Una coppia indiana tenta di fuggire da Singapore dopo una denuncia di aiuto locale e la loro prigionia

Amina, la domestica indonesiana della coppia, ha riferito che la coppia è stata maltrattata.

Singapore:

I media locali hanno riferito che una coppia indiana è stata incarcerata venerdì in un tribunale di Singapore per reati legati all’assunzione di una domestica nonostante fosse stata inserita nella lista nera dal Ministero del Lavoro e ostruzione alla giustizia.

Syed Muhammad Biran Syed Amir Hamzah, che ha aggirato la lista nera della MOM usando l’identità del suo collega per assumere una collaboratrice domestica indonesiana, è stato imprigionato per 36 settimane, o circa otto mesi.

Il 41enne singaporiano si è dichiarato colpevole durante il processo con l’accusa di ostacolare la giustizia e indurre il suo partner a fornire informazioni false per ottenere un permesso di lavoro.

Sua moglie Sabah Parveen, 37 anni, residente permanente in India, è stata incarcerata per tre giorni dopo essersi dichiarata colpevole di ostruzione alla giustizia.

Amina, la domestica indonesiana della coppia, ha riferito che la coppia è stata maltrattata.

Secondo un rapporto di TODAY, durante la sentenza è stata presa in considerazione un’altra accusa di non aver pagato per intero lo stipendio di Amina.

Il giudice distrettuale Jennifer Marie ha emesso una breve assoluzione dall’accusa affrontata da entrambi i coniugi e non è riuscita a garantire che Amina ricevesse un riposo adeguato ogni giorno.

Ciò significa che possono essere perseguiti per questi crimini in futuro, ad esempio, se emergono nuove prove.

La coppia ha pianto sul banco degli imputati mentre leggeva le loro frasi. Sabah ha iniziato a scontare la sua pena immediatamente, mentre Syed lo farà il 7 gennaio per prendersi cura dei loro due bambini piccoli e sistemare alcune questioni lavorative, riporta TODAY.

La corte ha sentito che nel 2014 Sabah è stato accusato di tre capi di imputazione per aver causato volontariamente danni al lavoratore domestico in quel momento.

READ  L'India tiene riunioni del G20 in Ladakh

Tuttavia, le tasse sono state esacerbate quando ha pagato 5.000 S$ di risarcimento, incluso un biglietto aereo, al lavoratore in quel momento.

Nel maggio 2015, Sayed ha appreso che lui e la sua famiglia erano stati inseriti nella lista nera per aver assunto lavoratori domestici stranieri fino al 30 giugno 2019.

Ha quindi scritto al Ministero del Lavoro per cercare di revocare il divieto, ma è stato rifiutato.

All’inizio del 2018, ha reclutato Amina. Era in Indonesia in quel momento.

Poi, nel luglio dello stesso anno, ha aggirato il divieto convincendo un collega a richiedere l’approvazione iniziale per assumere Amina come collaboratrice domestica a Singapore. Questo è stato il primo passo per richiedere un permesso di lavoro.

Syed ha chiesto a Suresh Murugian, un collega di origine indiana a Singapore, di riferirsi falsamente al Ministero del Lavoro come datore di lavoro di Amina.

Il sistema dei permessi di lavoro della mamma ha approvato automaticamente la richiesta di Suresh. La corte ha sentito che se Syed o i membri della sua famiglia avessero usato il sistema, avrebbe automaticamente bloccato la loro richiesta.

Amina è arrivata a Singapore il 17 luglio 2018 e ha iniziato a lavorare per Syed e Sabah.

Poco dopo, Syed persuase Suresh a presentare moduli ufficiali per il permesso di lavoro, che affermavano ancora una volta che Suresh era il datore di lavoro di Amina.

La domanda di permesso di lavoro è stata approvata il 14 agosto 2018. A gennaio 2019, la famiglia ha fatto i preparativi per trasferirsi a Hong Kong. Amina pensava che sarebbe stata portata lì anche lei, anche se non voleva andarci.

READ  Il primo ministro Biden desidera il 4 luglio inviare un messaggio silenzioso alla Cina? | Notizie dall'India

Ha trasferito il suo status a un’altra collaboratrice domestica che vive nello stesso complesso di appartamenti nella zona residenziale di Ballester. L’altra donna le ha dato il numero del centro di lavoro domestico, che poi ha informato mia madre.

Quando il ministero ha chiamato Amina e le ha chiesto di fornire informazioni al suo datore di lavoro, ha detto di essere spaventata. Un funzionario investigativo del ministero del Lavoro ha quindi deferito il caso alla polizia.

Il 24 gennaio 2019, gli agenti di polizia hanno visitato la casa di Sayed due volte in rapida successione. Syed ha risposto alla porta entrambe le volte, insistendo sul fatto che non aveva assunto una collaboratrice domestica e che solo lui e la sua famiglia vivevano lì.

Sabah ha assistito a questo e si è resa conto che suo marito poteva essere indagato.

Syed ha quindi chiesto ad Amina di nascondersi in bagno, prima di affrontarla e chiederle perché avesse chiamato la polizia e “(dare loro) un grosso problema”. La stessa notte le ha comprato un biglietto aereo per Jakarta, in Indonesia, usando la sua carta di credito Sabah.

Ad Amina è stato dato un po’ di tempo per fare le valigie e ha ricevuto 1.000 S$ dalla sua paga arretrata. Era stata pagata per i primi tre mesi di lavoro e non era stata pagata per almeno altri due mesi.

Quindi la coppia ha chiesto a due vicini, che non sanno cosa sta succedendo, di aiutare Syed a portare via il bagaglio sicuro. Accompagna Amina all’aeroporto da dove è partita per Jakarta.

Il vice procuratore generale Chung Ki-in ha dichiarato alla corte che dopo “un rapido lavoro di indagine”, la polizia e il ministero del Lavoro hanno capito che Suresh non era un datore di lavoro onesto.

READ  Kerala segnala 4 nuovi casi di Omicron, il conteggio dello stato sale a 15

Syed ha negato di averla impiegata o di conoscerla, rifiutandosi di consegnare il passaporto suo e di sua moglie e dicendo che non avrebbe lasciato Singapore.

Tuttavia, ha acquistato i biglietti aerei poco dopo il suo colloquio con la polizia, cercando di partire lo stesso giorno prima di essere fermato all’aeroporto. Prima che Syed tentasse di andarsene, la polizia aveva inserito la coppia in una lista di divieto, che avvisa le autorità di impedire ad alcune persone di lasciare Singapore.

Amina è tornata a Singapore nel luglio 2019 e successivamente sono emersi ulteriori dettagli, ha affermato DPP Chong.

Ha chiesto che Sayed fosse imprigionato per nove mesi e imprigionato a Sabah, osservando che Amina ha lavorato con la famiglia per sei mesi nonostante la lista nera fosse in vigore.

Per aiutarla, l’avvocato di Syed, Rachel Soh, ha detto di aver assunto Amina preoccupato per la sua famiglia. Suh ha aggiunto che in quel momento stava lavorando come consulente a Hong Kong e voleva il loro sostegno in sua assenza.

L’avvocato Jeremy Pereira, che rappresenta Sabah, ha detto alla corte che Sabah non sapeva cosa avesse fatto suo marito fino a quando gli agenti di polizia non si sono presentati alla porta della casa.

Questo l’ha messa nella “posizione poco invidiabile” di doverlo denunciare alla polizia o rimanere in silenzio. Pereira ha detto che avrebbe potuto incolparla per il suo arresto.

I condannati per intralcio alla giustizia a Singapore possono essere imprigionati fino a sette anni, multati o entrambi.

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dalla troupe di NDTV ed è pubblicata da un feed sindacato.)

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Le prime tendenze del referendum a Taiwan indicano il rifiuto dei tentativi di voto | Taiwan Notizie
Next Post La NASA e SpaceX concludono la revisione della disponibilità a lanciare la 24a missione di rifornimento