Una cometa vista l’ultima volta quando i Neanderthal erano circa 50.000 anni fa è stata rivelata in una nuova foto.

Una cometa che non si vedeva da quando i Neanderthal camminavano sulla Terra è destinata a fare un viaggio di ritorno e gli astronomi hanno condiviso la prima immagine dettagliata della “palla di neve cosmica”.

Ufficialmente conosciuta come C/2022 E3 (ZTF), la cometa orbita attorno al Sole ogni 50.000 anni e dovrebbe avvicinarsi al nostro pianeta il 1° febbraio 2023.

E3 è stato rilevato a marzo, ma recentemente gli scienziati hanno scattato la prima immagine dettagliata che rivela una chioma verdastra più luminosa con una coda di polvere gialla.

Mentre la cometa è troppo debole per essere vista senza un telescopio, dovrebbe essere visibile ad occhio nudo quando si trova a circa 26 milioni di miglia di distanza.

E3 è stato rilevato a marzo, ma recentemente gli scienziati hanno scattato la prima immagine dettagliata che rivela una chioma verdastra più luminosa con una coda di polvere gialla.

All’inizio di marzo, gli astronomi hanno scoperto la cometa C/2022 E3 (ZTF) utilizzando la Wide Field Survey Camera della Zwicky Transit Facility.

Da allora, la nuova cometa di lungo periodo si è notevolmente illuminata e ora sta attraversando la costellazione settentrionale della Corona Boreale nel cielo prima dell’alba.

La cometa si trova attualmente a 117 milioni di miglia dalla Terra ed è programmata per raggiungere il Sole il 1° gennaio, orbitando attorno ad esso e raggiungendo il suo punto più vicino al nostro pianeta.

E3 sarà la prima cometa vista ad occhio nudo da NEOWISE nel luglio 2020.

Tuttavia, NEOWISE ha lasciato una coda lunga e sfocata ed E3 apparirà probabilmente come una striscia grigia nel cielo notturno.

READ  Gli scienziati hanno scoperto fossili di giganteschi dinosauri piumati in Patagonia, in Cile

E3 dovrebbe essere visibile entro il 26 gennaio, ma raggiunge il massimo il 1° febbraio.

Questa cometa non è l’unico spettacolo cosmico programmato per il 2023, poiché inizierà l’anno con l’annuale pioggia di meteoriti Quadrupla e terminerà con l’impressionante pioggia di meteoriti delle Geminidi a dicembre.

La Quadrantide è una delle piogge meteoriche più spettacolari dell’anno e non hai bisogno di attrezzature specializzate per vederla.

Mentre la pioggia di meteoriti è iniziata tecnicamente oggi, raggiungerà il picco nella notte del 3 gennaio e la mattina del 4 gennaio.

È uno sciame sopra la media, che di solito vede passare 40 meteore in un’ora.

Tuttavia, agli estremi, si possono vedere fino a 200 stelle luminose all’ora, ma ciò dipende dalle condizioni ideali e dalla posizione ideale sulla Terra.

E mentre il 2023 volge al termine, la pioggia di meteoriti delle Geminidi illuminerà il cielo il 13-14 dicembre.

La cometa si trova attualmente a 117 milioni di miglia dalla Terra ed è programmata per raggiungere il Sole il 1° gennaio, orbitando attorno ad esso e raggiungendo il suo punto più vicino al nostro pianeta.

La cometa si trova attualmente a 117 milioni di miglia dalla Terra ed è programmata per raggiungere il Sole il 1° gennaio, orbitando attorno ad esso e raggiungendo il suo punto più vicino al nostro pianeta.

Questa cometa non è l'unico spettacolo cosmico programmato per il 2023, poiché inizierà l'anno con l'annuale pioggia di meteoriti Quadrupla e terminerà con l'impressionante pioggia di meteoriti delle Geminidi (nella foto) a dicembre.

Questa cometa non è l’unico spettacolo cosmico programmato per il 2023, poiché inizierà l’anno con l’annuale pioggia di meteoriti Quadrupla e terminerà con l’impressionante pioggia di meteoriti delle Geminidi (nella foto) a dicembre.

I meteoriti sono principalmente bianchi ma possono essere gialli, verdi, rossi o blu.

Mentre la maggior parte degli sciami meteorici sono causati dalle comete, lo sciame meteorico delle Geminidi è unico in quanto lo sciame viene prodotto mentre la Terra attraversa una scia di detriti generata da un asteroide noto come 3200 Phaethon.

READ  Cardiologo di inversione. Ora sta esaminando il morbo di Alzheimer

Dirigiti verso un’area buia, lontano dall’inquinamento luminoso, e concedi ai tuoi occhi almeno 30 minuti per abituarsi al cielo notturno.

La pioggia di meteoriti delle Geminidi fu segnalata per la prima volta nel 1862, ma fu solo nel 1983 che gli scienziati identificarono 3200 Phaethon come fonte.

Si chiamano Geminidi perché mentre la Terra passa attraverso i detriti, illumina la stella Castore nella costellazione dei Gemelli.

Se ti è piaciuto questo articolo…

Lo studio ha determinato che la cometa Atlas potrebbe essere il residuo di una misteriosa palla di fuoco che ha spazzato via 23 milioni di miglia dal sole 5.000 anni fa.

I dinosauri sono stati spazzati via dalla COMETA che ha “spinto” via Giove prima che si schiantasse sulla Terra 66 milioni di anni fa – non un asteroide, affermano gli scienziati

È stato scoperto che una palla di ghiaccio verde brillante che si trovava a 7,1 milioni di miglia dalla Terra conteneva livelli di alcol “anormalmente alti”.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Stati Uniti, Grecia e Italia vincono lo United Tennis Championship a squadre miste | gli sport
Next Post Restrizioni di viaggio per il coronavirus contro i media statali discriminatori per i visitatori cinesi