetto moderno”, ha detto. “Ecco perché possono ingannarci. Possono avere le caratteristiche di questo o quel gruppo, ma in realtà non corrispondono del tutto”.

READ  Il rover perseveranza per la NASA raccoglie il primo campione di rocce marziane - Mars Exploration Program della NASA

La maggior parte dello studio è stato condotto utilizzando i dati TC generati presso l’Australian Neutron Scattering Center e la High Resolution X-ray Tomography Facility presso l’Università del Texas ad Austin. Stanley ha affermato che O. naga è ora disponibile digitalmente per chiunque disponga di una connessione Internet, consentendo la rivalutazione dei risultati del team e aprendo la possibilità di nuove scoperte.

“Con la paleontologia, spesso hai solo un esemplare di una specie con cui lavorare, il che rende questo individuo molto importante. Quindi i ricercatori possono essere piuttosto protettivi nei suoi confronti, ma la nostra mentalità è ‘facciamolo lì'”, ha detto Stanley. ricerca, non necessariamente fare la ricerca. Riteniamo che sia così che dovrebbe essere”.

Mentre i depositi di ambra del Myanmar sono un tesoro di lucertole fossili che non si trovano in nessun’altra parte del mondo, Daza ha affermato che il consenso tra i paleontologi è che l’ambra birmana sta diventando sempre più difficile da ottenere, soprattutto dopo che i militari hanno preso il potere in Myanmar.

“Come scienziati riteniamo che il nostro compito sia quello di scoprire queste inestimabili tracce di vita, in modo che il mondo intero possa conoscere meglio il passato. Ma dobbiamo stare molto attenti a non beneficiare nel processo un gruppo di persone che commettono crimini contro l’umanità.” Alla fine, il merito dovrebbe andare ai minatori che rischiano la vita per recuperare questi incredibili fossili di ambra”.

Altri coautori sono C. Salvador Arias del Consiglio Nazionale della Ricerca Scientifica e Tecnica dell’Argentina (CONICET – Fondazione Miguel Lillo); Andrej Cernansky dell’Università Comenius di Bratislava, Slovacchia; Aaron Bauer dell’Università di Villanova; Joseph Bevet dell’Organizzazione australiana per la scienza e la tecnologia nucleare; e Adolf Peretti della Fondazione Museo Peretti in Svizzera.

Un campione digitale 3D di O. naga è disponibile online tramite MorphoSource. Il fossile di O. naga si trova nella Fondazione del Museo Peretti in Svizzera e l’esemplare di O. khaungraae si trova nell’Hupoge Amber Museum in Cina.

Il campione è stato ottenuto in conformità con le linee guida etiche per l’uso dell’ambra birmana definite dalla Society for Vertebrate Paleontology. Il campione è stato acquistato da società autorizzate indipendenti dai gruppi militari. Queste aziende esportano legalmente pezzi di ambra dal Myanmar, in conformità con un codice etico che garantisce che non vengano commesse violazioni dei diritti umani durante l’estrazione e il marketing e che i fondi delle vendite non sostengano i conflitti armati. Il fossile ha una traccia cartacea documentata, compresi i permessi di esportazione dal Myanmar. Tutti i documenti sono disponibili su richiesta presso la Fondazione Museo Peretti.

Riferimento: 14 giugno 2021 biologia attuale.
DOI: 10.1016 / j.cub.2021.05.040

Finanziamento: National Science Foundation, Sam Houston State University, Royal Society, Ministero della scienza, dell’innovazione e delle università spagnole, Programma CERCA / Generalitat de Catalunya, Ministero dell’istruzione della Repubblica slovacca e Accademia delle scienze slovacca

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Buffon non è ancora il tipo in pensione حتى
Next Post Rob Riggle accusa la ex moglie di spionaggio durante il divorzio