Una nuova ricerca sul DNA mostra che gli esseri umani non hanno causato l’estinzione del mammut lanoso: è stato il cambiamento climatico

Tre mammut lanosi che camminano sulle colline innevate. Dietro di loro, montagne con cime innevate si ergono sopra le foreste verde scuro di abeti rossi. Credito: Daniel Eskridge

nuovo DNA La ricerca mostra che il mondo si sta bagnando troppo perché gli animali giganti possano sopravvivere.

Per cinque milioni di anni, il mammut lanoso ha vagato per la terra fino a quando non è scomparso definitivamente quasi 4.000 anni fa – e gli scienziati hanno finalmente dimostrato il perché.

Immagine moderna del paesaggio artico

Paesaggi artici moderni. Credito: Inger Griff Alsos

I cugini degli odierni elefanti pelosi vivevano accanto ai primi umani ed erano un alimento base della loro dieta: i loro scheletri venivano usati per costruire rifugi, le lance venivano intagliate dalle loro zanne giganti, le opere d’arte che li raffiguravano erano adornate sulle pareti delle caverne e 30.000 anni fa, il macchina più antica Un noto strumento musicale, il flauto, era fatto di osso di mammut.

Ora la tanto discussa domanda sul perché i mammut si siano estinti ha ora una risposta: i genetisti hanno analizzato l’antico DNA ambientale e lo hanno dimostrato perché quando gli iceberg si sono sciolti, sono diventati troppo umidi perché gli animali giganti sopravvivano perché la loro fonte di cibo – la vegetazione – era stata Eliminalo praticamente.

Il progetto di ricerca è stato pubblicato per 10 anni in temperamento natura Il 20 ottobre 2021, è stato presieduto dal professor Eske Willerslev, Fellow del St John’s College, Università di Cambridge, e direttore del Lundbeck Foundation GeoGenetics Centre, Università di Copenaghen.

Il team ha utilizzato il sequenziamento del DNA per analizzare i resti di piante e animali ambientali, tra cui urina, feci e cellule della pelle, prelevati da campioni di terreno raccolti faticosamente in 20 anni da siti nell’Artico dove sono stati trovati resti di mammut. La nuova tecnologia avanzata significa che gli scienziati non devono più fare affidamento su campioni di DNA da ossa o denti per raccogliere materiale genetico sufficiente per ricreare un profilo del DNA antico. La stessa tecnologia è stata utilizzata durante la pandemia per testare le acque reflue della popolazione umana per rilevare, tracciare e analizzare Covid-19.

Mammoth Tusk sulla riva del fiume Logata

Un’enorme zanna sulla riva del fiume Logata. Attestazione: Joanna Anjar

Il professor Willerslev ha dichiarato: “Gli scienziati hanno discusso per 100 anni sul motivo per cui i mammut si sono estinti. Gli esseri umani sono stati incolpati perché gli animali erano sopravvissuti per milioni di anni senza che il cambiamento climatico li avesse uccisi prima, ma quando vivevano insieme agli umani, non duravano a lungo e siamo stati accusati di inseguirli a morte.

READ  Vedi: la sonda della NASA cattura nuove straordinarie immagini di Ganimede

“Finalmente siamo stati in grado di dimostrare che il problema non era solo il cambiamento climatico, ma la sua velocità era l’ultimo chiodo nella bara: non sono stati in grado di adattarsi abbastanza rapidamente quando i paesaggi sono cambiati drasticamente e il loro cibo è diventato scarso.

“Con il riscaldamento del clima, gli alberi e le piante delle zone umide hanno preso il sopravvento e hanno sostituito i giganteschi habitat delle praterie. E dobbiamo ricordare che c’erano molti animali che erano più facili da catturare di un gigantesco mammut lanoso: potevano crescere fino all’altezza di un doppio- decker!”

I mammut lanosi e i loro antenati hanno vissuto sulla Terra per cinque milioni di anni e enormi mostri si sono evoluti e hanno superato molte ere glaciali. Durante questo periodo, branchi di mammut, renne e rinoceronti lanosi prosperavano in condizioni di freddo e neve.

Nonostante il freddo, crebbe molta vegetazione per mantenere in vita i diversi tipi di animali: erba, fiori, piante e piccoli arbusti che sarebbero stati mangiati dal mammut vegetale le cui zanne probabilmente spalavano via la neve e probabilmente usavano i loro tronchi per sradicare le erbacce dure . Era molto grande perché aveva bisogno di uno stomaco enorme per digerire l’erba.

Paesaggio artico moderno

Paesaggi artici moderni. Credito: Inger Griff Alsos

I mammut possono viaggiare l’equivalente di fare il giro del mondo due volte durante la loro vita e i reperti fossili mostrano che hanno vissuto in tutti i continenti tranne l’Australia e il Sud America. Si sapeva che gli abitanti erano inizialmente sopravvissuti alla fine dell’ultima era glaciale in piccole sacche al largo della costa della Siberia e dell’Alaska – sull’isola di Wrangel e St. da vicino, anche se sono geograficamente separati. Nell’ambito del progetto, il team ha anche sequenziato per la prima volta il DNA di 1.500 piante nell’Artico in modo da poter trarre queste conclusioni importanti a livello globale.

READ  Primo caso della variante omicron COVID rilevato in un residente in Georgia

Il dottor Yucheng Wang, primo autore dell’articolo e ricercatore associato presso il Dipartimento di zoologia dell’Università di Cambridge, ha dichiarato: “L’era glaciale più recente – chiamata era glaciale – è terminata 12.000 anni fa quando i ghiacciai hanno iniziato a sciogliersi e i mammut erranti” Si pensava che i mammut si fossero estinti in quel periodo, ma abbiamo anche scoperto che in realtà è sopravvissuto dopo l’era glaciale in varie regioni dell’Artico e nell’Olocene – il tempo in cui viviamo oggi – molto più a lungo degli scienziati realizzato.

Sottocampioni di sedimenti artici

Una selezione di sedimenti prelevati da siti in tutto l’Artico. Credito: Yucheng Wang

“Abbiamo ingrandito i dettagli intricati del DNA ambientale e mappato la diffusione della popolazione di questi mammiferi e mostrato come stanno diventando sempre più piccoli e anche la loro diversità genetica diventa sempre più piccola, rendendo difficile la sopravvivenza.

“Quando il clima è diventato più umido e il ghiaccio ha iniziato a sciogliersi, questo ha portato alla formazione di laghi, fiumi e paludi. L’ecosistema è cambiato e la biomassa della vegetazione è diminuita e non sono stati in grado di sostenere le mandrie di mammut. Abbiamo dimostrato che il cambiamento climatico, in particolare le precipitazioni, portano direttamente al cambiamento della vegetazione: gli esseri umani non hanno avuto alcun effetto su di loro in base ai nostri modelli.

Gli umani hanno vissuto accanto ai mammut lanosi per almeno 2.000 anni – erano presenti anche quando furono costruite le piramidi. La loro scomparsa è un’altra grande storia di estinzione naturale. Il nostro fascino per le bestie enormi continua oggi con Manny il mammut lanoso che interpreta il personaggio principale in cinque era glaciale Film d’animazione, gli scienziati sperano di farli rivivere dalla morte.

Steppe mastodontiche da sedimenti di eDNA

Mammut steppa. Credito: Guogang Zhang @ Università Hubei

Il professor Willerslev ha dichiarato: “Questa è una dura lezione dalla storia e mostra quanto sia imprevedibile il cambiamento climatico: una volta che qualcosa si perde, non si può tornare indietro. Le piogge sono state la causa dell’estinzione del mammut lanoso attraverso i cambiamenti nella vegetazione. Il cambiamento è avvenuto così rapidamente che non potevano adattarsi ed evolversi per sopravvivere.

READ  Boeing blocca il lancio della capsula dell'equipaggio Starliner alla stazione spaziale

“Dimostra che nulla è garantito quando si tratta dell’effetto di drammatici cambiamenti del tempo. I primi umani avrebbero visto il mondo cambiare oltre ogni riconoscimento – potrebbe facilmente accadere di nuovo e non possiamo considerare che saremo presenti fino a quando non lo assisteremo. L’unica cosa che possiamo aspettarci con certezza è che il cambiamento sarà massiccio”.

Riferimento: “Late Quaternary Dynamics of Arctic Organisms from Ancient Environmental Genomics” di Yusheng Wang, Mikkel Winter Pedersen, Inger Greve Alsos, Bianca de Sanctis, Fernando Racemo, Anna Prohasca, Eric Cuisack, Hana Louis Owens, Marie-Christine Furyed Merkel, Antonio Fernandez-Gira, Alexandra Roilard, Yuri Lamers, Adriana Alberti, France Denwood, Daniel Mooney, Anthony H. Rutter, Hugh McCall, Nikolai Krug-Larsen, Anna A. Sherzova, Mary E. Edwards, Gregory P. Fedorov, James Healy, Ludovic Orlando, Lasse Vinner, Thorfinn Sand Korneliussen, David W.Billman, Anders A. Bjørk, Jialu Cao, Christoph Dockter, Julie Esdale, Galina Gusarova, Kristian K. Kjeldsen, Jan Mangerud, Jeffrey T. Rasic, Birgitte Skadhauge, John Inge , Alex Svendsen, Alex Tikhonov, Patrick Winker, Wenchun Sheng, Yupin Zhang, Duane J. Froese, Carsten Rabek, David Bravo Nogis, Philip Holden, Neil R. Edwards, Richard Durbin e David J. Eske Willerslev, 20 ottobre 2021, disponibile qui. temperamento natura.
DOI: 10.1038 / s41586-021-04016-x

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Vittori sconfigge Costa all’UFC Vegas 41
Next Post Scopri come guardare il concerto online