Una donna di Tacoma malata di tubercolosi viene trovata in oltraggio alla corte dopo aver rifiutato le cure

Una donna di Tacoma malata di tubercolosi viene trovata in oltraggio alla corte dopo aver rifiutato le cure

(CNN) Una donna nello stato di Washington che ha rifiutato di isolarsi o di farsi curare per la tubercolosi per più di un anno è stata condannata per oltraggio alla corte venerdì.

“Le forze dell’ordine hanno un mandato di arresto civile che consente loro di trattenere un paziente che continua a rifiutare le cure”, ha dichiarato venerdì il dipartimento sanitario della contea di Tacoma-Pierce.

Il giudice della Corte superiore della contea di Pierce, Philip Sorenson, ha firmato un’ingiunzione per oltraggio e ha ordinato la detenzione forzata, la libertà vigilata e il trattamento.

La tubercolosi si trasmette attraverso l’aria da persona a persona, secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie.

Se non trattata adeguatamente, afferma il CDC, la tubercolosi può essere fatale.

I documenti del tribunale affermano che la donna sarà trattenuta nella prigione della contea di Pierce per un massimo di 45 giorni per test e cure, quindi non rappresenta più una minaccia per la salute pubblica.

Non era in tribunale venerdì, secondo il verbale del tribunale.

Fatti veloci sulla tubercolosi

Il dipartimento sanitario della contea di Tacoma-Pierce ha affermato che il caso è un “caso raro” di un paziente che rifiuta le cure e che ha lavorato con la famiglia e la comunità per più di un anno per convincere la donna a prendere il farmaco.

Questa è la terza volta in 20 anni che il dipartimento sanitario della contea di Tacoma-Pierce ha chiesto un’ingiunzione del tribunale per trattenere un paziente potenzialmente infettivo che rifiuta il trattamento per la tubercolosi, secondo il dipartimento.

La CNN ha contattato l’avvocato della donna.

READ  Nuove incredibili mappe della psiche degli asteroidi rivelano un antico mondo di metal e rock

Katherine Dillinger della CNN ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *